SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Il fiume Misa oasi per il birdwatching a Senigallia

Pubblicato "Un fiume di ali" sull'avifauna locale grazie a Studio Diatomea, Comune e Provincia

4.304 Letture
commenti

Un airone cinerino fotografato dietro il ponte Zavatti a SenigalliaUn fiume di ali. S’intitola così il libro appena pubblicato e già in distribuzione sull’avifauna del basso corso del fiume Misa. Una pubblicazione curata dallo Studio naturalistico Diatomea di Senigallia, promossa da Provincia di Ancona e Comune di Senigallia che racconta in maniera semplice ma dettagliata le caratteristiche di ognuna delle 144 specie monitorate negli ultimi 14 km di corso del Misa.

"Un libro importante che testimonia – spiega uno dei curatori Mauro Mencarelli – l’importanza faunistica di una zona, quella del basso corso del fiume Misa, spesso dimenticata": una zona che torna alla ribalta quasi esclusivamente quando si parla di inquinamento o allagamenti.
Mauro Mencarelli, Simone Ceresoni, Michela RisvegliaInvece proprio questa zona si rivela un’oasi, ad esempio, per oltre 30 specie di uccelli che arrivano qui per nidificare riconoscibili grazie ad una ’check list’ con tanto di foto e descrizione sui periodi di presenza e nidificazione.

Il libro, scritto (e corredato da numerose illustrazioni e fotografie) ad otto mani da Mauro Mencarelli, Francesca Morici, Michela Risveglia e Niki Morganti dello Studio Naturalistico Diatomea di Senigallia, è il primo lavoro su Senigallia e sulla sua avifauna a riprendere il filo di ricerche e studi sporadici o frutto di progetti momentanei, cercando di dare uno sguardo allargato alle diverse specie che trovano un ambiente favorevole nella zona tra Serra de’ Conti e Senigallia.

La zona del fiume Misa sotto il ponte Zavatti a SenigalliaUna pubblicazione che si inserisce bene nel progetto dell’Amministrazione comunale di rendere fruibili le ricchezze del territorio. A tal proposito l’Assessore all’urbanistica Simone Ceresoni, che ha seguito il progetto fin dal 2006 quando sono iniziate le osservazioni e quando era assessore all’ambiente, ha dichiarato che questa esperienza andrà ripetuta con altre zone di Senigallia proprio perchè, ben fatto, lascia traspirare quella passione meritevole di sostegno.

Marcello Mariani e Niki MorgantiGli fa eco l’assessore all’ambiente della Provincia di Ancona, Marcello Mariani, che ha voluto accompagnare lo studio in questo progetto di monitoraggio di circa 4 anni per far ripartire una coscienza ambientalista nella propria città: coscienza spesso sopita della biodiversità che abita le zone meno frequentate come quella sottostante il ponte del Portone o il ponte Zavatti e consapevolezza delle possibilità di birdwatching grazie ai percorsi pedonali e ciclabili in via di realizzazione.

Il libro, disponibile per download gratuito sul sito dello Studio Diatomea, è già in distribuzione presso scuole, università ed associazioni ambientaliste cittadine.

Informazioni:
Studio Naturalistico Diatomea
info@studiodiatomea.it
071.660459

di Carlo Leone

Carlo Leone
Pubblicato Martedì 20 settembre, 2011 
alle ore 16:24
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura