SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Fine vita, un anno fa moriva Federico Carboni, primo italiano ad ottenere “suicidio assistito”

Marco Cappato e Filomena Gallo (Ass. Luca Coscioni): "Aperto un varco, nonostante l'ostilità del Governo e di molte Regioni"

1.990 Letture
commenti
Federico Carboni

È passato un anno da quando, il 16 giugno 2022, Federico Carboni, 44enne, tetraplegico da 12 anni dopo un incidente stradale, moriva nella sua casa di Senigallia, dopo essersi auto somministrato il farmaco letale attraverso un macchinario apposito.

Federico (“Mario“, come era conosciuto prima che decidesse di rivelare la sua identità) è stato il primo italiano ad aver chiesto e ottenuto l’accesso al suicidio medicalmente assistito, reso legale dalla sentenza della Corte costituzionale 242/2019 sul caso Cappato-Antoniani.

Il via libero definitivo per l’accesso al suicidio assistito era arrivato il 9 febbraio 2022, con il parere sul farmaco e sulle modalità “di esecuzione”, dopo quasi due anni dalla prima richiesta alla ASUR e dopo una lunga battaglia legale, in cui è stato assistito dall’Associazione Luca Coscioni. Federico, infatti, aveva inizialmente chiesto aiuto a Marco Cappato per poter ricorrere al suicidio medicalmente assistito in Svizzera. Una volta saputo che avrebbe potuto procedere in Italia, grazie alla sentenza della Corte, aveva deciso di presentare richiesta nel suo Paese, per poter rimanere fino alla fine vicino ai suoi cari, nella sua casa. Ha quindi aspettato 2 anni per poter vedere riconosciuto questo suo diritto, nonostante le sue sofferenze aumentassero sempre di più.

“La determinazione di Federico, anche grazie al coraggio del medico Mario Riccio, ha aperto un varco nel muro di gomma alzato dal Sistema sanitario per boicottare la sentenza “Cappato” della Corte costituzionale. Nonostante l’ostilità del Governo e di molte Regioni, la lotta di Federico continua grazie alla sete di libertà di altre persone malate, che non abbandoneremo”, hanno dichiarato Marco Cappato e Filomena Gallo, rispettivamente tesoriere e segretaria nazionale dell’Associazione Luca Coscioni.

Nel nostro Paese, infatti, proprio grazie alla disobbedienza civile di Cappato per l’aiuto fornito a Fabiano Antoniani, e quindi grazie alla sentenza 242/19 della Corte costituzionale, l’“aiuto al suicidio” è possibile legalmente quando la persona malata che ne fa richiesta è affetta da una patologia irreversibile, fonte di sofferenze fisiche o psicologiche che ella reputa intollerabili, pienamente capace di prendere decisioni libere e consapevoli ed è tenuta in vita da trattamenti di sostegno vitale. Tali condizioni e le modalità devono essere state verificate dal SSN con parere del comitato etico, come accaduto nel caso di Federico Carboni, il quale ha potuto accedere al “suicidio assistito” senza che l’aiuto fornito configurasse reato.

Nonostante la sentenza della Corte abbia valore di legge, però, il Servizio Sanitario regionale non garantisce tempi certi per effettuare le verifiche e rispondere alle persone malate che chiedono di porre fine alla propria vita. Così rimangono in attesa di ASL e Comitati Etici territoriali che, per svolgere le loro funzioni di verifica delle condizioni, possono impiegare mesi. Un tempo che molte persone che non hanno e per questo sono costrette ad avviare azioni legali (come Laura Santi in Umbria e “Anna” in Friuli Venezia Giulia). Federico è stato la prima persona ad avere ottenuto la verifica delle condizioni per poter accedere al suicidio assistito e il relativo parere favorevole da parte dell’azienda sanitaria e del comitato etico. Da allora in Italia, per quanto se ne abbia notizia, è successo altre 3 volte.

Per questo, l’Associazione Luca Coscioni ha avviato la campagna “Liberi Subito” per presentare proposte di legge regionali che garantiscano il percorso di richiesta di “suicidio” medicalmente assistito e i controlli necessari in tempi certi, adeguati e definiti. Le firme necessarie per portare la proposta in Consiglio regionale sono state raggiunte in Veneto, Emilia Romagna, Abruzzo e Piemonte. La raccolta è ancora in corso in Friuli Venezia Giulia. Analoga proposta verrà depositata in Basilicata e Lazio attraverso l’iniziativa dei Comuni ed è già stata depositata da consiglieri regionali in Sardegna, Puglia e Marche.

Fine vita in Italia

Federico Carboni al momento, secondo i dati in possesso in possesso dell’associazione Luca Coscioni, è l’unica persona in Italia ad aver fatto ricorso alla morte volontaria assistita, dopo un calvario giudiziario di oltre due anni tra denunce e processi a carico dell’azienda sanitaria locale, che secondo la sentenza della Corte Costituzionale “Cappato/Antoniani”, con valore di legge, avrebbe dovuto garantirgli l’iter per l’accesso alla tecnica.

Anche altri tre italiani, Stefano Gheller, Antonio e Gloria hanno ottenuto il via libera dal Comitato Etico della regione di appartenenza (ultimo step prima del “semaforo verde”) e sono dunque ora liberi di scegliere il momento più opportuno per confermare le proprie volontà o eventualmente modificare le proprie intenzioni iniziali.

Numerosi invece sono i connazionali costretti a emigrare in Svizzera. Tra quelli assistiti da Marco Cappato e i “disobbedienti civili” iscritti a Soccorso Civile, figurano le storie degli italiani discriminati dalla stessa sentenza della Consulta (come Elena, Paola, Romano, Massimiliano), secondo cui non erano in possesso dei requisiti richiesti. Solo i processi a carico degli attivisti imputati per l’assistenza al suicidio assistito, assistiti dall’Avv.Filomena Gallo e dal collegio legale dell’associazione Luca Coscioni stabiliranno, come vogliono dimostrare i difensori, se la loro condizione era descrivibile come “dipendente da trattamenti di sostegno vitale).

Altri come Federico Carboni son finiti intrappolati nelle sabbie mobili delle lungaggini burocratiche e vittime del reato di “Tortura” da parte dell Stato (attualmente è nota la vicenda di Laura Santi in Umbria, “Anna” in Friuli Venezia Giulia) e costretti a un interminabile percorso nei tribunali contemporaneo e direttamente proporzionale a un peggioramento delle condizioni di salute. Infine vi sono casi come Fabio Ridolfi e Giampaolo costretti a rinunciare al lungo e faticoso percorso scegliendo loro malgrado il ricorso alla sospensione delle terapie e una lenta morte sotto sedazione profonda con distacco dell’alimentazione e dell’idratazione, un epilogo che non avrebbero desiderato.

da Associazione Luca Coscioni

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura