SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Netservice - Posizionamento su motori di ricerca

Incontri a raffica per il comitato del “sì” alla riforma costituzionale

Martedì 22 è intervenuta l'assessore regionale Bora; giovedì 24 appuntamento al San Rocco con i senatori Fabbri e Marcucci

1.477 Letture
commenti
L'intervento dell'assessore regionale Manuela Bora al Cesano di Senigallia

Un incontro svolto da parte del comitato per il “sì” alla riforma costituzionale e un altro da fare. non si fermano le iniziative in vcista del referendum del 4 dicembre.

Il primo appuntamento si è tenuto martedì 22 novembre al circolo La Marina Pro Cesano: un incontro pubblico a cui hanno preso parte il sindaco e presidente ANCI Marche Maurizio Mangiarlardi, l’assessore regionale Manuela Bora e l’avvocato Michele Castelli, segretario del circolo PD Senigallia 2.
Giovedì 24, alle ore 21, si terrà invece l’incontro all’auditorium San Rocco al quale, oltre al sindaco Mangialardi, parteciperanno i senatori del Partito Democratico Camilla Fabbri e Andrea Marcucci.

La riforma chiarirà e semplificherà il rapporto tra Stato e Regioni – scrivono dal Comitato del Sì – e, con l’eliminazione delle cosiddette “competenze concorrenti”, si eviterà finalmente la confusione e la conflittualità tra Stato e Regioni che ha ingolfato negli scorsi 15 anni il lavoro della Corte Costituzionale.
Materie come le grandi reti di trasporto e di navigazione, la produzione, il trasporto e la distribuzione nazionale dell’energia o la formazione professionale saranno di esclusiva competenza dello Stato.
Alle Regioni, oltre alle competenze proprie (come l’organizzazione sanitaria, il turismo o lo sviluppo economico locale), potranno essere delegate altre competenze legislative. Sarà un modo per promuovere le Regioni più virtuose“.

Con questa riforma inoltre – continuano – il Senato diverrà finalmente il luogo della rappresentanza delle regioni e dei comuni, che potranno così intervenire direttamente nel procedimento legislativo attraverso i sindaci e i consiglieri che ne faranno parte. Per troppi anni, la loro limitata capacità di partecipazione alla formazione delle leggi dello Stato ha causato ritardi, conflitti e contenziosi. In più, il nuovo Senato dei sindaci e dei consiglieri sarà investito di una funzione molto importante: parteciperà alle decisioni dirette alla formazione e all’attuazione degli atti normativi e delle politiche dell’Unione europea e ne verificherà l’impatto sui territori. E’ un compito decisivo, che consentirà all’Italia di rispettare “i patti”, di non commettere infrazioni e di evitare multe salate“.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura