SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Onoranze Funebri F.lli Costantini

Tasse, sindacati sul piede di guerra a Senigallia

Cgil, Cisl e Uil contro l'amministrazione comunale: nessun confronto fatto e nessuna osservazione accolta

Conti, tasse e tariffe, indicatore Isee, economia e finanza

Arriva dai sindacati di Senigallia l’attacco all’amministrazione comunale su un argomento tanto spinoso quanto fondamentale per la sopravvivenza dell’ente: le tasse.

Cgil, Cisl e Uil, in una nota stampa, “stigmatizzano il comportamento dell’Amministrazione Comunale di Senigallia che, nonostante l’impegno assunto a luglio di riaprire il confronto sulla tassazione locale, non ha ritenuto di effettuare alcun incontro né durante l’approvazione dell’assestamento di bilancio 2015 ha tenuto conto delle osservazioni e delle contrarietà espresse dai sindacati“.

Osservazioni che riguardavano l’addizionale irpef, per la quale si è tolta la progressività e si è abbassata la fascia di esenzione; l’aliquota tasi portata al massimo consentito dalla legge; le esenzioni sulla prima casa parzialmente eliminate.

I lavoratori, i pensionati e i cittadini tutti – scrivono i rappresentanti delle tre sigle sindacali – con la scadenza del 16 dicembre saranno chiamati a pagare mediamente circa il doppio sulla tasi rispetto all’anno precedente e al conguaglio della prima rata pagata a giugno, cosi come nel mese di febbraio vi sarà un salasso per l’addizionale irpef“.

Un “insostenibile e inaccettabile aumento della pressione fiscale” attaccano Cgil, Cisl e Uil, che graverà soprattutto su lavoratori dipendenti e pensionati, chiamati ancora una volta, non solo a Senigallia, a sostenere notevoli sacrifici.
Sacrifici dettati da “scelte ingiuste prese senza alcun confronto con le organizzazioni sindacali, delle quali l’amministrazione si è assunta la piena responsabilità“.

L’attacco delle maggiori sigle sindacali punta il dito anche sui “solenni impegni sulle politiche di equità presi in campagna elettorale” non rispettati, mentre torna a indicare una possibile alternativa per uscire da questo squilibrio: reperire le risorse necessarie per l’equilibrio di bilancio spostando il peso del prelievo sulle fasce di popolazione più ricca ed effettuare una incisiva lotta all’evasione sulla tassa di soggiorno. Manovre che consentirebbero l’esenzione dal pagamento dell’addizionale comunale per i redditi fino a 15.000 euro, il mantenimento della progressività della tassazione e, per la TASI, la conferma delle detrazioni legate al valore della rendita catastale ed all’ISEE.

Commenti
Solo un commento
un povero tra i poveri (di politica) 2015-12-09 14:06:15
"E IO PAGO" Io avevo detto le stesse cose appena approvata la delibera comunali sugli aumenti delle varie tasse. Che ora, a pochi giorni dal pagamento della seconda rata a saldo 2015, vengano fuori i sindacati a ripetere le stesse cose francamente mi sembra un po tardi. Prima lo avete appoggiato nella campagna elettorale 2015, pur sapendo cosa aveva fatto e come si era comportato nella prima legislazione 2010 - 2015, prendendo esempio dalle precedenti legislature PD, ed ora lo contestate per far vedere al popolino che non siete d'accordo. Dovevate scendere subito in piazza ed incavolarvi bene fino a quando non avrebbe fatto una delibera per l'abbassamento delle imposte non aspettare un tavolo di confronto. Ancora non avete capito che non accetta confronti e (...omissis...) dei cittadini di Senigallia. Nei miei precedenti commenti avevo detto che i cittadini se ne sarebbero accorti intorno al 16 dicembre di cosa aveva combinato il sindaco con le tasse ma voi pensavo arrivaste prima a capire visto che siete del settore. Comunque non è tutto qui sentiremo gli effetti di questo anche sulle pensioni e sulle buste paga del 2016 per effetto dell'aumento dell'IRPEF comunale. Poi continueremo a dire "POVERINO MA LUI COSA POTEVA FARE" "POVERINO MA NON E' COLPA SUA". Con tutto quello che ha combinato ci ha rovinati per i prossimi 30 anni e vediamo se capite questo o aspetterete che passino i 30 anni per dirlo. E IO PAGO come tutti i cittadini di Senigallia per colpa di pochi che lo hanno votato e per colpa di molti che non sono andati a votare.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno