SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Ferramenta Farinelli Senigallia - Scopri le offerte del mese

L’integrazione tra accoglienza, discriminazioni e vittime del mare: se ne parla a Senigallia

Dibattiti, incontri e reading con il progetto "Homo Migrans": intervengono anche Cecìle Kyenge e Chinyere Chidi Namdi

immigrati, migranti, tolleranza, sbarchi, clandestini

Lampedusa: l’isola che non c’è” è un’iniziativa di due giorni sull’immigrazione organizzata a Senigallia dall’ACADS – Associazione Culturale Arancia Donna Subsahariana. L’onlus opera da più di 15 anni nell’ambito dell’integrazione socio-culturale con il museo africano Mini Bantu (MBAM) con sede operativa nella frazione Sant’Angelo. L’evento ha il patrocinio del Comune di Senigallia ed è stato realizzato in collaborazione con la Scuola di Pace”V. Bucceletti” di Senigallia, la Consulta Regionale degli Immigrati, l’Ambito territoriale Sociale n 8, Cabot Cove, Coop Alleanza e il Cinema Teatro Gabbiano di Senigallia.

La tappa su Lampedusa fa parte del più ampio progetto dell’ACADS “Homo Migrans”, che parla dell’uomo e del suo mettersi in cammino: spostarsi, migrare, da un luogo ad un altro, un “bisogno primario” dell’individuo, di un gruppo o di un popolo. Ciascuna tappa toccherà un tema d’attualità, culturale, storico, antropologico, specifico di un luogo, area, contesto analizzato attraverso varie forme espressive. La prima tappa sarà appunto “Lampedusa, l’isola che non c’è“: un titolo provocatorio per sottolineare l’ambivalenza di questa minuscola isola del Mediterraneo, crocevia di destini e primo punto fermo di approdo per i profughi, dall’Africa all’Europa. Ma Lampedusa è anche un microcosmo di contraddizioni e problematiche: sulla dignità dell’uomo, sul diritto di cittadinanza, sull’accoglienza, la legge, il rimpatrio, l’aiuto umanitario, l’identità negata, le vittime in mare, la paura, l’impatto sugli autoctoni.

La prima giornata di venerdì 4 novembre si svolgerà tra l’auditorium San Rocco e il cinema Gabbiano, con narrazione di storie vere da Lampedusa da parte di Francesco Piobbichi, artista poliedrico e operatore sociale a Lampedusa e nella frontiera del Mediterraneo per il progetto Mediterranean Hope, e una tavola rotonda che coinvolgerà, tra gli altri, la parlamentare europea nonché ex ministro italiano all’integrazione Cecìle Kyenge. Nel pomeriggio, proiezione del film Homeward Bound – Sulla strada di casa. Concluderà la serata al Cabot Cove il Reading “La Storia di Samia” con l’attore Gabriele Parrillo e la violoncellista Daniela Savoldi.

La giornata di sabato 5 avrà luogo al MBAM con visita del museo, degustazione di specialità africane a pranzo e altre iniziative pomeridiane, tra cui il reading con musica live “Vita mia” liberamente ispirato all’esperienza del dottore Lampedusa Pietro Bartolo, a cura di Fausto Caroli e Nicola Principi al violino.

L’evento coinvolgerà anche la Dott.ssa Catherine Ori Iheme, mediatrice culturale e linguistica, portavoce dal 1965 degli immigrati nelle Marche; Chinyere Chidi Namdi vedova di Emmanuel Chidi Namdi, tragicamente ucciso a Fermo lo scorso Giugno; dottoressa Stefania Pagani – Unità Operativa Assistenza Medicina Legale; Dott.ssa Selly Kane, Italo Senegalese, dirigente della Cgil e una dei massimi esperti dell’immigrazione italiana dagli anni ’90.

Di seguito, il programma dettagliato dell’evento.
VENERDI’ 4 novembre
– auditorium san Rocco:
9.15/12.15 – Francesco Piobbichi “Disegni dalla frontiera” – narrazione di storie vere da Lampedusa con l’ausilio di proiezioni slide (Riservato agli allievi degli istituti superiori);
16.00/17.00 – Francesco Piobbichi ” Disegni dalla frontiera” – narrazione di storie vere da Lampedusa, con l’ausilio di proiezioni slide (Aperto al pubblico – Ingresso gratuito);
17.00/18.00 – Forum “Condizione della donna esule in terra straniera”. Interverranno: Onorevole Cecìle Kyenge, Professoressa Catherine Ori Iheme, Sig.ra Chinyere Chidi Namdi, Dott.ssa Selly Kane, Dottoressa Stefania Pagani, Sig. Francesco Piobbichi, Sig. Gabriele Parrillo, Dottor Giorgio Cingolani;
– cinema teatro Gabbiano:
18.30/20.00 – Proiezione del film “HOMEWARD BOUND – Sulla strada di casa” di Giorgio Cingolani e Claudio Gaetani (Ingresso 4,50 euro per il pubblico dell’auditorium San Rocco);
– Cabot Cove, Outdoor Sport Cafè (buffet+reading 12 euro):
20.15/21.15 – Buffet dai profumi siciliani;
21.30/22.30 – Gabriele Parrillo & Daniela Savoldi “Storia di Samia” liberamente ispirato al libro “Non dirmi che hai paura” di Giuseppe Catozzella. Reading con musica live (Violoncello).

SABATO 5 novembre
– MBAM (Mini Bantu African Museum):
11.00/12.00 – Visita guidata al museo MBAM (Mini Bantu African Museum) a cura della professoressa Catherine Ori Iheme, ingresso gratuito;
12.00/13.00 – “Mal d’Africa” Proiezione di slide sulle missioni umanitarie in Nigeria, Togo, Tanzania a cura del Dottor Angelo Caroli;
13.00/14.30 – Degustazione di specialità africane Ricette preparate dalla comunità degli stranieri del territorio (8 euro – il ricavato andrà a sostegno delle attività di volontariato dell’Associazione di Donne Subsahariane – ONLUS);
14.30/15.15 – “Disegni dalla frontiera”: inaugurazione mostra riproduzioni acquerelli originali di Francesco Piobbichi (aperta fino al 13 novembre- Ingresso gratuito);
15.15/16.00 – ” In viaggio con i semi” Percorso sensoriale sugli alimenti del sud del mondo, a cura di Eduardo Lo Giudice (ORTO ANTICO);
16.00/16.45 – Fausto Caroli & Nicola Principi “VITA MIA” liberamente ispirato al libro “Lacrime di sale” di Pietro Bartolo e Lidia Tilotta. Reading con musica live (Violino). (Ingresso gratuito);
16.45/Tramonto- Saluti con percussioni live a cura della Comunità Senegalese (In caso di pioggia la performance non avrà luogo).

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura