SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Dov’è finito, a Senigallia, il Movimento 5 Stelle dell’inizio?

Alcuni ex grillini esclusi dal movimento: "Traditi i valori della trasparenza e della democrazia dal basso"

Verde Menta Senigallia - Caffetteria, Gelateria, Food, American bar
Logo Meetup

Prendiamo atto che molti hanno memoria corta o fanno finta di non ricordarsi di coloro che a Senigallia, alcuni anni fa, hanno organizzato e rappresentato il Movimento 5 Stelle fino a condurlo all’inatteso, ma meritato, successo del 2013. I valori del Movimento: democrazia dal basso, trasparenza, rigore nell’amministrare la cosa pubblica: una palingenesi politica in cui hanno creduto fermamente e in cui hanno messo la faccia, sono stati da noi interpretati quando altri ancora aspettavano di vedere se “conveniva o no” accodarsi alla compagnia.

Da allora molti, soprattutto reduci da altri partiti o da vecchie storie personali, hanno cercato di rifarsi una verginità politica presentandosi come innovatori e castigamatti della politica spesso a casaccio e con superficialità. E a Senigallia sono nati ben tre gruppi che portano lo stesso nome con qualche piccola variante!

Alla prima prova seria della politica, quella delle attuali elezioni Amministrative, quei principi ispiratori e fondanti la nostra azione, si sono dissolti sotto i colpi dell’opportunismo personale e della competizione per primeggiare: tutti scrivono di essere quelli autentici, mentre quelli veramente “grillini”, come noi, sono stati accuratamente messi ai margini.
Sono stati traditi gli ideali e i valori da cui siamo partiti: ora il riconoscimento politico viene dall’alto, non dalla gente (democrazia dal basso), ma da un fantomatico staff anonimo che mette il sigillo, come i feudatari di un tempo che privilegiano parenti e amici. E si scatena la bagarre a Senigallia tra le diverse fazioni: il peggio dei vecchi partiti. E chi rivendicava con forza i principi della “democrazia dal basso” e i nuovi valori della politica e del sociale, è stato emarginato.

La cosa ci fa particolarmente male e la delusione è profonda per noi che abbiamo dato la spinta iniziale al Movimento in questa città. A poco a poco, siamo stati esclusi e il Movimento, come dicevamo, si è frantumato per giochi e interessi personali di competizione politica.

Ma noi rimaniamo fedeli alle origini e agli ideali del Movimento, testimoniando nella nostra città i principi della democrazia vera, quella che esprime la gente, della trasparenza e del rigore amministrativo, di un servizio disinteressato per migliorare le condizioni sociali e civili dei nostri concittadini.

 

da “ex grillini ‘esclusi’ dal Movimento

Commenti
Solo un commento
S. Fucksia 2015-05-31 10:18:39
Rispondo a titolo personale all'articolo. Già che un articolo non riporti i nomi e cognomi degli autori, ma sia firmato con un generico "ex grillini esclusi dal movimento" non mi sembra un esempio di trasparenza e correttezza. Parimenti le accuse sono troppo vaghe e generiche per essere prese in considerazione. Detto ciò chiunque voi siate, nonostante questo articolo non deponga a vostro favore, essendo un esempio della più inutile e direi vecchia polemica politica, se l'intento per voi è fare l'interesse della città, se i valori sono il far bene, l'ascolto, la priorità del cittadini, della comunità, ci saranno sicuramente momenti di incontro anche costruttivo, per cui nei possibili progetti per la città nessuna preclusione a prendere in considerazione proposte, come pure a valutare critiche. Il movimento non appartiene a nessuno, non ai fondatori, non a chi è arrivato prima, non a chi si dice più puro di altri, né tantomeno a chi lo critica appoggiando altre liste, coalizioni, partiti. Il movimento è costruttività, ideale, progetto, evoluzione ed ogni nuovo ingresso lo modifica, come pure ogni defezione. Un processo che tiene conto di eventi, storia, esperienze, ma che deve essere sempre orientato alla salvaguardia del bene comune, della correttezza, della trasparenza e non deve mai diventare un gioco di poltrone. Detto ciò ci sono persone che studiano, lavorano e si confrontano in modo serio e costruttivo ed il loro operato parla più di mille articoli, parole, fantasie. Quello è il movimento che basta a se stesso e che si legittima ogni giorno facendo. Tutto il resto per quanto mi riguarda è vecchia politica, quella che meglio perderla che incontrarla. Il tempo darà poi la riprova di ciò che è ed è stato. Serenella Fucksia (M5S - Senato Marche).
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura