SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Fratelli d’Italia Senigallia: “prendere bene la mira e sparare, senza il consiglio del padre”

Il coordinatore Liverani interviene sulle frasi di un consigliere Pd di Ancona riferite alla morte di Carlo Giuliani

3.080 Letture
commenti
Netservice - Soluzioni web di qualità
G 8 di Genova

Il PD, che di democratico non ha proprio nulla, sul caso Diego Urbisaglia (Consigliere comunale in Ancona) – Carlo Giuliani sceglie di stare dalla parte di chi aggredisce i servitori dello Stato condannando una sacrosanta verità scritta dal Consigliere sulla sua pagina di Facebook.


Ricordando gli scontri avvenuti 16 anni fa a Genova in occasione del G8, scontri epocali che portarono alla morte di Carlo Giuliani, il Consigliere scrive: “Se ci fosse mio figlio dentro quella campagnola gli griderei di sparare e di prendere bene la mira”. In quell’inaudito assalto alla camionetta, il Carabiniere Mario Placanica si difese sparando e colpendo a morte Carlo Giuliani, il no global che con un estintore in mano, rubato un chilometro e mezzo prima ad un distributore di benzina, cercava di colpire il Carabiniere.

Apriti cielo! E’ sceso in campo il politburo del PD! Secondo il Vice  segretario nazionale Lorenzo Guerini, le frasi del Consigliere sono inaccettabili e ingiustificabili e quindi come tali vanno segnalate all’apposita commissione affinchè assuma “senza indugi provvedimenti sanzionatori”.  Chissà, forse lo frusteranno in una pubblica piazza! Non c’è niente da fare, allo Stato Maggiore del PD locale e nazionale non va giù che “uno di loro” si sia schierato dalla parte del servitore dello Stato, ossia dalla parte giusta, perché Carlo Giuliani, come dimostrò il processo, aveva tutte le intenzioni di attentare alla vita del Carabiniere con quell’estintore in mano.

Vorremmo capire ora qual è la linea del PD. Stanno con gli uomini che difendono la legge o con quelli che la infrangono e delinquono? Perché nel caso Carlo Giuliani i fatti sono stati appurati e certificati al 100%, e solo chi non li vuole vedere può far finta di rimanere scandalizzato alle frasi del Consigliere Diego Urbisaglia. Il PD ha provato a trasformare Carlo Giuliani in una icona della sinistra, ma la giustizia e un processo hanno invece appurato la sacrosanta verità sconfessandoli in pieno.

Carlo Giuliani era in piazza quel giorno mentre i no global assalivano la camionetta con pietre, bastoni e altro ferendone gli occupanti, e lui, con il suo estintore in mano, voleva arrecare ancora più danno fisico agli occupanti della campagnola. “Bastardi vi ammazziamo” fu la frase che venne accertata al processo, e quel processo stabilì, senza nessuna remora o ombra di dubbio, che il Carabiniere Placanica reagì per legittima difesa, e che soltanto i colpi sparati fermarono la vile aggressione. Umanamente dispiace che un ragazzo di 23 anni perda la vita, ma in quel caso il destino Carlo Giuliani se lo costruì da solo.

Quindi che cosa ci sarebbe di inaccettabile e ingiustificabile nelle parole di chi giustamente sta dalla parte della giustizia? La linea del PD quindi cosa avrebbe voluto, che Urbisaglia si schierasse dalla parte dell’aggressore, Carlo Giuliani, che voleva tirare un estintore in testa ad un carabiniere? Ma di cosa vogliamo parlare? Anche la storia di Carlo Giuliani parla chiaro, una sua zia morì mentre tentava di piazzare una bomba che avrebbe ucciso chissà quante persone e che invece gli scoppio in mano!

Di inaccettabile e ingiustificabile, oltre che vergognoso, c’è il fatto che nel 2006 Rifondazione Comunista abbia candidato in Parlamento la madre di Carlo Giuliani strumentalizzando l’intera vicenda e la morte del ragazzo, e non contenti Rifondazione Comunista intitolò la sede del proprio partito nel Senato a Carlo Giuliani con tanto di targa. Questo si che è scandaloso, non le dichiarazioni di Diego Urbisaglia, 39 anni, Vigile del Fuoco, laureato in scienze politiche  e da sempre in politica a fianco dei cittadini. Una caso raro nel PD, ed è per questo che va “abbattuto”, visto mai che prenda tanti voti e possa poi ricoprire qualche carica importante togliendola agli “appecoronati e servili” uomini del PD!

Concludendo: chi scrive non direbbe mai al proprio figlio di “prendere bene la mira e sparare”… perché lo farebbe da solo senza i consigli del padre!

Commenti
Ci sono 3 commenti
mimmo990
mimmo990 2017-07-22 14:02:06
É chiaro che lo stanno obbligando a dimettersi . Povero ragazzo. Sappiate però, che l'80% Dei tesserati PD, la pensano esattamente come lui. Di questo non ho alcun dubbio. La differenza, é che non hanno gli attributi di dirlo, perché devono salvaguardare l'ipocrisia del partito democratico.
Ingrao
Ingrao 2017-07-22 22:50:43
Fratelli D italia senigallia ?...co é
favi umberto 2017-07-23 09:08:31
Non sono iscritto al PD, e non ho condiviso MAI il pensiero di Liverani. Tuttavia questa volta approvo le sue argomentazioni! Basta con le ipocrisie! Chi decide di andare in piazza a dimostrare il suo dissenso lo faccia pure ma non a viso bendato, con i caschi in testa, bastoni in mano, bottiglie molotov, sassi e biglie in tasca, e men che meno con estintori rubati!
Le forze dell'ordine stanno li con il preciso dovere di evitare danni a persone e cose mettendo a rischio la propria incolumità..... e può anche scapparci il morto. Da nua parte o dall'altra!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura