SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

La Città Futura: “Bugaro si sveglia dopo sei mesi”

La lista civica ribatte al consigliere regionale sulla richiesta di una Commissione d'inchiesta

Alluvione 2011 a Casette d'Ete

Dopo oltre sei mesi il Vicepresidente del Consiglio Regionale Giacomo Bugaro si ricorda (non si era forse accorto?) che Senigallia il 3 maggio è stata colpita da un’alluvione catastrofica che ha ferito profondamente gran parte della città.

Ricordiamo, a onor del vero, una sua pallida e anonima presenza a Senigallia nei giorni immediatamente successivi il 3 maggio, ma ci sono voluti ripetuti fenomeni alluvionali, che hanno devastato tante località d’Italia in questi ultimi mesi, perché la sua memoria si risvegliasse. O forse qualcuno gli ha fatto notare che ad inizio di campagna elettorale poteva tornar comodo utilizzare una tragedia come quella che ha sconvolto la città di Senigallia.

Non vanno dimenticate le responsabilità”, scandisce ora con tono perentorio il consigliere Bugaro. Allora cosa di meglio e di più efficace, mediaticamente, della richiesta d’istituzione di una Commissione d’inchiesta?

Ha ragione Bugaro, anche se l’iniziativa ci sembra tardiva, visto che in tanti e in sedi diverse si sono posti lo stesso obbiettivo: l’individuazione delle responsabilità.

Ma non gliel’hanno detto che il fiume è della Regione e che la manutenzione dei fiumi è di competenza della Provincia, cui la Regione l’ha delegata con l’impegno di fornirle adeguate risorse? Che la Regione ha strutture ed organismi a ciò deputati? Quante interrogazioni e o.d.g. ha presentato il consigliere Bugaro in Consiglio Regionale per segnalare la “superficialità politico-amministrativa” che oggi denuncia con forza?

Dove è stato lui in questi anni, in consiglio Regionale o altrove? E in consiglio Regionale ha vigilato sull’azione politico-amministrativa concernente il territorio dando il suo contributo anche dall’opposizione? Lui e suoi si sono presi mai cura, nelle sedi istituzionali di rappresentanza, delle problematiche del territorio regionale e della manutenzione e della ripulitura dei fiumi e dei fossi della regione, ivi compresa Senigallia?

Il consigliere Bugaro noi crediamo che avrebbe dovuto, già da tempo, interrogare anzitutto se stesso e la sua parte politica in merito, invece si sveglia dopo sei mesi, all’inizio della campagna elettorale per la quale – visto che interviene solo ora – gli sembra tornare utile anche la tragedia di un’intera città. Questo non glielo permettiamo.

Dica piuttosto ai suoi elettori di Senigallia (ora quelli di Forza Italia, non più quelli di Nuovo Centro Destra) quando e come, nelle sue funzioni di Consigliere Regionale, anche dall’opposizione, ha dato un serio contributo per la tutela e la cura dei corsi d’acqua delle nostri valli, altrimenti continui pure – migrando con moto perpetuo e circolare tra Nuovo Centro Destra e Forza Italia – a curare i propri problemi di visibilità politica, senza strumentalizzare drammi delle comunità locali.

da Gruppo Consiliare e Assessori de La Città Futura – Senigallia
Carlo Girolametti, Enrico Pergolesi, Massimiliano Giacchella, Francesca Micaela Paci, Simone Ceresoni

Commenti
Solo un commento
Io 2014-11-17 14:18:44
Amici eletti de "La città futura"...anche le vostre dichiarazioni sono tardive....si, tardive di 50 anni del vostro malgoverno della città...dove eravate voi ed i vostri simboli quando a Senigallia si edificavano le cantine sotterranee di Borgo Bicchia (che a quanto mi risulta in molti casi sono state concesse in deroga al PRG vigente), dove eravate quando c'era da redarre il PAI, dove eravate quando parecchi anni or sono si è iniziata l'edificazione del quartiere del Portone (anch'esso con scantinati annessi)...e dove siete quando a Senigallia si progettano piani urbanistici di cementificazione abbastanza spudorata senza un occhio serio alla tutela ambientale (come il piano Ex-Sacelit-Italcementi, Villa Pieralisi, quartiere PEEP Misa, CC il Molino, Borgo Molino, Complanare, Saline, ecc, ecc...) non eravate sempre al governo?...ed in quei casi non è mai arrivata la vostra voce in dissenso alla cementificazione o a favore di una corretta messa in sicurezza del territorio...QUINDI...dato che i lavori della commissione di inchiesta sembrano intorbidirsi, mi sembra giusto che dopo sei mesi di spot elettorali del Sindaco Mang. arrivi anche qualcuno che faccia aprire gli occhi alla cittadinanza in merito ai suddetti 50 anni di torbidità, sfociati nel grave fatto del 3 maggio, a maggior ragione, la nostra è una regione governata dalla sinistra, ed invece di prendervela con chi ci governa ve la prendete con una persona dell'opposizione che fa un comunicato stampa per chiedergli quante interrogazioni ha fatto in merito ai fatti del 3 maggio...prendervela con chi doveva stanziare i soldini?? no?? ed oltretutto, visto il "buon operato" della Provincia, l'avete anche rieletta una governante Rossa, senza pudore...purtroppo rivincerete le elezioni, perchè a Senigallia non si cambia opinione troppo facilmente, ma penso che ancora non vi rendete conto della gravità di ciò che è successo, cari amici...in fede...Anonimo suddito italo-marchigiano del potere rosso
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno