SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Eurostok - La qualità al giusto prezzo - Senigallia

“Musiche altissime e non solo, a Senigallia tutto è lecito come a Carnevale”

Il presidente di Italia Nostra Virginio Villani: "una volta la città era più rispettosa dei valori della convivenza"

7.075 Letture
commenti
Lungomare di Senigallia la notte di Ferragosto

Purtroppo è ormai consuetudine che alcuni luoghi di ritrovo nelle ore notturne, con lo scopo di incrementare l’afflusso dei giovani, tengano il volume di musiche ritmate a livelli talmente elevati da diffonderlo fino quartieri residenziali più periferici (es. Saline e via Marche), tanto da dare l’impressione, secondo l’orientamento del vento, di trovarsi accanto ad una discoteca a cielo aperto.

E’ quanto accade ciclicamente anche a Senigallia in occasione dei più affollati eventi estivi, ed è quanto accaduto la vigilia di Ferragosto fino alle quattro del mattino.

Livelli sonori così alti si spiegano solo con l’obbiettivo di creare un’atmosfera di eccitazione tale da attrarre una certa categoria di giovani (anche minorenni) e magari indurli anche a bere con effetti universalmente deplorati, ma non abbastanza combattuti. Così gruppi di giovani e giovanissimi vagano lungomare senza meta, raggruppandosi davanti ai bar e ai bagni, magari quelli che forniscono musica a volume più elevato, vittime spesso di modelli di comportamento che offrono nel rumore, nelle sensazioni forti fino allo sballo una compensazione alla incapacità di forme di divertimento più accettabili.

Quando la città era più rispettosa dei valori della convivenza lo spazio della residenza e lo spazio del divertimento erano nettamente separati. I luoghi della musica erano o al chiuso (se lungomare) o sulle colline della città se all’aperto (Covo Nord Est, Bel Sit, Corral, Milleluci ecc.), avevano le loro regole e non entravano in conflitto con il desiderio di tranquillità dei cittadini, stabilendo oltretutto, soprattutto per i giovani, una sana e netta distinzione netta fra tempi e luoghi del divertimento (in cui non erano ammessi comportamenti sopra le righe) e tempi e luoghi della quotidianità e delle relative regole da rispettare.

Ora tutto è cambiato, tutto è lecito come a carnevale, specie da quando gli operatori dei bagni lentamente e con tenacia con una lunga e strisciante guerra di lobbing hanno ottenuto di spostare tutto sulla spiaggia, bar, ristoranti, attività sportive, ristorazione e infine discoteche, entrando inevitabilmente in collisione con le esigenze di chi vive, opera e infine dorme a distanza più o meno ravvicinata, residenti, ospiti e anche gli stessi villeggianti.

Con un po’ di moderazione sarebbe possibile conciliare le opposte esigenze, ponendo limiti più ragionevoli sia ai decibel che a certe attività e soprattutto dimostrando da parte degli operatori un maggiore (molto maggiore) senso di civiltà, ponendosi da soli un limite (non fallirebbero certamente per questo), permettendo un po’ più di tranquillità a tutti e soprattutto offrendo modelli di divertimento basati sulla semplice socialità e non sulla ricerca di sensazioni forti.

Il comune può controllare gli orari, e già questo sarebbe un grosso potere di inibizione; ma per quanto riguarda il livello di emissione, anche qui la burocrazia ci mette il suo zampino, affidandone il controllo all’ARPAM, con cui il cittadino non può avere un rapporto diretto e che quindi non può intervenire tempestivamente (se e quando interviene). Ma c’è anche il sospetto che certi modelli di comportamento siano tollerati, perché tutto sommato servono all’economia balneare.

Foto di repertorio

Commenti
Ci sono 5 commenti
Gnagnolo
Gnagnolo 2017-08-19 14:50:04
Concordo con Villani dal punto di vista culturale e faccio anche una domanda su un piano più concreto: rendere tutto subalterno all'economia balneare porta vantaggi tangibili alla collettività oppure no?
Se li portasse (ad es. con opere di manutenzione stradale, riduzione IMU, ecc.), allora qualche disagio nei mesi estivi sarebbe forse più digeribile. Ma non si vede nulla di tutto questo, anzi.
Tra le altre cose, qual è il ritorno per la collettività dei soldi con cui il Comune sovvenziona il SJ? Quant'è l'aumento del gettito iva durante il SJ?
gabbia 2017-08-19 22:18:39
Gli anziani o chi non lo è anagraficamente ma è già "anziano dentro" dovrebbero cambiare quartiere.
Senigallia vive di turismo quindi non si può avere la pretesa di vivere in centro storico o lungomare e non poter convivere con gli eventi.
Quartiere ciarnin, cesanella o borgo mulino sono quartieri sicuramente più silenziosi che consiglio quindi a chi è poco tollerante alla movida.....
iz6qzm 2017-08-20 01:30:21
Assomiglia sempre più alla “Milano da bere” questa Senigallia Jamborèe fatta di lustrini e paillettes, ammiccamenti e sensibile aAttenzione nei confronti dei forti, siano essi operatori turistici (amanti della precarietà da usare e gettare) o immobiliaristi (l’uno contro l’altro armati e tutti insieme sodali nell’assalto al territorio) e sempre più lontana dai bisogni popolari si chiamino disabili ( ai quali si lesinano risorse), famiglie indigenti che ricevono sfratti e interruzione di servizi. Non stupiscono più notizie che mettono sempre più in difficoltà il patrimonio pubblico per reperire quei fondi che serviranno per altre “splendide estati” di caterpilleraggini ( ormai stucchevole parodia dell’ impegno e della solidarietà) e “grease” america old style per la felicità di pochi e noti. Tutto questo tra l’attonito e complice sguardo di una “sinistra del principe” (Sel, Pdci, Verdi) che dissente ma alla fine “non può fare a meno”( perché la destra, come i barbari della poesia di Kavafis, è un alibi e una soluzione per loro ipocrisia). Ci auguriamo invece che di fronte a questa ennesima gaglioffaggine la città reagisca e che magari da qui incominci una discussione su an’altra città possibile.
favi umberto 2017-08-20 07:20:31
Abitualmente le opinioni del prof. Villani sono profonde documentete e mai banali ma questa volta non ne condivido il pensiero. Meno male che a Senigallia c'è vita musica allegria mivimento e lodo l'impegno di chi organizza le iniziative estive. Chi viene a Senigallia in estate sa di non andare in un luogo conventuale e ci viene per divertirsi. La vita estiva allieta anche chi ci vive...... chi vorrebbe pace e silenzio dovrebbe avere un opo di tolleranza ...........
Mario2 2017-08-20 09:36:06
I bilanci di molte strutture possono essere consultati online in quanto documenti pubblici, dategli un occhiata così vi fate due risate.
Aggiungo inoltre che per favorire gli stabilimenti il Comune sta deturpando la spiaggia libera, come ogni anno con la scusa della pulizia vengono prelevate montagne di sabbia che vengono poi ricollocate basta guardare le foto satellitari con Google maps per vedere grandi tratti di spiaggia più scura segnati dai pneumatici dove la morbida sabbia è ormai sparita.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno