SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Montemarciano, rifiuti abbandonati sul ciglio della strada

Ancora una brutta immagine nonostante il cartello di divieto e il ritiro a domicilio gratuito - FOTO

Marina di Montemarciano: incuria e degrado, rifiuti abbandonati a lato strada

Ancora una volta sporcizia e rifiuti – gettati consapevolmente dove non si può – finiscono al centro dell’ennesima segnalazione da parte dei cittadini, a cui spesso non corrispondono azioni concrete per evitare che ciò si ripeta in futuro. Questa volta è un residente di Montemarciano che ha segnalato alla redazione di SenigalliaNotizie.it lo stato di incuria in cui versano alcuni tratti di via Media nelle vicinanze di via Grotte di Frasassi e del tratto autostradale compreso tra la frazione di Marina di Montemarciano e quella di Montignano.

Rifiuti di ogni genere, come si può vedere dalle foto del 1 aprile (GUARDA la GALLERIA) e per cui ringraziamo il nostro lettore: dalle note cartacce ai sacchi dell’immondizia (figurarsi se sia differenziata), dai preservativi alle bottiglie, dai copertoni fino al water rotto del bagno di casa di qualcuno che ha pensato bene di non usare il servizio di ritiro gratuito a domicilio (attivo sul territorio di Montemarciano il giovedì e venerdì su prenotazione al numero verde 800201662), ma di abbandonarlo sul ciglio di una strada per dare così un’immagine dell’Italia proprio da ricordare.

Una situazione di degrado non nuova per la verità, già segnalata negli anni scorsi, e che si verifica ciclicamente nonostante a dieci metri di distanza dai rifiuti – come ci segnala il nostro lettore – vi sia un cartello con il divieto di scaricare e abbandonare rifiuti.

E’ un chiaro segno – scrive il nostro lettore – di inciviltà, di incuria e di mancanza di rispetto verso la collettività. Mi auguro che le autorità e chi di dovere facciano il possibile per tenere pulita la zona e che, soprattutto, agiscano in modo preventivo, sanzionando certi comportamenti“.

Commenti
Solo un commento
Tatiana 2014-04-18 00:23:55
Secondo me non è mancanza della civiltà del cittadino, ma forse è la protesta per le regole che non è possibile eseguire.
1. Le persone che lavorano, non tutti hanno gli orari di lavoro che corrispondono con quelli di ritiro.
2. Gli servizi hanno ritardi, scioperi, feste, nevicate e gli altri problemi per i quali i residenti pagano lo stesso e anche le cifre molto alte e sempre più crescenti.
3. La mundi zia non entra nelle secchi e nei bidoni quali spesso volano sotto le macchine con il vento creando i seri pericoli.
4. Non parliamo della privacy, quando un marito non può buttare una bottiglia vuota di birra senza avere una discussione con la moglie, quando i vicini esaminarono i rifiuti privati e aggiungono le cose sue per dispetto.
Ma inciviltà è mettere i cittadini onesti nelle condizioni quando per buttare un materasso, qui parlo della mia esperienza personale ci voleva 3 mesi.
Sono accompagnatore turistico, dico con il dolore mio e dispiacere per l'Italia. I miei clienti stranieri sono schioccati dalla sporcizia e delle immagini di Italia con bidoni di tutti colori. Dicono che non tornano più.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!