SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia: vasto incendio divora nella notte un capannone alla Cesanella

Distrutto magazzino in uso alla Union Cosmetics, Vigili del fuoco al lavoro per spegnere il rogo in via Guidi

25.314 Letture
commenti
Optovolante - Ottica a Senigallia
Incendio capannone in via Guidi alla Cesanella

Un vastissimo incendio si è sprigionato verso la mezzanotte del 3 maggio in un capannone nella zona produttiva Vismara di Senigallia, in via Guidi, alla Cesanella. Altissime la colonna di fumo e le fiamme, che hanno interessato tutta la struttura, un tempo utilizzata dalla Sadori Gas e ora in uso alla Union Cosmetics, che l’aveva adibita a magazzino del packaging.

Sul posto autobotti e autoscala dei Vigili del Fuoco, che sono stati severamente impegnati per la vastità del rogo e per il forte vento che alimentava il fuoco, con il serio rischio di andare ad interessare anche altri edifici attigui a quello occupato dalla Union Cosmetics, ditta che si occupa della produzione di prodotti per la cosmesi e l’igiene personale.

Vigili del Fuoco impegnati nell'incendio di un capannone alla CesanellaVigili del Fuoco impegnati nell'incendio di un capannone alla CesanellaIncendio capannone in via Guidi alla Cesanella

Fortunatamente questa circostanza è stata scongiurata, ma non si è potuto far nulla per evitare che andasse distrutta tutta la merce stoccata all’interno del capannone, in gran parte carta e cartone, facilmente divorati dalle fiamme, oltre ai materiali per l’imballaggio e ad alcuni lotti di prodotti già confezionati e pronti per la distribuzione. Allo stesso modo sono stati pesantemente danneggiati infissi e struttura del prefabbricato, gravemente compromesso, del quale sono andati perduti anche i pannelli fotovoltaici installati sul tetto.

A seguito dell’incendio, nella notte, sono state diramate dal Comune di Senigallia alcune misure cautelative indicate da Asur e Arpam, come il divieto di consumare verdure prodotte in zona, la raccomandazione di non aprire le finestre e la decisione di chiudere, martedì 3 maggio, le scuole dell’infanzia e primaria di Cesanella.

Incendio capannone in via Guidi alla CesanellaFiamme sul retro del capannone in via Guidi alla CesanellaFiamme sul retro del capannone in via Guidi alla Cesanella

Diverse le persone del quartiere Cesanella che, nonostante l’ora tarda, si sono avvicinate per constatare cosa stesse accadendo, allarmati dal vistoso bagliore che proveniva dal fabbricato. Sul posto sono giunti anche i Carabinieri di Senigallia, che dovranno ora stabilire, insieme ai Vigili del Fuoco, se l’origine del rogo sia dolosa. In via precauzionale, è poi arrivata anche un’ambulanza, sebbene nessuno fosse presente all’interno del capannone quando l’incendio è scoppiato, nè si siano registrati intossicati.

Caricamento mappa in corso...
Commenti
Ci sono 9 commenti
Mario2 2016-05-03 08:43:53
Veramente si chiudono le scuole e si attuano misure precauzionali per un rogo di carta? Quali prodotti sono bruciati veramente e quanto sono tossici?
anfatti
anfatti 2016-05-03 09:21:01
Se è un magazzino del packaging, vuole dire che avrà avuto dentro i materiali per il confezionamento, quindi carta, plastica per l'imballaggio, strutture e scaffalature per tenere la roba. Oltre a ciò è andato a fuoco anche il capannone. QUINDI è normale prevedere misure precauzionali finché non si accerta cosa c'è con precisione dentro, no Mario?
Mario2 2016-05-03 10:40:24
@anfatti tu lo sai cosa tieni nell'armadio di casa oppure chiami le autorità per accertamenti? A distanza di ore ormai dovrebbe essere chiaro che cosa conteneva il magazzino e se c'erano materiali tossici, non possiamo smettere di respirare nell'attesa e saperlo dopo non serve a niente.
haustus 2016-05-03 11:37:28
Anche se fosse carta e plastica come dice il sig. @mario2 non è certo salutare far respirare ai bimbi quella roba lì, anche perché il forte odore acre si sentiva fin al parco della pace... Pensa li in quella scuola!!! Classico esempio di senigalliese petulante e lamentino!!! Bah!!!
matteo 2016-05-03 13:21:54
Non c'è bisogno di chissà quali particolari sostanze per creare allarme e chiudere la scuola, basta la plastica sicuramente presente visti i lotti di prodotti pronti alla vendita. Da non escludere la tossicità dei fumi generati dai panelli fotovoltaici. Poi se vuoi far respirare ai bambini piccoli fumi anche di semplice carta è una tua scelta.
Mario2 2016-05-03 18:14:59
Che cosè la gara a chi capisce meno? Non è una critica sulla chiusura delle scuole ma alle poche informazioni rilasciate, se vi informate meglio troverete la lista delle sostanze che sono andate in fumo, tra queste resine, plastica e cere varie, sono state rilasciate diossine e altre sostanze tossiche altro che rogo di carta. Basta che un pirla la spara e tutti dietro poi sono io il tipico Senigalliese? Ignoranti
vecchio freak 2016-05-03 20:33:06
Veramente il suo primo intervento sottoindeva chissà quale scenario o complotto...chiaro che l'azienda sa benissimo che prodotti ha...ma è altrettanto vero che non può conoscere precisamente gli effetti della combustione di più prodotti combinati fra loro..oltre che delle strutture e dei pannelli fotovoltaici... Quindi è chiaro che le scuole non sono state chiuse per un rogo di carta ma in via precauzionale in attesa dei necessari approfondimenti. Se poi la sua era una critica all'autore dell'articolo non la condivido visto che a quell'ora le informazioni erano quelle
Mario2 2016-05-03 23:44:57
La critica e verso l'amministrazione e le autorità, e' chiaro che il giornalista scrive solo quello che sa' ma l'Azienda conosce bene cosa c'era in magazzino e chi è' intervenuto sa bene quali sostanze vengono sprigionate durante la combustione. Se vi siete fatti un giro in zona cesanella avrete notato l'odore diffuso e il fumo che in certe zone invadeva le strade e le case e che dopo 8 ore mi si venga a dire "per precauzione chiudiamo le scuole o meglio se non aprite le finestre" e' una presa per il culo perché in quelle 8 ore la gente ha respirato non si sa cosa. Se chiudi le scuole, fai rilievi dell'acqua e del terreno e vieti la balneazione, stai tranquillo che non ha bruciato solo del cartone e se ci vivi davanti vuoi sapere cosa stai respirando o cosa respirano i tuoi figli.
haustus 2016-05-04 01:04:36
Mi sembra che hai conflitti con il tuo cervello caro @mario2 perché ogni intervento é una contraddizione a quello prima. Comunque se leggi tutte le cose che consigli le hanno atttuate. E poi cosa c'entra l'amministrazione lo devo capire ancora!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura