SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Udc Senigallia, Perini: “Senigallia è una donna da amare in modo maturo”

"Amministrare un territorio è un atto di amore e servizio e non un lavoro da fare più o meno bene"

2.335 Letture
commenti
Maurizio Perini

Il fenomeno paradossale di ieri (Ndr:24 luglio), con un fiume che per poche ore di pioggia forte, regala alla città e agli esterrefatti turisti uno scenario da Canada, dove tronchi e arbusti scorrono placidamente verso il mare e altri accadimenti più gravi come l’alluvione dei primi di Maggio, mi inducono ad una riflessione che faccio pubblicamente anche alla luce di recenti interviste, repliche e tentativi di alleanze che sono apparsi in maniera più o meno seria sulla stampa scritta e on line.

Mi sono chiesto, da cittadino e non da consigliere, se Senigallia sia davvero amata da coloro che fanno politica e da coloro che attraverso diversi ruoli sono tenuti ed hanno dunque la responsabilità di vigilare sul suo benessere. Il gioco di attribuire colpe ad alcuni senza che mai sia individuato un responsabile, oppure di scaricare le proprie responsabilità su altri che altrove hanno compiuto scelte è davvero miserrimo.

Per usare una metafora che si rifa all’amore che dovrebbe essere maturo e sincero tra un uomo e una donna, dico invece fuor di metafora, che nella nostra città c’è chi denigra la donna (Senigallia) per colpire l’uomo(…) e c’è chi crede di amare la donna, ma lo fa da troppo tempo in un modo superficiale, senza curarsi più davvero dei bisogni ed anzi pensando che quella stessa donna non possa mai abbandonarlo perché insieme da tanti anni.

Ora in questa situazione l’unica a soffrire – ed è sotto gli occhi di tutti – è la donna, Senigallia, che ha bisogno di ritrovare l’amore sincero e maturo, quello che si occupa dei bisogni e che si ingegna per soddisfarli anche quando altri lo impediscono.

Non possiamo accontentarci di sapere che la Regione Marche non ha soldi, oppure che la Provincia non esiste più , ammesso e non concesso che questo corrisponda al vero, dal momento che il personale continua ad esserci ed essere regolarmente retribuito.
Come durante i giorni della tragica alluvione, quando alcuni spalavano, e tutti gli altri chiacchieravano, dobbiamo subito, se il nostro è amore per la città nel senso di essere al servizio di essa, dire che episodi come quello del 2 e 3 maggio o del 24 luglio non sono casuali, bensì il frutto di anni e anni di negligenze oppure di errori estemporanei che hanno dei responsabili con dei nomi e dei cognomi.

Ed imparare a chiedere scusa a quella donna che ogni giorno ci riaccoglie in casa, nonostante la nostra tracotanza ed i nostri errori.
Se altri non hanno il coraggio di farlo, io personalmente chiedo scusa alla città, perché come consigliere avrei potuto fare di più, denunciare più cose che non funzionano, dedicare ancora più tempo allo studio di quelle migliaia di pratiche – vedi bilancio 2014 – che invece passano rapidamente in una settimana senza davvero la possibilità di un approfondimento reale.

Chiudo questa riflessione semplice, dicendo che amministrare un territorio – sia esso locale o regionale – è un atto di amore e servizio e non un lavoro da fare più o meno bene, essendo pagati più o meno bene.

Maurizio Perini
Pubblicato Venerdì 25 luglio, 2014 
alle ore 11:19
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ci sono 7 commenti
stefanobis 2014-07-25 11:50:39
Grazie per le scuse ma se hai gli attributi comincia a prendere per le orecchie chi ben sai e ,per quello che rimane di agonia ,a questa amministrazione falla rigare dritto.........
Ancora grazie per le scuse!
ilbianconiglio 2014-07-25 13:01:22
Manutenzione: parola bella.
Soldi da spendere: parole ancora piu' belle.
Cittadini lasciati con portafogli vuoti, amministrazioni che si scambiano le accuse perche' non possono fare nulla perche' non c'hanno i soldi oppure non si impegnano abbastanza per i problemi della citta' perche' nessuno pensava potesse succedere il casino del 3 maggio.
Mi interessa solo una cosa: trovate i soldi e spendeteli bene perche' il tempo delle scuse e' passato.
Rex
Rex 2014-07-25 13:05:37
Scuse non accettate! Perchè Perini è un Consigliere, quindi o dormiva o scaldava la sedia e basta. I suoi continui cambi di partito e la sua continua ricerca di collocazione fa capire ancora una volta, che ad amministrare ci vanno persone non capaci. Per carità, è tutto regolare perchè se uno viene eletto è giusto che entri nel Consiglio, ma chi vota dovrebbe essere più attento nel dove mette la croce, perchè non basta essere "amico" per dargli il voto, devi meritartelo. Mi domando adesso dove cercherà di collocarsi il Perini, perchè quello è il vero suo problema, come di altri che, si muoveranno solamente in funzione di una poltrona. La soluzione per Senigallia è sempre una sola, via tutto il vecchiume che esiste, sia nella maggioranza che nell'opposizione (che non serve a nulla), e avanti con il ricambio, con persone immacolate, serie e fuori dai partiti che sono morti e sepolti.
stefano 2014-07-25 13:12:07
C'è un'altra donna , che con la prima (Senigallia) ha un rapporto molto stretto ma che rispetto alla prima è meno metafisica e metaforica e più "in carne". E' la Gente di Senigallia. Che l'uomo (l'Amministratore,il Politico) continua bellamente a prendere in giro e maltrattare. Ancor più della prima.
Indiana Pips
Indiana Pips 2014-07-25 13:46:56
Belle parole, ma Perini dove è stato fino ad oggi?
Ettore 2014-07-25 20:15:47
Infermieraaaaaaaaa...
O. Manni
O. Manni 2014-07-25 23:19:00
Maurizio, l'amore é l'amore. Può essere sincero e maturo sia tra un uomo ed una donna, sia tra persone dello stesso sesso. Esattamente come può essere falso e puerile, anche per tutti i tipi di coppie. Richiamo doveroso, visto il tuo calzare sui generi. Posto questo, capisco le tue parole ed i tuoi sentimenti per la nostra città, che corrispondono anche ai miei di privato cittadino. Però personalmente non ritengo che tu ti debba scusare. Non servono a granché le scuse, o chissà quali altri tipi di ammende, penitenze, contrizione o ricerce di perdono. Solo perché oggi é inutile piangere sul latte versato. Occorre semmai ammettere le proprie responsabilità, se ci sono, e guardare avanti affinché quanto accaduto non accada più. Mai più. Siamo sempre contrari su molte cose, ed abbiamo opinioni molto diverse, ma apprezzo quanto hai scritto, e confido che tu, come altri Consiglieri, faccia del tuo meglio, per un futuro di sicurezza della nostra città.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno