SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Calcio: “Vigor Senigallia, inammissibile andare avanti così”

Anche un tifoso storico come Marco Barchiesi getta la spugna. Ma non sarà l'unico

2.159 Letture
commenti
Hotel Corallo Senigallia
Dirigenti della Vigor Senigallia

Luglio avanza, l’inizio del torneo si avvicina (7 settembre) ma in casa Vigor Senigallia continua a regnare l’incertezza. La società aveva preannunciato una conferenza stampa per l’inizio di questa settimana, ma ancora non è giunta alcuna comunicazione in merito.


Un incontro in cui il presidente Valentino Mandolini farà il punto della situazione attuale dopo l’addio prima dello sponsor Cantarini e poi del diesse Scarpini, partenze che hanno messo in dubbio anche la volontà di proseguire del mister Giuliani, che era stato scelto come allenatore per l’Eccellenza 2014-15 nel mese di giugno.

Intanto, continua la fuga dei giocatori, che dopo i pezzi migliori riguarda anche gli altri elementi del vivaio, comunque titolari nel torneo scorso: è il caso di Carboni, già sicuro al Barbara dove però dovrebbe essere raggiunto pure dall’albanese Mucaj e dal secondo portiere Putignano.

Sembra il classico “fuggi fuggi generale“, anche se il presidente Mandolini ha rassicurato sull’iscrizione della squadra e su un budget che – pur bassissimo e inadeguato alla categoria – “sarà sostanzialmente simile a quello del 2013-14“.

Tuttavia, anche i tifosi, i non molti rimasti, sono ormai stanchi e sfiduciati. Marco Barchiesi, esponente storico dei Ragazzi della Nord, uno dei pochissimi che ancora seguiva la squadra in casa e in trasferta, ammette di essere pronto a gettare la spugna: “parlo a titolo personale – precisa – e non come Rdn, ma esprimo un malessere diffuso. C’è il rischio che non si abboni più nessuno (e due anni fa le tessere staccate furono appena 30…). In questi anni tribolati, l’unica persona che si era avvicinata alla società con un pò di soldi, passione e un progetto serio era lo sponsor Cantarini. Mandolini è riuscito a far fuggire anche lui. Dovrebbe essere il primo tifoso della squadra ma sta facendo del male alla Vigor e continua a non andarsene.Quei pochi, meravigliosi, tifosi, che ancora vengono al Bianchelli, dovrebbero disertare lo stadio. Andare avanti cosi è inammissibile.

Sentita la tifoseria, o quantomeno un suo esponente dall’indubbia fedeltà, torna più che mai attuale una domanda che ci eravamo posti in chiusura ad uno degli ultimi articoli sulla questione: “Per quanto tempo ancora la più antica società cittadina dovrà continuare a tirare avanti in uno stato di sempre più grave agonia?“.

 

 

Nella foto, chi resta e chi va: agli estremi i partenti Scarpini e Cantarini, al centro i dirigenti Carboni e Mandolini.

Commenti
Ci sono 2 commenti
A. Bucci 2014-07-14 18:27:29
Una domanda sorge spontanea. Considerato che la Vigor da anni ha un settore giovanile con centinaia di ragazzi, ogni anno leggiamo che cede giovani promesse a società di serie superiore e gestisce i due campi sportivi principali di Senigallia, dovrebbero esserci, tra quote scuola calcio, valutazioni dei giocatori ecc.. importanti incassi. Tenuto poi conto che la prima squadra impiegando molti ragazzi nostrani ha un baget di compensi contenuto, mi chiedo come possa versare in queste condizione. Spero che qualcuno riesca a darmi una risposta.
tatoa 2014-07-15 07:58:17
Troppi buffi.e se vuoi entrare... Lasci i soldi è poi li gestisce lui. Chi vuoi che accetti una situazione così ?
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie
Scarica nuova autocertificazione




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura