SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Optovolante - Ottica a Senigallia

Senigallia: Complanare e Piazza Garibaldi pronte a luglio, Palazzo Baviera entro l’anno

Il sindaco Mangialardi comunica le date di fine dei lavori in tre cantieri della città

Lo stemma papale di Benedetto XIV posizionato in piazza Garibaldi a Senigallia

Complanare all’inizio di luglio, Piazza Garibaldi il 16 dello stesso mese, Palazzetto Baviera entro il 2016: queste le date in cui tre luoghi ora interessati da altrettanti cantieri saranno di nuovo fruibili.


A garantirlo è il sindaco Maurizio Mangialardi, che sottolinea: “la nuova bretella della Complanare aprirà ad inizio luglio, il giorno potrebbe essere il 4 (lunedì). Una volta ultimati i lavori si potrà attraversare la città da nord a sud in pochi minuti, una svolta che cancellerà tutte le polemiche e i comitati nati qualche anno fa quando l’importanza del progetto fu compresa da pochi”.

Piazza Garibaldi verrà invece inaugurata il 16 luglio (ore 21), con una serata denominata “La piazza ritrovata”: “diventerà una delle piazze più belle delle Marche – promette Mangialardi – mentre fino a pochi mesi fa era il parcheggio più brutto d’Italia”.

Non sarà disponibile invece per l’estate Palazzetto Baviera, che comunque – anticipa il primo cittadino – “sarà restituito dopo molti anni di chiusura alla città sicuramente entro la fine del 2016 (il mese potrebbe essere ottobre). Un recupero che si inserisce negli investimenti compiuti negli ultimi anni a favore del turismo e della cultura”.

Commenti
Ci sono 3 commenti
stefano 2016-06-03 17:14:36
La vulgata mangialardiana è alata e pettoruta ( si fa per dire), basata sul principio fondante dell'apertura della Complanare che "cancellerà le polemiche e i comitati nati qualche anno fa, quando l'importanza fu compresa da pochi". Sarà. Ma ,dati e notizie alla mano ,da anni studi di trasportistica e di logistica ed economia dei trasporti di diverse università italiane come Milano ,Venezia e Roma , oltre al Censis, mettono in evidenza come siano in molti a non comprendere l'importanza di certe infrastrutture . Anche un recente studio , commissionato da ISPRA e presentato guarda caso nella sede dell'ANCI Nazionale(!!!) a Roma , hanno individuato nelle Bretelle,nelle Complanari e nelle strade di affiancamento come le infrastrutture maggiormente "indifferenti al territorio" e quelle con minore "sostenibilità" (ambientale,funzionale , economica nei costi di costruzione e poi nella futura gestione). Insomma, vengono indicate come le infrastrutture più sbagliate, più obsolete e più devastanti. Innazitutto nascono come Varianti Urbanistiche senza alcuna integrazione e coordinamento con il resto degli strumenti di Pianificazione ( in più a Senigallia non ci hanno detto a quale PRG , o meglio a quale Piano di Fabbricazione, hanno fatto riferimento). In secondo la magia dell'Opera l'hanno messa nei numeri che prevedono un traffico abnorme , nel nostro caso 80% (!!) di traffico tolto dalle strade cittadine. Ma poi succede che, a cose fatte ,cercano di evitare in tutti i modi l'argomento, tant'è che Società Autostrade nei suoi sparuti monitoraggi post-operam sulla Bretella Nord (da tre anni aperta) quando deve inserire i dati di Volumi di traffico Leggero e Pesante se la cava bellamente mettendoci una barra ( chissà perché?). Insomma, di valutazione dei Flussi di Traffico nemmeno l'ombra.
Inoltre il Piano Economico Finanziario dell'opera ,necessario a dimostrare la sostenibilità dell'opera , è stato sempre argomentato con pieno ottimismo ma sempre tenuto segretissimo.
Visto quello che è successo di recente con il PEF del Passante Ovest di Ancona , dove è dovuto intervenire in tutta fretta il Dipartimento del Tesoro e la Ragioneria di Stato, chiedere alla fine della fiera quanto è costata la Complanare , qual'è la cifra che spetta a Senigallia e in quanto è previsto il costo della gestione dell' infrastruttura (da sempre il Ministero dei LL.PP. e Società Autostrade hanno parlato della galleria del Cavallo come un di un autentico pozzo di San Patrizio) penso che non sia di certo una domanda impertinente , né tantomeno polemica.
Le eleganti passerelle, le interviste ammiccanti , i selfie passano presto ma la realtà delle cose dura al contrario per svariati decenni. stefano bernardini

P.S. Vi ricordate la "Corsia Dinamica" autostradale, ovvero la corsia con il sistema di esazione aperta per il traffico locale , che il Comitato aveva proposto in alternativa alla Complanare? Era stata bollata dai "sapienti" come una fisima estemporanea. Ebbene è già stata realizzata ,e già utilizzata, in alcuni tratti autostradali lombardi e sarà utilizzata anche sulla Autostrada Tirrenia. Quando si dice la critica per la critica!.
papero 2016-06-03 21:09:20
Una domanda ma se con piazza garibaldi a parcheggio nn si trovava un buco x parcheggiare, quest'estate che nn c'è il parcheggio in piazza garibaldi io la macchina x venire a senigallia la porto sottobraccio oppure il nostro sindaco ha pensato a alternative tipo bus navetta gratuiti da parcheggi tipo cityper o maestrale x le serate clou dell'estate? Sarà bella Senigallia ma se nn riesco a trovare un parcheggio vado da altre parti a divertirmi dove sotto questo aspetto sono più organizzati, rendere la cittá bella ok ma bisogna renderla accessibile al gran numero di turisti che arriveranno x caterraduno o summer jamboree altrimenti si perdono introiti e nn ci facciamo una bella figura, guarda il fatto della festa europea della musica dove Senigallia quest'anno è stata "bocciata"
salvatore 2016-06-04 07:50:04
Sono d'accordissimo con il commento di Stefano Bernardini...è aggiungo che queste "opere "sono dovute.. ..hanno da asfaltate da edificare e da tagliare i nastrini...
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura