SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Dati Turismo a Senigallia, “essere dei mistificatori è da ipocriti”

Lega Nord e Fratelli d'Italia: "ma quale stagione trionfale? L'estate 2017 ha messo a nudo il fallimento delle scelte amministrative"

4.116 Letture
commenti
Ristorante Lo-Lì Senigallia - Rosticceria, piatti da asporto, menù a prezzo fisso
Piazza del Duca a Senigallia durante il Summer Jamboree

Affermare la verità fa male, ma essere dei mistificatori è da ipocriti. Lega Nord e Fratelli d’Italia di Senigallia ancora una volta sono costretti a smentire il Sindaco, e l’intera Amministrazione, raccontando ai cittadini la verità sui numeri del Turismo nella nostra città.


“Stiamo vivendo l’ennesima entusiasmante estate, in linea con gli strepitosi numeri fatti registrare nel corso degli ultimi anni” “E’ tempo di goderci i dieci giorni del Summer””Possiamo trarre un primo positivo bilancio, che conferma la bontà delle scelte strategiche adottate”.

Queste e altre “perle” sono gli annunci che al nostro Sindaco piace “strombazzare”, ma poi, alcuni giorni fa, è stato pubblicato un articolo dal titolo trionfante, “Turismo sul velluto: stagione col segno più”, lasciando intendere che tutto sia andato a gonfie vele. Peccato però che leggendolo si evincono delle contraddizioni che hanno il sapore di smentire il trafiletto di apertura perché tutto non è andato così bene.

Stesso tenore ottimistico è stato espresso anche in sede di commissione, dove solamente la Lega Nord ha manifestato qualche dubbio sulle performance spiattellate dal nostro Sindaco Mangialardi in merito alle scelte messe in campo dall’Amministrazione. Nessuno degli altri componenti ha sollevato delle perplessità, anzi ne sono stati concordi, dimostrando la poca preparazione in questo settore strategico e la forte sudditanza nei confronti della maggioranza. Ora, fortunatamente, con la presenza di Fratelli d’Italia e Lega Nord a Senigallia, le cose stanno cambiando e non è più possibile raccontare frottole e abbindolare i cittadini senza essere smascherati.

L’estate del 2017 non solo non è stata così entusiasmante come ci vogliono far credere, ma ha messo a nudo il fallimento delle scelte strategiche messe in campo. Non lo dice l’opposizione, ma i dati diramati dall’Osservatorio Turistico Marche e dal sito “statistica.regione.marche.it”  che smentiscono inesorabilmente le rosee previsioni del nostro Sindaco imbonitore.

Per aver una visione più completa e veritiera sulle effettive ricadute occorre quantificare quanti investimenti sono stati fatti e se lo sforzo è stato ripagato da risultati. Ogni investimento però deve avere degli obiettivi da conseguire, ed è quindi imprescindibile che siano correttamente valutati i benefici di ritorno e non come è avvenuto, ossia basandosi su mere valutazioni soggettive che non fanno altro che mistificare la verità.

Nel triennio 2015 -2017 l’Amministrazione ha investito quasi un milione di euro (solo 400mila nel 2017) per finanziare i due maggiori eventi stagionali (Caterraduno e Summer Jamboree), certa che ciò avrebbe generato un’idonea promozione turistica in grado di incrementare i flussi degli arrivi e delle permanenze. In realtà, nonostante i tanti “strombazzanti proclami” del Sindaco, i dati del 2017, rilanciati da un articolo apparso su un quotidiano online, e mai smentiti dall’Amministrazione, hanno clamorosamente sconfessato queste aspettative. Non solo, se analizziamo i flussi degli ultimi 3 anni e li confrontiamo con quelli del lontano 2012, si evince che tutti gli sforzi profusi non hanno determinato una vera svolta perché evidenziano degli incrementi talmente irrisori che non giustificano assolutamente sia l’esultanza degli amministratori che l’ammontare degli investimenti, cresciuti negli ultimi anni in  maniera rilevante rispetto a quelli del 2012.

Nonostante i dati del 2017 siano riferiti ai soli mesi estivi essi sono idonei a essere confrontati. In particolare, e molto interessante, è il raffronto dei dati relativi a Luglio e Agosto per capire, senza smentite,  il “grande bluff” che l’Amministrazione ci vuol propinare.
Impietosi sono i dati conseguiti nel 2017 rispetto sia al 2016 che al 2015 dove si evince che, nei due mesi più importanti per il turismo, si sono registrate delle flessioni o dei modestissimi incrementi che non giustificano in nessuna maniera i maggiori sforzi finanziari profusi.

Nel luglio 2017, gli arrivi (41.971 unità) sono stati maggiori rispetto al 2015 di appena 1.505 unità, mentre rispetto a luglio 2016 sono stati meno 1.137 unità. Inconsistenti sono anche i dati riguardanti le presenze che presentano incrementi modestissimi pari a più 10.305 (322 pernottamenti in più il giorno)  rispetto al 2015 e soli 2.000 (appena 65 pernottamenti in più al giorno) rispetto il 2016.

Nell’Agosto 2017, gli arrivi (45.325 unità) sono 7.233 in meno rispetto al 2015 e 2.097 in meno rispetto il 2016. Dati ancor più preoccupanti sono quelli delle presenze che nel 2017 sono state pari a 354.753 ben inferiori di 22.773 pernottamenti rispetto al 2015 e di meno 14.172, rispetto al 2016.

Eppure in Italia il turismo, nel 2017, ha fatto registrare il record di presenze, un boom eccezionale,  + 16,7% di presenze al mare (dato diffuso dal Ministro Franceschini) con un incremento consistente degli stranieri, percentuali che la nostra città non ne ha beneficiato. Lo sviluppo turistico della città continua ad arrancare e non appare attraente neanche per gli stranieri perché rappresentano solo un modestissimo 14% degli arrivi e solo un 13% delle presenze. Se continueremo su questo passo, anche le altre città rivierasche, sempre più agguerrite, ci sottrarranno clienti, ed è quanto è già avvenuto nel 2016 (ultimo dato Istat Marche) per il numero di arrivi fatto registrare da San Benedetto del Tronto: 136.645 arrivi contro i 135.800 di Senigallia nei quattro mesi estivi. Per ora regge solo il numero di presenze che è appannaggio della nostra città di oltre 132.437 pari in media di 1.100 pernottamenti in più giornalieri.

Solo questi ultimi dati, nettamente negativi, dovrebbero far riflettere su come è gestito il Turismo a Senigallia che ormai da troppo tempo non da segni di una solida crescita. Da sottolineare che Senigallia è l’unica città delle Marche a non avere l’Assessore al Turismo, la delega se l’è tenuta il nostro Sindaco, il che la dice lunga su come siamo messi. E’ inutile raccontarci e raccontarsi la favoletta che tutto va bene perché non regge più, poteva andar bene in altri tempi quando esisteva un’opposizione incapace di ribattere e opporsi ai provvedimenti, spesso clientelari, di un’Amministrazione più attenta ad accaparrarsi i voti che a migliorare le condizioni dei loro concittadini. Colpa questa che non può essere addossata agli attuali consiglieri di minoranza di recente nomina che già hanno dimostrato una forza di contrasto molto forte. Con ciò, tuttavia, non vogliamo infierire oltre perché sarà anche compito nostro, se l’attuale Amministrazione ce lo permetterà, aiutare a trovare delle soluzioni idonee per rilanciare turisticamente la città, rimodulando le varie scelte con altri obiettivi, altrimenti ci toccheranno periodi di forte crisi.

A fronte di questi numeri, alquanto impietosi, Lega Nord e Fratelli d’Italia si domandano, è non è la prima volta, come possano accettare, non dicendo nulla, questo andazzo le varie Associazioni di categoria. Eppure parlando singolarmente con i loro associati, i vari commercianti non sono per nulla contenti della situazione del Turismo a Senigallia e di come viene gestito. Possibile che per le Associazioni di categoria vada sempre tutto bene? Noi pensiamo di no, e molto probabilmente il motivo del “silenzio” delle Associazioni va ricercato “altrove”…

Da

Davide Da Ros – Consigliere comunale Lega Nord di Senigallia
Marcello Liverani – Coordinatore Fratelli d’Italia di Senigallia

Commenti
Ci sono 2 commenti
henry
Dirty Rotten Imbeciles 2017-11-28 18:44:53
....scusate, ma uno che si loda per 2 sole manifestazioni all'anno, voi come lo considerate ? E' come se il proprietario di una fabbrica di "water", esultasse perche' ne ha venduti 2 in un'intero anno. Il problema e' che il proprietario della fabbrica gioca e rischia di tasca sua, il proprietario del comune (perche' e' di "proprieta' privata" che dobbiamo parlare) rischia con i soldi degli altri, tra un selfie ed un caffe'. Come si dice, non e' difficile fare il.....con il......degli altri. A costo di essere noioso e ripetitivo, il vero dramma, non e' cio' che hanno combinato, ma cio' che combineranno negli anni a venire, ci attendono altri 3 anni di nulla, di 2 sole manifestazioni, di rischio alluvioni, di strade distrutte, di un'ospedale in svendita, di un centro storico invaso da orde di nullafacenti, di furti e rapine, di droga nelle scuole, di alberi abbattuti, di parcheggi inesistenti. Inoltre, le vostre lotte (Lega e FdI) vengono derise dai Senigalliesi, che se ne fregano dell'andamento generale di questa citta' e lasciano che essa
venga "governata" da persone che hanno in piu' di un'occasione dimostrato di non avere il polso della situazione, di non vedere i problemi (e se li vedono) di non essere in grado di risolverli. L'unica cosa buona di questi tre anni di "buio" che ci attendono e che alla fine non sentiremo piu' echeggiare il suo nome.....e con lui quello di tutti gli altri.....quello si che sara' un gran bel giorno, altro che !!!!
Mario2 2017-11-28 22:10:36
Dirty Rotten Imbeciles@ ma a questi basta fargli credere che sei di sinistra, vedi il governo che ha tolto l'Art 18 ha alzato l'età per la pensione e cosi via. Un mio amico dice sempre “La democrazia è l'arte di far credere al popolo che sia lui a comandare " sarò che ormai da tempo i Senigalliesi incassano di continuo, secondo me iniziano ad abituarsi.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura