SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Prolungare la banchina di levante ha impatti negativi su foce Misa e porto di Senigallia”

Pubblicato uno studio di UnivPM commissionato dalla Gestiport: "Non sembra la soluzione idonea per mitigare gli insabbiamenti"

2.771 Letture
commenti
Marche Festival Summer 2022 - Bonaventura Bracalente
Isoletta di sabbia e detriti alla foce del Misa (situazione ottobre 2021)

E’ stata pubblicata sul sito di Gestiport Spa, società che gestisce il Porto Della Rovere di Senigallia, la “Valutazione dell’impatto del prolungamento dell’argine destro del fiume Misa”: una relazione a cura dell’Università Politecnica delle Marche.

Il documento è scaricabile integralmente in formato PDF ed arriva a una conclusione che comproverebbe i dubbi che la stessa Gestiport avanzava riguardo ad ulteriori insabbiamenti su fondali della foce del Misa e nell’area portuale.

“L’eventuale allungamento dell’argine di destra del fiume Misa ha impatti negativi in termini di sedimentazione ed interrimento sia sulla foce stessa del fiume sia sulla vicina area portuale.” Questa la frase che chiude la lunga relazione commissionata all’Università Politecnica delle Marche proprio da Gestiport Spa, fatta di rilevazioni, osservazioni, studi e simulazioni.

Da una parte, dunque, c’è la Regione Marche, che ha intenzione di prolungare di circa 100 metri la banchina di levante alla foce del Misa, per cercare di mitigare i persistenti e discussi insabbiamenti nel tratto finale del fiume, a cui ora la Gestiport contrappone questo parere degli studiosi, per i quali l’intervento avrebbe effetti negativi non solo sulla foce, ma anche sul fondale del porto.

Sull’argomento interviene l’ing. Mauro Rognoli, amministratore unico di Gestiport Spa: “Sul prolungamento dell’argine destro per evitare che emerga la ‘barra di foce’ (nome tecnico dell’isolotto di ghiaia che si è formato nel Misa ndr), a nome della società Gestiport spa, dopo la piena di dicembre 2021, è stato affidato lo studio al Dipartimento di Ingegneria dell’Università politecnica delle Marche, prestando attenzione anche all’attuale imboccatura del porto.

Rognoli, affidandosi agli esperti universitari, ha voluto tutelare Gestiport e il Porto della Rovere di Senigallia da eventuali aggravamenti della situazione.

L’ingegnere continua: “Lo studio, datato aprile 2022, è ora a disposizione di chi volesse visionarlo: sia online che presso la sede di Gestiport. Mantenere la profondità del fondale è indispensabile per evitare danni alle varie attività marittime e nautiche che si svolgono nell’area portuale: prospettare un prolungamento della banchina di levante non sembra la soluzione idonea per il problema della barra di foce”.

Commenti
Ci sono 5 commenti
leofax 2022-07-28 12:27:46
Ma quando hanno progettato il nuovo avamporto non hanno pensato ai danni che quest'opera poteva fare alla foce del fiume ? Per quanto mi ricordo con il vecchio porto canale non ho mai visto isolotti vari tra i due moli. Solo che oltre 50 anni fa si usavano le draghe e le bettole, ora si usano i pontoni
Glauco G. 2022-07-28 13:55:30
Più che altro...mi sono letto tutto lo studio e non si parla minimamente dei "possibili danni" (che per me sono quasi certi) che ci saranno nel tratto a sud (credo solo a sud e non a nord) del porto....si parla solo del tratto adiacente al porto ma nulla è stato studiato a sud del porto...l'erosione di marzocca e/o della costa oltre i 3 km dal porto (così per sparare un numero).....sicuri che non ci saranno erosoni da una parte e incremento spiaggia dall'altro?...sicuri di evitare di far scomparire tratti di spiaggia a sud di Senigallia per colpa di quresto intervento? NON sono esperto ma ho questi dubbi.
un povero tra i poveri (di politica) 2022-07-28 14:51:32
"UN RICORDO"

CIRCA 60 ANNI FA DA BAMBINO VEDEVO I RAGAZZI POCO PIU GRANDI CHE FACEVANO A GARA DI TUFFI CON LE BICICLETTE NEL PORTO CANALE DI ALLORA.
Mario2 2022-07-28 20:15:33
I tutffi nel canale li facevo anch'io 20 anni fa, c'era addirittura chi riusciva a salire sul faro e si tuffava da li. Mi ricordo anche che il canale lo dragavano, forse prima si facevano più fatti che gli articoli sul giornale.
Glauco G. 2022-07-29 14:48:41
Bhe..ammetto che pure io, illegalmente, li facevo i tuffi (anche dal faro)..la sola e unica differenza era che...una volta eri costretto a dragare altrimenti non si poteva uscire/entrare dal porto (compresi i mezzi di soccorso CP e CC)...oggi non ha più utilità marittima...il fondale non serve più per le barche ...solo per la sicurezza...e si sa..la sicurezza in Italia la si mette sempre al primo posto (a parole) e all'ultimo (nei fatti)
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura