Logo farmacieFarmacie di turno


Paolucci Dott.ssa Francesca
SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, edili non pagati occupano il cantiere alla Cesanella – FOTO

Cresce la protesta per le ore di lavoro non pagate. E intanto il cantiere è stato ceduto

3.115 Letture
commenti
Acquaservice
Il cantiere occupato alla Cesanella di Senigallia: striscioni

Continua la protesta degli operai al cantiere edile alla Cesanella di Senigallia. Una protesta che si è trasformata in occupazione stabile dell’area, nel tardo pomeriggio di martedì 26 giugno.

Dopo infatti l’ultimo incontro con i rappresentanti della Cgil e dell’amministrazione comunale, la situazione non sembra essere cambiata e ciò che gli operai e il titolare della ditta Si.Bo. di Brescia chiedevano non è stato ancora concesso. Motivo per cui si sono serrati tra le due palazzine in costruzione senza permettere ad altri di entrare.

L’iniziativa di protesta è stata decisa dopo che, passati quasi tre mesi dalla prima dimostrazione – con un operaio salito sulla gru – , ancora non è stata risolta la situazione in merito a spettanze non pagate di cui sarebbero responsabili in primo luogo la ditta che ha dato il cantiere all’incrocio tra via Guercino e via Mattei in subappalto, la Soimper di Carmignano di Brenta (PD), e in secondo luogo l’Erap di Ancona che ha appaltato alla Soimper.

Il cantiere occupato alla Cesanella di Senigallia: striscioni su via MatteiLa gara d’asta è stata vinta, infatti, con un ribasso del 47% dal prezzo iniziale: dagli oltre 4milioni di euro si è arrivati a poco più di 2 milioni. Delle ore di lavoro straordinario effettuate dai sette operai kosovari assunti dalla Si.Bo., né la Soimper, né l’Erap vogliono sapere alcunché e questo ha fatto scaldare gli animi.

Ad aggiungere carne al fuoco c’ha pensato la Soimper che, intanto, ha ceduto il cantiere a una ditta di Caserta, di fatto lavandosi le mani di quanto non è stato ancora corrisposto.

Ora, dopo l’ultimo incontro di martedì 26, il cantiere è stato occupato – iniziativa a cui hanno preso parte anche gli attivisti del Mezza Canaja – e, fino a venerdì 29, rimarrà “chiuso” (anche e soprattutto alla nuova ditta casertana).
Nel frattempo, la politica si sta muovendo per risolvere una situazione che rischia di arroventare un’estate già bollente.

Il cantiere occupato alla Cesanella di Senigallia: striscioniIl cantiere occupato alla Cesanella di Senigallia: striscioniIl cantiere occupato alla Cesanella di Senigallia: striscioni

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!