SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, ripristinato il servizio estivo di assistenza solo ai disabili gravi

Svolto a porte chiuse l'incontro tra comune e famiglie, prevista manifestazione in piazza Roma

2.155 Letture
commenti
Incontro alla chiesa dei Cancelli sul tema della disabilità: cittadini, politici e giornalisti sono dovuti uscire fuori

Si è svolto a porte chiuse, alla chiesa dei Cancelli, l’incontro tra i genitori dei ragazzi disabili, il sindaco Maurizio Mangialardi e l’Assessore per i servizi alla persona Fabrizio Volpini. Porte chiuse giovedì 2 agosto per giornalisti, politici e cittadini che volevano saperne di più su un argomento di pubblico interesse, ma che non hanno potuto ascoltare la decisione di ripristinare, per le restanti settimane di agosto, il servizio di assistenza domiciliare ai disabili di particolare gravità.

Ma all’incontro non si è deciso solo questo (anzi, questa decisione era già stata presa in giunta mentre altre decisioni di rilievo non sembrano essere emerse) e le novità per l’anno scolastico che comincerà a breve potrebbero essere diverse.
A partire dal servizio di assistenza scolastica che verrà garantito, con alcune modifiche, ma senza sapere quali; per continuare poi con la programmazione dei progetti educativi dell’UMEE (Unità Multidisciplinare Età Evolutiva e Unità multidisciplinari per l’età adulta-UMEA) promossa dall’Asur, per la quale potrebbe profilarsi uno step decisionale in collaborazione anche coi servizi sociali comunali.
Novità anche per le proposte (per ora solo proposte) di non fornire più assistenza ai disabili over 35 o di assistenza non mirata ad una singola persona, ma a gruppi di due o tre con un solo educatore, idee che hanno fatto alzare la voce delle famiglie; e infine è stata confermata la volontà di creare un osservatorio sull’handicap, con le famiglie dei disabili che rimarrebbero parte attiva sia verso l’ente comunale che verso altre associazioni durante le fasi organizzative e decisionali.

E proprio il Comitato Famiglie Disabili, per primo, non sembra essere soddisfatto dell’esito di questo incontro. Innanzitutto per la scelta di tagliare un servizio assistenziale fondamentale che ha messo a rischio anche la tenuta degli stessi progetti educativi e formativi. Poi, per il modo con cui la questione è emersa, senza alcuna comunicazione o concertazione con le famiglie nonostante l’allarme sull’argomento fosse già stato lanciato dalle cooperative educanti.
Chiaramente anche il contenuto della decisione presentata dai vertici comunali lascia molti scontenti: solo i casi più gravi vedranno infatti ripristinato il servizio di assistenza domiciliare estivo.

Nell’incontro c’è stato un ampio confronto e dal Sindaco Mangialardi è partita anche la richiesta di evitare strumentalizzazioni più o meno politiche, come quella effettuata in consiglio comunale. Ma la replica delle famiglie è stata quella per cui non guardano il colore politico di chi le sostiene, e che appoggio è stato cercato su tutti i fronti contattando più persone possibili o associazioni con medesimi scopi.

Alla fine dell’incontro è stata comunicata anche la volontà di organizzare una manifestazione di protesta prevista – al momento – per lunedì 6 agosto alle ore 18:30 in piazza Roma, dove verranno distribuiti volantini per far capire a tutti la situazione che si è venuta a creare.

Per altre cose – spiega la referente del Comitato Famiglie Disabili, Catia Donninelli – riescono a dare comunicazione molto bene, mentre su questo argomento dicono di non esser riusciti a farlo in tempo. Noi continueremo a vederci e speriamo di essere riconvocati al più presto, ovviamente prima di settembre, per avere degli aggiornamenti e per non sapere solo alla fine di scelte già fatte: a rischio infatti c’è il percorso educativo dei nostri figli che sta subendo un’interruzione gravissima“.

Commenti
Ci sono 9 commenti
marco 2012-08-03 11:50:21
Gestione scandalosa... E se lefamiglie non avessero protestato? Davanti a cosa ci ritroveremmo? E a settembre? Scandaloso...
patriska 2012-08-03 12:38:14
Credevo che la gravità dei nostri figli fosse già stata più e più volte accertata! devono accertarla di nuovo per poterci dare quello che ci spetta in base alla legge 104? Quante ne dovranno ancora sentire le mie orecchie???
Franco Giannini
Franco Giannini 2012-08-03 12:52:40
"Si è svolto a porte chiuse, alla chiesa dei Cancelli, .." come nei tribunali quando si trattano argomenti che offendono la pubblica decenza. Fortunatamente anche la scelta del luogo dell'incontro è caduto nell'impeccabilità dell'argomento trattato, infatti quella dei Cancelli è una chiesa sconsacrata. Da ieri, credo sarà ancora più difficile proferire da parte dell'Amministrazione la frase :" vi siamo vicini...!". Il gridare alla strumentalizzazione è il solito buttarla in cagnara politica, senza tener conto che la disabilità però non colpisce la tessera di un singolo partito, non ha preferenze di colpire a destra o a sinistra, può colpire tutti ed in qualsiasi momento, a tutte le età siano essi minorenni che maggiorenni. E' un passo prima della famosa poesia "A Livella" di Totò, ma come in quella lascia certi ragionamenti e soluzioni a chi si crede al disopra di tutto. SI, Io sono di parte e mi schiererò sempre a favore di costoro che sono i più deboli e per questo INASCOLTATI.
pacchiò 2012-08-03 15:30:19
Io sono il feudatario del borgo. Sei i cittadini insorgono e non c'è via di risoluzione se non con le spade, li ricevo a porte chiuse al castello.
Fiorenzo Arduini 2012-08-03 18:34:44
Le "priorità" sono altre per questi signori che si riempono la bocca con frasi tipo "solidarietà", quando gli fa comodo. Hanno cose più importanti a cui pensare, il voto lo hanno preso ormai..... sono problemi che non li toccano. Poi la riunione a porte chiuse, per caso si vergognava l'Amministrazione Comunale? Avevao paura di sputtanarsi? Bè ci sono riusciti ugualmente. Una vera porcata in tutti i sensi!!!! Spero che un giorno uno di loro o dei loro congiunti (...omissis...) con tutto il cuore!!
O. Manni
Paul Manoni 2012-08-04 10:30:55
Non ho un parente disabile, ne una tessera di partito, ma Lunedì 6 Agosto alle 18.30 farò di tutto per essere in Piazza accanto a questi cittadini. Nel caso in cui non dovessi riuscire ad esserci per motivi lavorativi, alle famiglie di quei ragazzi disabili va tutta la mia solidarietà e vicinanza.
Ghe 2012-08-04 11:06:01
allora tutti in piazza Roma con loro lunedì 6 alle ore 18:30 !
L'UNIONE FA LA FORZA !!!!!!!!!!!!!!!!!!
carlo 2012-08-04 12:42:14
Prima tagliano i servizi del 50%, come se i servizi erogati rappresentano uno spreco, poi li senti polemizzare tra loro per la richiesta di convocazione della IV Commissione Consiliare sull'assistenza educativa ai disabili, e sempre nell'articolo di ieri di viveresenigallia, spunta la proposta di un " fondo famiglia ". Non è con i fondi caritatevoli che si recupera la credibilità politica, certi servizi non vanno ridotti, ma anzi migliorati, aumentati e garantiti per sempre. La civiltà si misura su queste tematiche, io sarò presente alla manifestazione, mi auguro che tanti altri seguiranno il mio esempio. Non occorre avere un parente disabile per partecipare, l'indignazione per questa oscenità è di tutti.
patriska 2012-08-04 14:45:20
Volevo far notare che all'incontro ho dovuto entrare di forza, non potevo entrare perché non avevo l'invito non essendo tra quelli che usufruiscono dell'assistenza per il figlio....e certo, non ho assistenza perché me l'avete tolta del tutto!!! poi..il sindaco dice che ha fatto entrare tutti perché non hanno niente da nascondere e per la trasparenza...niente affatto!!! io mi sono RIFIUTATA di uscire (che è diverso) comunque se stavo fuori almeno non sentivo certe stupidaggini...
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!