SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Spacca in visita all’ospedale di Senigallia, Romano: “interesse tardivo”

Il candidato PD: "Con le prossime elezioni regionali si chiuda la stagione del protezionismo fabrianese"

1.609 Letture
commenti
Partito Democratico - Mangialardi Sindaco - Elezioni comunali Senigallia 2015
Dario Romano, candidato per il Partito Democratico Senigallia

Finalmente nella giornata di ieri (martedì 19 maggio, Ndr) abbiamo avuto l’onore di rivedere il governatore Gian Mario Spacca in visita al nostro ospedale. Un interesse un po’ tardivo e, diciamocela tutta, anche un po’ sospetto, vista l’imminente scadenza elettorale.

Eh già, perché dopo la riorganizzazione della ex zona voluta da Spacca, tutta volta a favorire l’area del fabrianese a discapito dei servizi gli altri territori, il governatore si è tenuto ben lontano da Senigallia e dal suo ospedale. Si pensi solo allo spostamento a Fabriano degli uffici amministrativi, fortemente contrastato dalla nostra Amministrazione comunale, che ha prodotto non solo disservizi per i lavoratori e per l’utenza, ma anche sacche di inefficienza dovute alla necessità dei nostri operatori di spostarsi continuamente verso l’area montana, perdendo centinaia e centinaia di ore.

Se oggi l’ospedale di Senigallia resiste, lo si deve alla professionalità del personale, e alle azioni messe in campo con grande determinazione dal sindaco Maurizio Mangialardi e all’assessore Fabrizio Volpini per difendere i servizi essenziali e iniziare a recuperare funzioni che rischiavano di sparire, su tutte neurologia e cardiologia.

L’auspicio è che con le prossime elezioni comunali e regionali si chiuda definitivamente la stagione del protezionismo fabrianese, che ha avuto in Spacca il suo alfiere e che oggi, a Senigallia, gode del cieco sostegno dei candidati di Marche 2020 Gabriele Cameruccio e Alessandro Cicconi Massi.
L’obiettivo è aprire con Luca Ceriscioli in Regione una stagione di grande rilancio per la sanità senigalliese.

Commenti
Ci sono 2 commenti
leofax 2015-05-21 10:25:19
A parte che Ceriscioli punta molto sul progetto Marche Nord con il nuovo ospedale a Fosso Sejore tra Fano e Pesaro, probabilmente a discapito del centro regionale di Torrette.
Detto questo, nell'attuale legislatura, il partito che ha la maggioranza compreso l'Assessore alla Sanità, è il suo PD e non un pinco pallino qualsiasi. Che poi il Sindaco Mangialardi e l'Assessore Volpini hanno fatto tanto per il nostro nosocomio, è tutto un dire. Infatti, alcuni reparti sono spariti ed è notizia di questi giorni che il nostro "Principe di Piemonte" questo è il suo vero nome, è diventato ricettacolo di tanti diseredati in particolar modo di notte. I proclami lasciamoli alle agenzie di pubblicità. Leonardo Maria Conti
Franco Giannini
Franco Giannini 2015-05-21 15:55:03
Spacca: per la Sanità (e non solo!!) un nome ed una garanzia. Non ci piove!! Lo era, lo è e lo sarà (forse?) ancora. Attendibile però come coloro che in tempi non sospetti, sorridenti e con il cappello in mano "facevano finta" (per il bene del Partito) di fare la voce grossa con lui. Ora, scoprono l'acqua calda e lo ripudiano. Ma è giusto che sia così, perchè si sa che solo gli stupidi non cambiano mai opinione, anche se in politica ciò avviene troppo spesso, sempre con ritardo e per motivi che lasciano dubbi circa la coerenza.
La cosa che condivido dell'articolo è :"...Se oggi l’ospedale di Senigallia resiste, lo si deve alla professionalità del personale..." Solo che io qui concluderei la frase mettendoci un bel punto. Ed è infatti, solo a questa che il cittadino senigalliese dovrà rivolgere sempre, incondizionatamente, il suo doveroso GRAZIE!! Non certo ai politici.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie

Ritiro dell'asporto su ordinazione

Ritiro del cibo d'asporto su prenotazione a Senigallia e dintorni

Generi alimentari, di necessità e piatti pronti: consegne a domicilio






Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura