SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

“Il Perticari torni a Palazzo Gherardi”

Battistuzzo Cremonini precisa la sua posizione

1.133 Letture
commenti
Onoranze Funebri F.lli Costantini
Palazzo Gherardi - foto di Moreno David
Leggo con piacere la risposta che il candidato sindaco della lista Senigallia Resistente Rosaria Diamantini fornisce pubblicamente alle mie interrogazioni sul destino di Palazzo Gherardi. La ringrazio e colgo l’occasione per specificare meglio il mio pensiero al riguardo.
 

 
Diamantini propone di spostare la Biblioteca Antonelliana dal Foro a Palazzo Gherardi, includendo in esso – l’edificio, come si sa, è davvero vasto, – anche aree polifunzionali per associazioni, musealizzazioni ecc.; al contempo, e ciò mi fa molto piacere, rileva la necessità di rispettare le volontà del conte Adolfo Gherardi.
 
Che finalmente buona parte della politica cittadina abbia riconosciuto l’impossibilità di calpestare il legato del conte Gherardi (quindi: no a ostelli, no a residenze private e simili), mi sembra un passo avanti notevole: lo vado ripetendo da anni e pertanto non posso che rallegrarmene.
 
Per contro l’ipotesi di spostare la Biblioteca Comunale dal Foro Annonario, ove è allocata oramai da anni e con una sistemazione logistica forse non perfetta ma sicuramente suggestiva e rispettosa della storicità dei luoghi come pure delle esigenze multimediali odierne, non mi trova d’accordo: anche perché l’Amministrazione ha già speso molto, a suo tempo, per portare la Biblioteca al Foro.
 
Il conte Gherardi lasciò il suo patrimonio alla Città di Senigallia perché fosse utilizzato al fine della ‘istruzione dei giovani privi di mezzi’: pertanto la soluzione post terremoto del 1930 ideata dal Comune di predisporre Palazzo Gherardi ad uso scolastico, sistemandovi il Liceo Classico ‘G. Perticari’, rimane ancora oggi, in assoluto, l’ipotesi più in linea con le volontà del Gherardi.
 
Da più parti, specie in area PD ed alleati, torna costante la proposta del Museo del Contemporaneo ‘sul modello del MART di Rovereto’. Personalmente, trovo difficile da credere che una collettività preferisca utilizzare un palazzo storico per l’Arte Contemporanea mentre lascia i suoi giovani a studiare in edifici di poco pregio e di fattura assai più moderna e modesta. L’educazione dei giovani passa anche e soprattutto dal trascorrere ore di vita nella Bellezza e pertanto torno a dire: troviamo un edificio più moderno per il Museo del Contemporaneo e ridiamo Palazzo Gherardi al Liceo Classico Perticari.
 
Gaspare Battistuzzo Cremonini
fondatore Comitato Filantropico
La Rosa del Contino
Commenti
Ci sono 3 commenti
favi umberto 2020-08-29 09:00:37
Bravo. Anzi Bravissimo! finalmente un autorevole personaggio si mette di traverso a soluzioni dui riepiego. Museo, biblioteca, e simili... Palazzo speracato in termini economici e di prestigio.. Il Liceo è senza dubbio qiello piu confacente al prestigio del palazzo e della città
maxium
maxium 2020-08-29 17:34:44
Il perticari confacente? ma se in numerossime occasioni ha fatto figure che peggio non si poteva... basta vedere gli articoli via stampa!
fatima
fatima 2020-08-29 17:37:40
Io ogni volta che sento ''liceo'' perticari mi vien da ridere
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno

Annuncio immobiliare: cercasi appartamento in affitto a Senigallia





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura