SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

GD di Senigallia si oppongono alla decisione di rimuovere lo striscione per Regeni

"I simboli sono la linfa della cultura e nei simboli risiedono i valori di una comunità"

Biciclette bici elettriche Mancinelli - Senigallia
Giovani Democratici

I GD di Senigallia si oppongono fortemente alla decisione presa dall’Amministrazione Comunale di rimuovere lo striscione Verità per Giulio Regeni che da anni sventolava sulla facciata del Municipio.


Riteniamo infatti che l’esposizione di tale striscione sia un importante segno di presa di posizione ufficiale da parte del Comune di Senigallia e di tutta la cittadinanza nel chiedere verità e giustizia sulla tragica vicenda di Giulio Regeni, stringendosi così attorno al dolore della famiglia e alla loro lotta, che deve essere la lotta di tutti.

Si tratta infatti di chiedere che venga resa giustizia, non solo alla storia personale di Giulio, ma anche a quei diritti propri di tutti gli esseri umani, che sono stati così brutalmente violati.

Senigallia nel 2016, su proposta della Scuola di Pace, ha deciso di aderire alla campagna di sensibilizzazione internazionale promossa da Amnesty International per non permettere che l’omicidio del giovane ricercatore italiano finisca per essere dimenticato.

L’adesione da parte del Comune a tale campagna consisteva proprio nell’esporre lo striscione Verità per Giulio Regeni nei principali luoghi degli enti pubblici, nel caso di Senigallia, il Palazzo Municipale appunto. L’adesione ufficiale del Comune di Senigallia è verificabile sul sito di Amnesty International a questo link https://www.amnesty.it/campagne/verita-giulio-regeni/ ed è strettamente collegata alla presenza del manifesto, simbolo di una lotta collettiva.

Rimuovere il manifesto significa anche rinunciare ad aderire a questa campagna. Rinunciarvici, per noi, è impensabile e inspiegabile. E del resto una motivazione credibile e sensata della rimozione risulta a oggi non pervenuta.  La pubblicazione della lettera inviata dal Sindaco Olivetti al premier Conte e al Ministro degli esteri Di Maio è apparsa a noi, e non solo, una giustificazione non riuscita.

Diversamente sarebbe stato se la lettera fosse stata pubblicata precedentemente alla rimozione dello striscione, ma l’iter percorso si è palesato come un tentativo di riappacificare gli animi quando ormai il gesto era stato fatto. E’ incomprensibile inoltre come l’invio della missiva sia in contrasto con la rimozione dello striscione, una cosa non escludeva l’altra.

Apprendiamo poi dalla lettera che il motivo principale della rimozione è stato che il drappo fosse “consunto e rovinato”. Se davvero questa è la motivazione, dal momento che l’amministrazione non ha pensato di poterlo sostituire, ci abbiamo pensato noi. Stiamo infatti già procedendo ad ordinarne uno nuovo da poter affiggere al posto di quello “rovinato” sul Palazzo Comunale. E accanto a questo chiediamo ne venga affisso anche un altro che chieda Libertà per Patrick Zaki.

Ora come non mai va tenuta accesa l’attenzione sulla battaglia per la scarcerazione di Patrick George Zaki, attivista e ricercatore egiziano, studente presso l’università di Bologna, che si trova dal 7 febbraio 2020 in detenzione preventiva fino a data da destinarsi, sottoposto a torture che lo hanno “psicologicamente distrutto”. L’udienza per decidere del prolungamento della sua carcerazione è stata rinviata, per l’ennesima volta, al 21 novembre.

Entrambi gli striscioni, simboli di queste battaglie, verranno finanziati, tramite colletta, interamente dai GD e donati agli Uffici del Comune di Senigallia, con la richiesta di (ri)appenderli sulla facciata del Municipio, simbolo della città di Senigallia.
Certo si tratta solo di simboli, ma non provate più a dirci che i simboli sono qualcosa di sterile. I simboli sono la linfa della cultura e nei simboli risiedono i valori di una comunità.

Commenti
Ci sono 5 commenti
Mario2 2020-11-16 14:34:53
Ma non è il vostro partito che ha sperperato non so quanti soldi per far togliere la bandiera Italiana ad un palazzo in città?
"I simboli sono la linfa della cultura e nei simboli risiedono i valori di una comunità" quale simbolo rispecchi più della propria bandiera questi valori? Eppure al tempo non mi pare di aver visto nessun comunicato.
Certo che non perdete occasioneper fare figure di m****
Glauco G. 2020-11-16 15:39:30
Fccio il copia e incolla perchè il mio discorso vale per tutti quelli che ora sono addolorati dallo striscione mancante...."Giustizia per Massimiliano Latorre, giustizia per Salvatore Girone, giustizia per Chico Forti, Giustizia per Luca Aldrovandi (morto), Giustizia per Niccolò Ciatti (morto), Giustizia per Mario Biondo (morto). Loro no? Regeni fa più notizia? finito di usare Regeni come mezzo mediatico? Quando inizierete a fare quello che dite di fare? tutelare i diriti civili di tutti e non solo di chi vi fa comodo? Siete i primi che non tutelate i diritti di tutti ma solo di chi vi interessa e di chi usate......e il comune non è una pagina di giornale dove "appendere" striscioni inutili alla causa ma solo per rendervi più "civili" agli occhi di 4 ragazzini/e oppure di chi ancora ha bisogno di leggere il nome per lottare..(ma ovviamente solo quel nome e non per tutti)......gli altri non sono scritti nel muro e non fanno notizia e quindi lasciamoli abbandonati al loro destino vero? quanti di voi stanno scrivendo per gli altri e quanti di voi criticano uno striscione tolto dal comune? ridicoli......secondo me vanno combattuti tutti quelli che dimenticano dei diritti civili di TUTTI e non di cpochi...sono i peggiori perchè alleati nella giusta direz<ione ma con lo scopo di usare e non difendere l'individuo.....vi state dimenticando dei diritti di tutti tranne di Giuliano... complimenti. Io lotto per Giulio, per Mario, per Massimiliano, per Slavatore, per Chico, ecc ecc voi quando inizierrete a lottare anche per loro e non solo per Giulio? Quando abbandonerete uno striscione appeso e inizierete a chiedere a gran voce la tutela di tutti? se i diritti civili devono essere difesi da uno striscione di un solo uomo...allora abbiamo già perso la lotta...stiamo andando a difendere i diritti civili armati di cerbottane e il nemico ha la bomba atomica..grazie che voi state contribuendo a distruggere i diritti civili (se non per chi volete voi). Grazie"
arcimboldo 2020-11-17 08:06:24
Condivido quanto postato da Glauco G. ed aggiungo: ma voi del PD siete così miopi da non vedere al di la del vostro naso tutto quello che sta accadendo in Italia??? Il vostro problema è un manifesto??? Vi do una soluzione: ciascuno di voi ne appenda uno fuori di casa sua!!!! Il Municipio è la casa di tutti non di una parte politica!!!
fra77 2020-11-17 10:19:48
@arcimboldo. Appunto,il municipio è la casa di tutti e non del sindaco Olivetti che ha rimosso uno striscione apolitico,ripeto apolitico,per poi scrivere una lettera che mai nessuno si filerà al governo,ripeto,nessuno si filerà. Parliamoci chiaro...ma che fastidio dava? Anziché perdere tempo a scrivere una lettera,il Sindaco poteva impiegare il tempo x altro,come ad esempio chiudere piazze x assembramenti già dallo scorso weekend con ordinanza che legittimamente poteva adottare visto il caos che regnava in centro.
Glauco G. 2020-11-17 13:59:08
@fra77 una lettera che mai si filerà? immagino quanto si filerà il governo (in questo caso Conte) di un banalssimo striscione con una scritta banalissima e completamente inutile appeso a Senigallia...Conte nemmeno saprà in che provicia siamo..pensa lo striscione...vogliamo riportarlo su scala nazionale? ok...vedo quanto ha funzionato la scritta esposta sui comuni di mezza Italia...ha proprio funzionato..ottima inziativa di chi non sa fare altro che scrivere e farsi pubblicità e non sa tutelare i veri diritti umani...detto questo..concordo con @arcimboldo...il comune non è del sindaco ne di un partito ma del popolo..e non credo sia un edificio pubblicitario per sponsorizzare alcune proteste (a piacimento di chi le inventa)....altrimenti, se davvero volete fare i paladini...mettiamo i nomi di tutti e non solo di uno...perchè tutti devono avere gli stessi diritti di Giulio (che fa più notizia e pubblicità). A chi da fastidio? a me da fastidio e ora spiego pure il perchè mi da fastidio....mi da fastidio perchè lo striscione non è il simbolo dei diritti umani ma di un veicolo pubblicitario per qualche associazione...io ci vedo una discrimniazione assurda che cerca la tutela di un povero ragazzo (cìe dovrà venire fuori la verità perchè bsogna combattere per lui) ma a discapito di tutti gli altri che come lui sono morti e indagati oppure condannati ingiustamente...mi da fastidio una presa di posizione a piacimento..mi da fastidio che siete scioccati per uno striscione ma non per il silenzio assordante che devono subire tutti qeulli che nn si chiamano Giulio Regeni..mi da fastidio che per Giulio scriverte fiumi di protesta ma non scrivetre nulla per tutti gli altri..mi da fastidio il voistro menefreghismo per Chico, per Mario, per Luca, ecc...non si sta parlkando di un simbolo ma di una dittatura la cvostra..scegliete il vostro paladino e abbandonae gli altri....non venite a dirmi che lo striscione è per tutti perchè allora si toglie il nome e si mette "diritti per tutti".....ecco perchè mi da fastidio quello striscione..perchè è il primo baluarrdo di una dittatura sui diritti sociali..se ci servi ti usaimo se non ci servi ti dimentichiamo..è oscena questa cosa...diritti per TUTTI non solo per un amico....e se concordate con me..le cose sono due...via lo striscione oppure trasformiamo il comune in un muro del pianto dove mettere i nomi di tutti gli Italiani morti e processati ingiustamente......il comune non è lì per quello..e non va assolutamente usato per queste buffonate. i diritti hanno bisogno di perone differenti che combattono con più tenacia es erietà perchè altyrimenti, se ci fermiamo ad uno strisxcione..addio diritti umani....abbiamo bisogno di persone che difendo i diritti e non im persone che li suano per farsi pubblicità.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura