SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Si scontra con un suv a Senigallia: muore Franco Bastianelli, 71enne di Arcevia

Grave incidente sulla Statale Adriatica all'incrocio con via Venezia, sotto choc il conducente dell'auto - FOTO

10.172 Letture
commenti
Incidente a Senigallia tra la SS 16 e via Venezia

Tragico incidente quello avvenuto a Senigallia intorno alle 19:30 di giovedì 30 agosto. Un uomo, un 71enne di Arcevia in sella al suo scooter, ha perso la vita nell’impatto con un Suv Hyundai Santa Fe che si stava immettendo sulla Statale Adriatica, nel tratto in cui assume il nome di via Podesti.

Da chiarire la dinamica dell’incidente, ma sembra che – stando alle prime ricostruzioni – l’uomo, Franco Bastianelli del 1941, molto noto ad Arcevia per l’officina di gommista gestita dal figlio Luca, stesse percorrendo a forte velocità la Statale Adriatica in direzione sud con il suo scooter Suzuki di grossa cilindrata, quando, all’incrocio con via Venezia, si è scontrato frontalmente con un’automobile guidata da una coppia di senigalliesi che da via Venezia si stava inserendo sulla SS16.

Immediatamente sul posto sono giunti gli operatori del 118 che hanno per diversi minuti tentato la rianimazione tramite massaggio cardiaco, i Vigili del Fuoco del distaccamento senigalliese, la Polizia stradale e la polizia Municipale per i rilievi del caso.

Incidente a Senigallia tra la SS 16 e via VeneziaIncidente a Senigallia tra la SS 16 e via Venezia, lo scooterIncidente a Senigallia tra la SS 16 e via Venezia, l'auto

Senza ferite ma sotto choc il conducente del Suv e sua moglie che sembra – stando alle poche informazioni – non abbiano potuto far nulla per evitare l’impatto di cui si sarebbero accorti per il gran rumore avvertito in tutta la zona e per lo sbandamento dell’auto susseguente al sinistro.

La Strada Statale 16 è rimasta chiusa in entrambe le direzioni fintanto che venivano eseguiti i rilievi e in attesa dell’arrivo del magistrato per autorizzare la rimozione della salma, il traffico è stato dirottato da piazza Diaz sul percorso viale Anita Garibaldi, viale Matteotti, viale IV Novembre per chi proveniva da sud, mentre chi percorreva la statale nell’altro senso è stato fatto confluire dall’incrocio della Penna su viale Leopardi, proseguendo poi su viale Matteotti e via Rovereto.

La scena dell'incidente tra via Venezia e la SS 16Polizia Stradale e Municipale sul luogo dell'incidente tra via Venezia e la SS 16La Polizia sul luogo dell'incidente tra via Venezia e la SS 16

Commenti
Ci sono 3 commenti
Marco 2012-08-31 14:57:59
"Si è scontrato frontalmente"?? Ma se la parte danneggiata della vettura è la portiera posteriore? Come si fa a dire "scontrato frontalmente"? Lo scooter sembra essere un Burgan 400. Definirlo "di grossa cilindrata" mi pare ridicolo, segno di una inesistente conoscenza del mondo degli scooter. E' qualche anno che la cilindrata media degli scooter si è alzata, non ci sono più solo 50cc. Come verrebbe definito il GP800 della Gilera? Di cilindrata esagerata? Via Venezia si immette sulla SS16 con un incrocio in cui la visibilità è pessima. Invece di mettere l'accento sulla "forte velocità" dello scooter, pensare che tanto per cambiare il conducente della autovettura non abbia notato lo scooter? Se fosse davvero andato a forte velocità la botta sulla macchina sarebbe stata devastante, da fare entrare lo scooter dentro la portiera. Purtroppo la velocità dei motocicli viene sempre sottovalutata, si pensa "tanto non può andare veloce, si ferma lui", e si passa... e ci si ritrova addosso quello scooter che si pensava andasse piano.
Anita 2012-08-31 19:07:54
Vista anche l'esperienza con la notizia recente dell'incidente con le tre vittime romene, supplicherei la redazione, per una questione di pietà e di rispetto (per tutti), di chiudere i commenti sotto le notizie di incidenti con vittime.
Non mancano certo i tempi e luoghi per le chiacchiere inutili.
CLAUDIO 2012-08-31 21:42:42
Appunto, per il rispetto di chi è morto, bisogna raccontarle, e bene le notizie, e non gettargli addosso anche il fango come in questo caso. Come dice Marco, non si può dire scontro frontale, quando la macchina ha tutte e due le portiere ammaccate. Un'altro incidente, con la stessa dinamica, è successo 3 settimane fà circa, sulla corinaldese, all'altezza del'imec, e in quell'occasione è stato fortemente marcato il fatto che alla guida dell'auto c'era un ottantunenne, mentre oggi sembra che l'auto sia stata guidata da un fantasma. La parcondicio non abita quì.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura