SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Strage di Capaci, 21 anni fa moriva Giovanni Falcone: tanti i pezzi mancanti

Preoccupa la proposta di legge di ridurre le pene del reato di concorso esterno in ambito mafioso

Giovanni Falcone

Sono passati 21 anni da quel 23 maggio 1992 quando sull’autostrada A29, nei pressi dello svincolo di Capaci, il magistrato antimafia Giovanni Falcone venne fatto saltare in aria con 400 kg di tritolo. Nell’attentato mafioso persero la vita anche sua moglie Francesca Morvillo e i tre agenti della scorta, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro.

Si inaugurava così la stagione delle bombe: nel biennio 1992-1993; dopo l’attentato di Capaci venne ucciso in circostanze analoghe, pochi mesi più tardi sempre a Palermo in via d’AmelioPaolo Borsellino. A Palermo, il 23 maggio è diventato la data simbolo per il ricordo dei magistrati uccisi dalla mafia e quelli che  hanno raccolto la loro pesante eredità  continuando la lotta contro la criminalità organizzata. Tante le manifestazioni per ricordare con la consapevolezza però,  che il ‘ricordo’ da solo non può bastare. Serve tenere alta la guardia e continuare con perseveranza a scavare, non accontentandosi delle mezze verità che hanno caratterizzato questi morti. Questo il messaggio corale delle tante persone accorse in queste ore davanti al Palazzo di Giustizia di Palermo.

A distanza di più di vent’anni da quella buia stagione continuano ad essere tanti i pezzi mancanti sulle Strage di Capaci e di Via d’Amelio, che hanno impedito di fare completa chiarezza sulle dinamiche e sui responsabili di quel biennio nero. Non può non preoccupare a tutti coloro che non sono ancora stanchi di perseguire la ricerca della verità, la proposta di introdurre un disegno di legge per ridurre le pene del reato di concorso esterno in ambito mafioso.

Un disegno preoccupante perché proprio grazie a questo reato, in questi 20 anni si sono scoperte le condotte collusive di chi fa alleanze in tutta Italia con Cosa nostra e con organizzazioni criminali di diversa natura. .

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura