SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Porta Braschi - Cucina e Pizza con forno a legna - Senigallia - Tavoli all\'aperto, servizio asporto

Tutto pronto per la 25° edizione della Festa del Solstizio d’Estate

L'appuntamento, promosso dall'associazione Confluenze, avrà luogo a partire dalle 19.30 di martedì 21 giugno

Festa del Solstizio d'estate

Confluenze organizza per martedì 21 giugno 2022, all’Arena Misa (Boschetto tra campo sportivo Vallone di Senigallia e fiume) la 25° edizione della Festa del SOLSTIZIO D’ESTATE. Una serata a lume di candela, all’insegna dell’amore e del rispetto per la natura, dei semi e del loro potere.

Ore 19.30 Spettacolo teatrale “SEMIs” STORIE DI UN POTERE INVISIBILE
Dietro ciò che mangiamo ci sono dei semi, delle persone, delle storie. Spettacolo intimo e comunitario, capace di connettere le persone del pubblico

Di e con Giulia Bocciero – Davide Simonetti; musiche originali Giulia Bocciero – Enzo Bocciero produzione indipendente italo-francese Nouvelle Plague – Maison des Semences Paysannes Maralpines.

Ore 20.15 Cena con menu di lasagne bianche e cannelloni, polpettone, coniglio, disossato e bocconcino di pollo, melanzane e pomodori grigliati ed erbe cotte/Menu vegetariano con insalata di riso, verdure come sopra e formaggi. Pane, acqua e vino e dolcetti!

Quota per i soci €18 euro, non soci €20, bimbi sotto 10 anni €15. Solo spettacolo €5, Prenotazioni al 340 6120985.

Dietro ciò che mangiamo ci sono dei semi, delle persone, delle storie.

L’intreccio di questi tre elementi provoca da sempre numerose implicazioni di tipo economico, politico e sociale.

Dopo una formazione con Maxime Schmitt, contadino, attivista e divulgatore scientifico, coordinatore della MSPM, nasce SEMIs storie di un potere invisibile. “Abbiamo scelto di raccontare questa complessità creando una serie di immagini e partiture fisiche legate ai temi della sparizione della biodiversità, dell’industria semenziera (la nascita e l’evoluzione dei cosiddetti ibridi F1), del legame profondo fra coltura e cultura.

Cinque scope piantate in fiaschi di sabbia, un teatrino di legno pieno di disegni, un vecchio, due giocatori di scacchi e una figura femminile immensa e misteriosa popolano la scena: un tappeto volante che sorvola con leggerezza la miseria e la follia dell’essere umano, la stanchezza e la gioia della terra. La grande quantità di storie, suoni, aneddoti e saperi raccolti durante il percorso di creazione ha reso SEMIs uno spettacolo intimo e comunitario, capace di connettere le persone del pubblico.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura