SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia: denunciata prostituta bulgara in possesso di bomboletta spray illegale

Identificate circa 15 donne dedite alla prostituzione sulla statale adriatica

2.872 Letture
commenti

Prosegue l’attività di contrasto alla prostituzione da parte della Polizia di Senigallia. Nella notte a cavallo tra il 10 e 11 luglio, le forze dell’ordine hanno provveduto al controllo e alla identificazione di circa 15 donne dedite alla prostituzione sulla statale adriatica risultate tutte di origine comunitaria.

Una di queste, N.Z. 34enne di origini bulgare, nel mostrare i propri documenti di identità, è stata pizzicata con uno spray urticante. I poliziotti , dopo aver verificato l’identità della donna e la regolare presenza sul territorio dello Stato, hanno approfondito gli accertamenti circa il possesso della bomboletta  e hanno verificato che si trattava di un prodotto irritante  il cui possesso era da considerarsi illegale. La donna nell’occasione non ha fornito spiegazioni circa il possesso.

Pertanto, gli agenti hanno proceduto al sequestro dell’oggetto ed alla conseguente denuncia in stato di libertà della donna presso la locale A.G. per possesso illegale di oggetti atti ad offendere.

Lorenzo Ceccarelli
Pubblicato Venerdì 11 luglio, 2014 
alle ore 12:06
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ci sono 3 commenti
O. Manni
O. Manni 2014-07-11 12:30:59
In pratica, oltre alla mancata tutela sociale, sanitaria e fiscale, oltre alla persecuzione cui sono oggetto le prostitute da parte dello Stato che le criminalizza, e quella dei loro aguzzini schiavisti, non possono nemmeno più difendersi da sole, se come spessissimo accade,qualche viscido porco le aggredisce. I miei migliori complimenti a questo Stato ASSENTE che spinge con forza questo fenomeno nelle mani dei criminali.
BlackCat
BlackCat 2014-07-11 13:22:59
Concordo con Jep e aggiungo che non so se sono più ridicoli questi interventi/articoli o quelli relativi al sequestro di 2/3 piantine di marijuana o di qualche grammo di fumo... Tutti reati di "grosso allarme sociale"... già già...
O. Manni
O. Manni 2014-07-11 14:57:12
Si, ma poi non dimentichiamoci di come si sia posto un deciso "freno" a questo fenomeno, quasi 2 anni fa, con tanto di Prefetto, task force delle forze dell'ordine, interpellanze in commissioni comunali di autorevoli esperti preti della "Giovanni XXIII", ed i utilissimissimi cartelli di divieto di sosta. Sbandieramenti mediatici, titoloni dei quotidiani di regime, per poi registrare la madre di tutte prove...Le prostitute, magari diverse nel tempo, sono tutte ancora li! Sfruttate, schiavizzate, criminalizzate, produttrici di denaro nero che ingrassa le tasche delle mafie. Perché non gli raccontate queste cose, al buon concittadino Don Ciotti, tra un selfie ed un'altro?!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura