SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Io multato per divieto di sosta, altri no: ma la legge non è uguale per tutti?!”

Residente di Roncitelli: "Nello stesso posto, un camper parcheggiato per 4 mesi e non hanno fatto niente"

3.726 Letture
commenti
Optovolante - Ottica a Senigallia
Un'automobile parcheggiata sul marciapiede della chiesa di Roncitelli

Quando i parcheggi non sono sufficienti per tutti i residenti, può capitare di sistemare la propria automobile in un punto dove tecnicamente non si potrebbe, magari in un punto in cui non dà fastidio a nessuno. Nel momento poi in cui arriva la multa non si può eccepire nulla. Se però il “reato” lo compiono in molti, ma a venir multato è uno solo, allora quella sensazione d’ingiustizia viene percepita come grande. Della serie: “perché solo a me? O tutti o nessuno“.

E’ questo ciò che ha provato un nostro lettore – per il momento preferisce rimanere anonimo – che ha segnalato alla redazione di Senigallia Notizie un episodio in cui il senso di ingiustizia si unisce a quello d’impotenza per non poter rimediare alla situazione e per non essere ascoltato da chi di dovere.

Un'automobile parcheggiata sul marciapiede della chiesa di RoncitelliAndiamo con ordine. Sabato 1 marzo, alle 8 di mattina, un residente di via borgo san Giovanni, a Roncitelli, è stato multato per un parcheggio in divieto di sosta: la sua auto era posizionata nell’angolo di marciapiede a fianco della chiesa di San Giovanni Battista, proprio per la mancanza di parcheggi non sufficienti a “soddisfare” tutti i residenti della via. Insomma: chi tardi arriva, male alloggia.

Sia nei giorni precedenti che in quelli successivi al 1 marzo, però, le macchine sono tornate come nulla fosse in quell’angolo di marciapiede, come testimoniato dalle foto che il nostro lettore ci ha inviato (e come risulta tra l’altro anche dalla pagina dedicata nel sito della diocesi). “Ho provato prima a contestare la multa perché i parcheggi sono scarsi e non bastano per tutte le auto dei residenti della via. Inoltre il vigile di quartiere, che ci conosce tutti quanti, avrebbe potuto segnalarmi il fatto e farmi rimuovere l’auto anziché elevare la multa. Almeno come primo avvertimento. In fondo era sistemata in modo che non desse fastidio a nessuno e di lì a poco l’avrei tolta per andare a lavorare“.

Un'automobile parcheggiata sul marciapiede della chiesa di RoncitelliPoi – continua il nostro lettore – mi sono rassegnato: so che è giusto pagare la multa. Però quando ho cercato di segnalare episodi analoghi alla Polizia Municipale, mi è stato risposto che non c’erano mezzi, non c’era personale disponibile e altre motivazioni che mi hanno dato l’impressione  che vengano usati due pesi e due misure. Per diversi mesi nello stesso punto c’era parcheggiato un camper e nessuno ha detto nulla. A questo punto cosa devo pensare: che esistono cittadini di serie A e altri di B?“.

Commenti
Ci sono 3 commenti
BlackCat
BlackCat 2014-04-01 09:21:36
Mi è capitato anche a me lungomare... Sono andato dai vigili arrabbiatissimo e loro, mentre si fumavano una sigaretta e facevo due chiacchiere all'ombra di un albero, hanno fatto spallucce... è un lavoro molto duro... (...omissis...).
Indiana Pips
Indiana Pips 2014-04-01 14:28:53
Funziona esattamente così, ci sono sempre cittadini di serie A e cittadini di serie B. Le multe si fanno secondo convenienza, alcune zone ne sono esentate e altre sono tartassate. Capita sempre a Senigallia, fanno la multa ad una autovettura parcheggiata dove non dovrebbe, ma senza che intralci, e poi più nulla, nello stesso punto nessuno farà più una multa.
galileo 2014-04-02 16:28:30
io sono dell'idea che prima di guardare cosa succede agli altri bisogna essere a posto! l'auto del signore che ha fatto la segnalazione era parcheggiata regolarmente?
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno