SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Pizzeria alla pala Aculmò - Senigallia - Qualità e sorriso

Incidente ferroviario sfiorato a Senigallia -FOTO

Pensionato scongiura un possibile deragliamento di un Frecciabianca

9.879 Letture
commenti
Incidente ferroviario sfiorato a Senigalli

Tragedia sfiorata nella serata del 26 luglio a Senigallia. Un paraurti di ferro si è staccato da un treno merci in corsa schizzando sui binari opposti dove stava per transitare a tutta velocità un Frecciabianca.

A nulla è servito allertare il 112 e la polizia ferroviaria per tentare di fermare il treno passeggeri ed evitare un probabile deragliamento: il semaforo era infatti già diventato verde per dare il via libera alla Freccia 35828 Lecce-Venezia. E’ stato l’intervento di un ferroviere in pensione, Agostino Discepoli, ad evitare il peggio. L’uomo, 75 anni, ha scavalcato la cancellata con una scaletta improvvisata ed è corso a rimuovere l’ostacolo metallico a mani nude mentre il treno ad alta velocità era in avvicinamento.

Incidente ferroviario sfiorato a SenigalliIncidente ferroviario sfiorato a SenigalliIncidente ferroviario sfiorato a Senigalli

E’ un evento rarissimo che un treno perda un respigente – dice Agostino Discepoli, ex capotecnico del tronco lavori di Senigallia -. In 35 anni di lavoro in ferrovia solo una volta mi era capitato di vedere una cosa simile e comunque non in una situazione di pericolo come questa. Il primo riflesso che ho avuto è stato quello di allertare il 112 e la polizia ferroviaria per far fermare la circolazione ma evidentemente non c’è stato il tempo. La prima Freccia infatti è arrivata a tutta velocità e se si fosse scontrata con quel pezzo di ferro ci sarebbe stata probabilmente una tragedia. Solo il secondo treno, un intercity, si è avvicinato a passo d’uomo. Abbiamo avuto una gran fortuna…

LA DINAMICA
L’incidente è avvenuto al chilometro 177+910 della linea ferroviaria Bologna-Ancona, in corrispondenza dell’ex casa cantoniera dove il pensionato abita con la famiglia. Il respingente, perso da un convoglio merci che correva in direzione sud, è schizzato prima contro una cancellata di cemento, mandandola in frantumi, ed è poi rimbalzato verso i binari dove transitano i treni in direzione nord.

Ho sentito un botto fortissimo ed è per questo che mi sono affacciato – racconta Discepoli -. Si vedeva ancora la polvere di cemento alzata dall’impatto ma soprattutto c’era questo pezzo di ferro di circa 70 chili incastrato tra una traversa e il binario. Era pericolosissimo“.

E’ stato lo stesso ex ferroviere ad allontanare il rottame dalle rotaie e a bloccarlo con mezzi di fortuna per evitare che rotolasse di nuovo verso i binari.

Il respingente è stato prelevato stamani dal personale delle Ferrovie dello Stato per accertamenti.

Commenti
Ci sono 8 commenti
Lucy71 2015-07-27 19:46:16
Complimenti al Signor Discepoli....un gesto eroico, un grande senso civico, che meriterebbe un riconoscimento....
leofax 2015-07-27 20:42:37
Quando una persona mette a repentaglio la propria vita in favore di quella degli altri, penso che sia giusto che le Istituzioni, chiunque esse siano, gli dedichino un'attestato di riconoscenza.
omcsenigallia 2015-07-28 09:11:53
BRAVISSIMO Signor Agostino!! Complimenti ancora!
Mario2 2015-07-28 11:09:52
Complimenti Sig.Agostino! Merita un riconoscimento.
papero 2015-07-28 15:08:28
Concordo, un gesto così merita un riconoscimento
BlackCat
BlackCat 2015-07-28 15:30:50
Questo signore merita un riconoscimento. Ha evitato una strage. Un sentito ringraziamento per la prontezza e il coraggio.
Gemella.82 2015-07-28 17:13:41
Lo conosco bene.... si dà sempre da fare per aiutare chi ha bisogno... bravo Agostino!
maria garbini 2015-07-29 08:59:56
70.000 grammi? Onori a Maciste! suddito610
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura