SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Progetto InComune: “Con noi una Etica profonda per Senigallia”

"Non abbiamo un partito alle spalle, per alcuni è un limite, per noi è la nostra più grande forza"

2.062 Letture
commenti
Maurizio Perini

Non abbiamo un partito alle spalle e questo per alcuni è un limite. In realtà questa è la nostra più grande forza e una opportunità unica ed irripetibile per chi vive a Senigallia. Avremo la forza di fare le cose che servono per la città senza dover darne ragione a nessuno né ad Ancona né a Roma, né ad alcuna segreteria di partito.

I punti cardine di questa impresa al servizio della città:

1. Esclusione dalla candidatura in liste o per nomine, di indagati per mafia, rinviati a giudizio o condannati anche solo in primo grado per reati contro la PA, la fede pubblica;
2. adozione del Codice di Comportamento Europeo;
3. un nuovo sistema per le nomine, introducendo modalità pubbliche di esame preventivo delle competenze, di affidamento di precisi mandati, di controllo su quanto fatto. Istituzione dell’albo dei professionisti da cui attingere per gli incarichi; occorre ridisegnare il modello di governo amministrativo, con l’impegno di tecnici, studiosi ma anche politici per approfondire obiettivi, metodi e strumenti e predisporre la definizione di un modello ispirato ai criteri di efficienza aziendale e dunque alla massima valorizzazione delle strutture amministrative interne, ovvero delle donne e uomini che lavorano per il Comune di Senigallia. Per questo si devono limitare rigorosamente gli incarichi dirigenziali dall’esterno e il sistema del cd. spoil system. Così si migliora il rendimento generale dell’Amministrazione e ognuno al suo interno è pienamente responsabile del proprio operato. Abbiamo le competenze interne per fare e fare bene. Non abbiamo bisogno di niente se non di valorizzare chi già è all’interno del comune e di dare una possibilità ai giovani migliori di questa città.
4. Per i fornitori va garantito che i pagamenti del Comune verso le imprese fornitrici rispettino progressivamente la direttiva UE dei 60 giorni; inserendo nei capitolati di opere pubbliche clausole che obblighino le imprese – ma anche il comune se è sua la responsabilità dei lavori a risarcire negozi, laboratori e altri operatori economici in caso di prolungamento dei lavori oltre i termini previsti(vedi caso Ponte Perilli);
5. Esclusione delle imprese in cui si accerti uso di lavoro nero, omissione delle norme di sicurezza, evasione fiscale e contributiva; premiare le imprese virtuose per la presenza di donne nella loro organizzazione in generale e nelle posizioni dirigenziali in particolare; utilizzare questi criteri quale strumento per l’assegnazione dei lavori a incarico diretto.
6. Il saldo di tesoreria del comune dovrà essere mantenuto costantemente on line, pubblico sul sito e visibile in ciascun ufficio pubblico.
7. On Line il “Questionario di gradimento” dei servizi pubblici della città.
8. Segnalazione dei disservizi tramite telefono,app, social network,con la creazione di una adeguata e moderna pagina di Facebook.
9. Modifiche al regolamento del Consiglio comunale: Saranno esclusi e ne verrà decretato il decadimento dalla carica quei consiglieri che avranno una partecipazione a Consigli comunali e commissioni inferiore al 30% nell’arco di un anno. Ci si pone al servizio della città, poiché la politica è servizio e non altro. Intollerabili e deprecabili sono i seggi vuoti negli scranni consiliari. Se non si intende esercitare il ruolo di consigliere si deve lasciare spazio a chi ha volontà di fare.
10. Ciascun consigliere o membro della Giunta si impegnerà ad utilizzare esclusivamente mezzi propri per l’esercizio della carica (telefono, auto, etc). Una quota ( il 10%) del proprio stipendio da Sindaco/ Assessore sarà devoluto all’istituendo Fondo per le Famiglie.

Siamo pronti ad imprimere una svolta decisa nel modo di approcciarci al rapporto tra amministrazione e cittadini con una linea etica rigida che sarà alla base di tutto. A tutti sarà concessa la possibilità di essere partner del comune. Le risposte saranno chiare e rapide ai cittadini e agli operatori economici, con l’applicazione puntuale del modello giuridico del silenzio assenso.

da Maurizio Perini
Comitato Progetto InComune

Commenti
Ci sono 6 commenti
tiziana 79 2015-02-25 11:18:20
Onestà',correttezza,e responsabilità,questi gli ingredienti giusti per migliorare la nostra splendida Senigallia
Nemo
Nemo 2015-02-25 15:49:23
Specialmente se sono cose già dette da altri...magari un po' di originalità non guasterebbe, si "copiava" il compito del compagno a scuola...
Sebastian
Sebastian 2015-02-25 16:03:15
Almeno 5 punti su 10 sono "simili" a cose che ho letto in un'altro programma mesi fa'. Scusate, ma non eravate in "40 mani" a scrivere sto programma ? Meno male !!! E comunque serve a poco tappezzare Senigallia di manifesti o fare un'articolo per ogni persona che entra nella vostra squadra, per vincere le elezioni ci vogliono altre cose e quelle che state proponendo, al momento, non sono convincenti per nulla.
bonzino 2015-02-25 16:43:44
IL MIO SINDACO IDEALE
Tutti si candidano, tutti hanno la ricetta, tutti vogliono i voti, ma nessuno ha ascoltato i cittadini. Quindi mi permetto di proporre “il mio sindaco ideale” con il duplice scopo di promuovere un dibattito serio e aperto che esca dalle secche di FB e di sollecitare i futuri candidati al confronto. Mi propongo con il mio nikename per evitare strumentalizzazioni perché, come da sempre sostengo, non è importante conoscere chi dice o propone le cose ma come le dice o le propone. L’anonimato è un indiscutibile valore riconosciuto dalle costituzioni di tutti i paesi democratici del mondo e si esprime, a partire dal voto, in qualsiasi cabina elettorale. L’anonimato, dunque, è una delle massime espressioni di indipendenza esercitate dall’uomo a garanzia delle sue libertà individuali da qualsivoglia contaminazione di potere. Questo post comunque non è né pro né contro qualcuno.
Detto quanto sopra,
Vorrei un amministratore che sappia ridare nuova linfa alla città, pertanto al “mio sindaco ideale” chiedo di :
-Non basare la propria candidatura sull’ovvietà;
-Rimettere la meritocrazia al primo posto e dare a tutti i cittadini le stesse opportunità senza favoritismi;
-Essere anche uomo d’opposizione in caso di non elezione;
-Rappresentare un movimento che abbia radici e valori comuni riconoscibili, oggi e sempre, per non ricadere in quell’insieme eterogeneo di idee e di persone pronte a sfaldarsi appena eletti;
-Avere una buona dose di empatia, di passione, di metterci ovunque e sempre la faccia, d’infondere quel sano entusiasmo affinché la gente ritorni a votare e possa credere nel futuro;
-Poter gestire il necessario rinnovamento, dopo anni di eredità di una sinistra ormai logora, governando i complessi processi decisionali sull’impiego delle risorse disponibili sia finanziarie sia del personale;
-Saper affrontare le difficili situazioni di crisi presenti sul territorio sfruttando gli aiuti comunitari con nuovi progetti che sappiamo rivitalizzare l’asfittica economia locale attraverso la realizzazione di un parco fluviale e il rilancio dell’industria del divertimento sempre osteggiata;
-Approvare un nuovo piano d’urbanizzazione che non si limiti solo al contenimento del consumo del suolo, ma che rilanci, in sintonia con la primaria vocazione della città, l’edilizia turistica-residenziale;
-Ridurre e rimodulare le tasse comunali che hanno raggiunto livelli insopportabili;
-Avere un progetto per una città sicura ed intelligente;
-Proporre una drastica revisione della spesa improduttiva e delle consulenze;
-Sbarazzarsi di tutto ciò che inquina la vita amministrativa.
Lassie
Lassie 2015-02-25 18:02:59
Bonzino perdonami, mi permetto qualche piccola osservazione..."nessuno ha ascoltato i cittadini" non è propriamente esatto. Nuova Senigallia ha iniziato ad agosto 2013 incontrando i Cittadini, e con loro abbiamo scritto il Nostro Programma che tutti oramai conoscono. Non dico assolutamente una bugia se parlo di almeno 20.000 elettori contattati, singolarmente e a gruppi, in un anno e mezzo di incontri. Tanti incontri, a volte anche 5/6 al giorno...un Programma scritto da chi Senigallia la vive, ossia da tutte, ma proprio tutte le componenti di questa città, nessuna esclusa. Tutto è sempre opinabile chiaramente, ma pensiamo che buona parte delle tue richieste siano nel nostro programma che, immagino, avrai avuto modo di leggere. Marcello Liverani
bonzino 2015-02-26 14:18:48
@NuovaSenigallia, Sig. Marcello Liverani, accetto volentieri ogni giudizio dato che il mio intento è quello di promuovere un serio e costruttivo dibattito, anche se noto che tutti son pronti a pontificare ma nessuno prende posizione. Non ho letto il suo programma come quello delle altre liste perché mi riservo di farlo appena saranno chiusi i termini di presentazione. L’averci, poi, messo la faccia in questa difficile tornata elettorale le fa onore, non come alcuni che, non potendo vincere facile, si son ben guardati di scendere a fianco dei cittadini.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno