SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Marche, la giunta regionale approva la delibera sulle reti cliniche

L'obiettivo: migliorare la qualità delle cure, l'equità dell'accesso e la sostenibilità economica

3.505 Letture
commenti
Marche, approvata la riorganizzazione delle Reti cliniche

Recepite le osservazioni della V Commissione consiliare e trovata una condivisione con i rappresentanti dell’Anci Marche (Associazione nazionale Comuni italiani), la Giunta ha approvato la delibera definitiva per il riordino delle reti cliniche sul territorio regionale.

Si tratta di una innovazione organizzativa, tra le prime in Italia, che mira a consolidare e migliorare la sicurezza e qualità delle cure, l’equità dell’accesso ad esse e la sostenibilità economica delle scelte in base all’appropriatezza e all’etica nell’uso delle risorse. Alla base di questa organizzazione non c’è solo l’individuazione delle realtà di eccellenza, ma anche la loro tutela. Allo stesso modo viene salvaguardato il ruolo delle diverse aziende del sistema sanitario regionale e le varie sperimentazioni gestionali di modelli innovativi.

L’obiettivo – dice il presidente della Regione, Gian Mario Spacca – è garantire una crescita del Servizio Sanitario qualificata, equilibrata ed armonica senza diseguaglianze, che offra garanzie ad ogni territorio della regione. Il Piano Socio Sanitario 2012-2014 ha definito il sistema ‘a rete’ come il modello di programmazione della Regione Marche in grado di qualificare i servizi proponendo lo sviluppo di ‘Reti cliniche’ che riducano le inefficienze attraverso l’integrazione tra i diversi ‘Servizi’ presenti sul territorio, producendo sinergie in grado di offrire ai cittadini marchigiani maggiore qualità dell’offerta sanitaria. La Riorganizzazione della Rete Ospedaliera della Regione Marche è stata predisposta, quindi, senza applicare la logica dei tagli lineari, ma tenendo in considerazione la funzione strategica che le Singole Strutture Sanitarie di Rete svolgono nel territorio. L’attuazione della Riorganizzazione sarà effettuata tenendo conto dell’analisi dei percorsi clinico assistenziali virtuosi già in essere, degli indicatori di efficienza e di appropriatezza attuali e prossimi futuri, della collocazione geografica dei ‘nodi’ all’interno dell’Area Vasta e delle interconnessioni presenti sul territorio regionale, della necessità di potenziare alcune attività attualmente carenti“.

Nonostante l’urgenza imposta alla riorganizzazione dai tagli effettuati dal governo nazionale e dalle nuove indicazioni in termini di criteri e parametri – aggiunge l’assessore alla Salute Almerino Mezzolani – abbiamo trovato attraverso una serie di approfondimenti e confronti serrati la massima condivisione da parte del territorio e delle categorie. Con l’atto di oggi mettiamo al suo posto l’ultimo importante tassello della riforma sanitaria che consentirà di mantenere il nostro servizio agli alti livelli di qualità e sostenibilità economica in cui si trova ora e di migliorarlo in efficienza e innovazione“.

SCHEDA
Per rete clinica regionale si intende una forma di collaborazione stabile e formalizzata tra Unità operative (più o meno l’equivalente dei vecchi reparti) e/o professionisti appartenenti a diverse Aziende del sistema sanitario della stessa Regione, che abbia ad oggetto il processo di cura del paziente, i servizi di supporto o la circolazione dei professionisti e delle conoscenze.

• La Riforma individua n.71 tipologie di reti ospedaliere per n.43 macro discipline specialistiche.

Tra le principali novità della delibera emendata dalla Commissione e arricchita dal confronto con Anci, sindacati e parti sociali, due meritano una sottolineatura particolare:

• per quanto riguarda i punti nascita, la riorganizzazione dovrà essere effettuata con gradualità ed oggetto di specifica concertazione, in particolare per i punti nascita la cui attività risulta ai limiti dei parametri dettati dall’Accordo Stato–Regioni. Considerata inoltre la particolare sensibilità sociale per l’argomento, le scelte saranno effettuate tenendo conto dei risultati delle azioni necessarie a garantire la continuità dei servizi da avviare immediatamente.
• tra le reti cliniche ci sarà anche quella delle cure palliative che sarà organizzata nel rispetto dell’Accordo stato – regioni che ne detta i requisiti strutturali ed organizzativi e in coerenza con il Coordinamento regionale della rete delle cure palliative.

Commenti
Ci sono 3 commenti
pie 2013-10-01 00:32:09
Bla, bla, bla, quante belle parole!!! La realta di torrette la conosce solo chi ci vive! Non voglio andare
Oltre! LASCIATE OGNI SPERANZA.........
Tarcisio Torreggiani 2013-10-01 09:41:45
Vorrei sapere se il nuovo ennesimo modello abbrevia le liste di attesa - ricordo a Spacca e a Mezzolani che qualche mattina fa a Uno Mattina gli intervenuti si scandalizzavano perché per una mammografia si doveva aspettare 13 mesi- e cosa dovrebbero dire i marchigiani e precisamente i senigalliesi che per una mammografia devono aspettare 19 mesi?
Se tutti quelli che si vantano della sanità marchigiana non si decidono a dimettersi ogni speranza è perduta
Lucky 2013-10-01 13:10:54
Equità dell’accesso alle cure ? Vuol dire che un cittadino dell'entroterra ha le stesse possibilità di cura di chi abita nei centri abitati costieri? Perchè il Sig. Spacca non prova a fare un giro in ambulanza dalle frazioni di Arcevia fino a Senigallia per vedere quanto tempo impiega ... probabilmente non si rende conto di quello che dice ! Solite parole di propaganda, intanto siamo sempre più giù.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura