SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Quali sono i giochi di abilità preferiti dagli italiani?

Secondo uno studio, oltre la metà del tempo libero degli italiani viene speso giocando su Internet

Il gioco del bridge

Cambiano i tempi, cambiano le mode, cambiano gli usi e i costumi degli italiani. La tecnologia ha senza dubbio dato il suo contributo, se è vero come è vero che il 53% del tempo libero viene speso su Internet, secondo una ricerca condotta dall’Istat e dall’Agenzia dei Monopoli.

Certo, c’è chi online guarda video, cerca notizie o fa acquisti, ma molte persone prediligono i giochi d’abilità, cioè quei giochi in cui la componente della bravura è preponderante rispetto al cosiddetto fattore C – la Dea Bendata, insomma.

Tra i giochi di abilità più famosi e giocati, non solo in Italia ma in tutto il mondo, ci sono senza dubbio la dama e soprattutto gli scacchi. Anzi, gli scacchi hanno una vera e propria federazione internazionale, la FIDE (Fédération Internationale des Échecs), che organizza tornei e campionati nazionali, continentali e mondiali.

A fare la parte del leone nei giochi di abilità sono però i giochi di carte, primo tra tutti il bridge. Anche se non ha la stessa diffusione degli scacchi, pure il bridge è un gioco d’abilità con tanto di circuito tornei stico dove si possono vincere premi in denaro di tutto rispetto. Un po’ come succede nel Texas Hold’em, che si differenzia dalle classiche regole del poker per l’utilizzo di due carte private soltanto, in luogo delle cinque carte del poker all’italiana.

Nel Texas Hold’em, pur non esistendo una federazione internazionale, ci sono numerosi circuiti internazionali che ogni anno mettono in palio centinaia di milioni di euro, come ad esempio le World Series of Poker, il World Poker Tour o lo European Poker Tour.

Burraco e backgammon, invece, sono giochi un po’ meno diffusi e praticati, ma che hanno comunque una storia solida alle spalle, fatta di competizioni anche di livello internazionale, pur senza raggiungere gli stessi premi messi in palio negli eventi di poker o scacchi.

Tra i giochi di abilità ci sono anche numerosi giochi di carte che fanno parte della tradizione italiana, pur non avendo lo stesso appeal mediatico né lo stesso genere di organizzazione del bridge o del Texas Hold’em.

Due esempi su tutti sono la scopa e la briscola, giochi nazional-popolari che ancora oggi vanno per la maggiore, soprattutto nei bar di paese. Non che scopa e briscola non si prestino all’ambiente tornei stico, ma non raggiungono livelli di importanza di altri giochi di carte.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!