SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

A Senigallia mancano i parcheggi: e mancheranno anche in futuro

Fratelli d'Italia: le lamentele nei vari anni non hanno sortito alcun effetto nelle programmazione dell'amministrazione

1.650 Letture
commenti
Spamarine - Per Natale un regalo da sogno
Pista clabile occupata in via Piave a Senigallia

Nella vita bisogna sempre decidere se si vuole essere carne o pesce: funziona così per tutto, quindi anche la politica è chiamata, anzi, dovrebbe essere chiamata perché non accade mai, a prendere decisioni forse anche impopolari, ma che portino benefici alla comunità e a chi la vive.

Il problema dei parcheggi è molto sentito a Senigallia, e lo è perché questi non esistono, non sono mai esistiti e mai esisteranno. Chi ha amministrato la città negli ultimi venti anni (la sinistra), sempre gli stessi, non è stato in grado di fare un progetto a medio e lungo termine, non è stato in grado di capire le esigenze di tutti, e non è stato in grado di far crescere la città, quindi l’economia e il benessere.

Per la vecchia politica conta solo aumentare tasse e balzelli vari per fare cassa e soddisfare il loro apparato, ossia permettere alla loro ristretta cerchia di amicizie di fare il bello e il cattivo tempo ai danni dei più, per farsi rivotare e mantenere la poltrona. Non dovrebbe essere così, ma lo è.
Senigallia è una città turistica e composta da imprenditori (piccoli, medi o grandi) che la fanno vivere essendone l’anima: nessuno può dire il contrario o smentirci, ed è su questa base che andrebbe studiato e progettato un piano di crescita a più livelli (economico, urbanistico, turistico, sociale, finanziario…) per farla diventare appetibile a tanti.

Non nascondiamoci dietro i fili d’erba: la Romagna “tira” perché da sempre studia e progetta. Da loro ci vanno tutto l’anno, a Senigallia no, solo in estate. Da loro la cura degli eventi è studiata, progettata ed elaborata per tempo e con grossi risultati. Basta guardare cosa hanno messo in piedi per le festività natalizie.

E’ chiaramente un problema di persone, loro hanno avuto chi ha pensato a far crescere il proprio territorio, noi no purtroppo. Noi abbiamo avuto la “sfortuna” di avere sindaci e assessori che in venti anni hanno legato le mani al turismo e al progresso locale con regole, regolette, varianti e piani vari che hanno portato all’impoverimento del nostro territorio. Hai voglia a parlare di “eccellenze” e farti bello con parole ad effetto: non è così, lo sanno tutti, tutti lo vedono, tutti ne parlano nelle loro case e nei bar, ma chissà perché nessuno ha il coraggio di dirlo pubblicamente.
Fratelli d’Italia, invece, non ha problemi nel dire le cose come esattamente stanno.

Senigallia, tra le tante cose che dovrebbero essere fatte, necessita di parcheggi. Interrati o sopraelevati, come più vi piacciono, ma ne ha un bisogno enorme. Il non averli penalizza tutti, penalizza il centro storico, i commercianti, gli studi professionali, le famiglie che vorrebbero fare acquisti… tutti, nessuno escluso. Le famiglie non possono diventare matte nel cercare i parcheggi che non esistono, constatato che non ci sono o parcheggiano sulle piste ciclabili e in altri posti dove non dovrebbero o se ne vanno altrove, nei centri commerciali, purtroppo, e questo danneggia enormemente l’economia locale e chi si danna l’anima per inventarsi l’impossibile per far arrivare la gente. Prima li “spremete” come limoni con le tasse e poi non gli date nessun aiuto per farli lavorare? Follia pura!

Leggiamo ovunque le lamentale dei singoli e delle varie associazioni di riferimento per la mancanza di parcheggi, ma dove stavate quando i signori della politica (sempre gli stessi negli ultimi venti anni) agivano mettendo in crisi e in ginocchio la città? Perché non avete protestato, e bene, prima? Perché avete continuato a votarli? Questi sono i risultati purtroppo. Dieci anni dell’Angeloni prima e dieci di Mangialardi (speriamo di meno con tutto il cuore…) dopo, hanno portato la città nello stato che tutti possono vedere.

Un esempio di parcheggio multilivelloIl centro storico ha perso il parcheggio della stazione (sempre vuoto), il parcheggio di piazza Garibaldi e quello dello stadio il giovedì… sarà un “film” per le famiglie trovare un parcheggio per le feste natalizie, e questo ricadrà sui commercianti a vantaggio dei centri commerciali. Per carità, determinati lavori quando necessitano vanno fatti, ma sarebbe servita anche una programmazione anni addietro per andare a creare e costruire i parcheggi, utili in inverno e in estate se si vuole far arrivare il turismo. Non servono a nulla le soluzioni posticce, un’app per pagare il parcheggio, i grattini scontati… serve la programmazione e la voglia di operare per il bene di tutti, cosa che non è mai avvenuta a Senigallia.

Le amministrazioni hanno uno strumento perfetto e idoneo che è il PPA (Programma Pluriennale di Attuazione), tramite il quale ogni Comune individua le aree, gli interventi e i tempi nei quali interverrà. Esso è il principale strumento di attuazione del Piano Regolatore Generale e degli altri piani urbanistici. La programmazione, cioè la parte economica e tempistica del progetto, può coprire un intervallo che va da tre a cinque anni, una volta approvato non potrà essere modificato per almeno un anno. È lo strumento di collegamento tra la parte urbanistica ed economica, poiché nella sua documentazione è previsto il bilancio dei finanziamenti e delle spese che saranno effettuati. Per redigere il Programma Pluriennale di Attuazione non serve da parte del Comune il parere di altri enti e nemmeno l’approvazione da parte della Regione.

Come mai e perché nessuno ha mai messo in cantiere di inserire un intervento per la “Pubblica Utilità” riguardante i “Parcheggi”? Doveva essere una delle primissime cose da fare per il progresso e l’economia di tutta la città, ma a Senigallia piace “legiferare” sui colori delle tende dei negozi commerciali, sull’arredo esterno dei locali, giocare con le varianti per far innalzare gli edifici e tante altre belle cosette.

Per Fratelli d’Italia invece viene sempre prima il Cittadino e tutte le sue problematiche, e non avremmo nessun problema a prendere decisioni che portino vantaggi alla comunità. Il nostro modo di pensare e di operare non segue i dettami del “do ut des”, segue la logica, la coerenza, il benessere e tutti i vantaggi che ne possono derivare per la città.

Chissà che un giorno, cambiando gli “amministratori ventennali”, non possiate dire: “Bhe però adesso alcune cose sono cambiate in meglio”…

 

da Marcello Liverani
Coordinatore Fratelli d’Italia di Senigallia

Commenti
Ci sono 2 commenti
papero 2015-12-09 17:44:55
Nn avremmo i parcheggi, ma tra qualche anno ci saranno gli orti del vescovo no? Posso dure che è inutile abbellire una città se nn cu sono strutture x accogliere gente? Un parcheggio come a Fano sarebbe l'ideale, chi come me sta in periferia in centro nn ci viene, tra il tempo che perdi a parcheggiare conviene desistere, ma il brutto è che tutti si lamentano e poi lo rivotano, complimenti senigalliesi state uccidendo la città, adesso piangete e poi ci ricascate complimenti davvero
matteo 2015-12-09 19:23:26
Sono il primo a parlare dell'assenza di parcheggi, praticamente in ogni commento, pochi e provvisori. ma in questo articolo non leggo nessuna idea, nessuna proposta. Avevo apprezzato il silenzio post elezioni, ora siete tornati a parlare. Inutilmente. Solo toni da campagna elettorale.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura