SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Officine Mandolini Senigallia - Vendita auto, veicoli commerciali e allestimenti

Paradisi: “Salviamo lo sport, l’alternativa è lo sballo giovanile”

Green pass: appello alle istituzioni del consigliere regionale Fipav e direttore tecnico della US Pallavolo Senigallia Roberto Paradisi

Roberto Paradisi

Tra pochi giorni riprenderanno le attività sportive e agonistiche di decine di migliaia di giovani in tutta la nostra regione. Anzi, il termine giusto è “dovrebbero” riprendere. Non parlo delle difficoltà logistiche (pensiamo alla complicazione di protocolli sempre più invasivi per le società sportive) e dei costi altissimi che le procedure anti-covid impongono ad associazioni che vivono di volontariato e con pochi euro. Parlo dell’obbligo del green pass.

Al netto di ogni valutazione sulla sua opportunità o sulla sua legittimità costituzionale (ognuno ha la sua legittima idea), tale obbligo decimerà o comunque ridurrà drasticamente la partecipazione dei giovani (ma non solo) ai corsi sportivi e agli allenamenti agonistici. Senza mezzi termini si tratta di un dramma sociale e culturale senza voler considerare le conseguenze sulla salute e il benessere psico-fisico dei nostri ragazzi.

Sorprende il silenzio di quasi tutte le istituzioni locali (a parte l’uscita dell’assessore regionale Latini che ha preannunciato una proposta giusta sui test salivari da inoltrare al Ministero della Salute) che sembrano non essere nemmeno sfiorate da un tema così delicato e strategico. Disinteressarsi del destino di quei ragazzi che, per scelta (certamente legittima, al netto della condivisibilità o meno) dei genitori, non si sottopongono a vaccinazione e lasciarli sulla strada significa negare loro consapevolmente e colpevolmente il diritto allo sport. Significa, in altre parole, condannarli all’alternativa pericolosissima dello “sballo”. Perché se c’è un mondo sano che preserva migliaia di giovani dalla trasgressione, dalle droghe, dal deterioramento sociale quel mondo è lo sport agonistico.

Da qui il ruolo auspicato delle istituzioni (enti territoriali e Asur): schierarsi a fianco delle società sportive, e quindi dei ragazzi, e garantire (con propri contributi diretti) tamponi a bassissimo costo e personale che certifichi il green pass. Peraltro mi risulta che le Asur hanno in magazzino migliaia di tamponi non utilizzati che potrebbero essere messi da subito a disposizione dello sport. Un tema che ho già sottoposto all’attenzione del Consiglio regionale della Federazione italiana pallavolo il cui presidente invierà una richiesta in tal senso alla regione Marche. Per ogni atleta non vaccinato occorrono almeno 3 tamponi settimanali (meglio, come auspica anche l’assessore Latini, se dovessero essere autorizzati i test salivari molecolari). Con i costi di mercato attuali, per una famiglia è impossibile sostenere tale spesa. Che faranno allora le istituzioni, a partire dai Comuni? Lasceranno che i nostri giovani si facciano suggestionare dalle sirene dello sballo o garantiranno loro, come dovrebbero, il diritto allo sport?

da Roberto Paradisi
Consigliere regionale Fipav (Federazione italiana pallavolo)
Direttore Tecnico US Pallavolo Senigallia

Roberto Paradisi
Pubblicato Martedì 31 agosto, 2021 
alle ore 12:02
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno