SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, protestano gli studenti contro il decreto Giannini: corteo in centro

"Se questa è la buona scuola, noi saremo cattivi studenti". Blitz anche in Comune - FOTO

3.320 Letture
commenti
Il corteo degli studenti a Senigallia sulla scuola pubblica

Contro l’austerity, contro la riforma Giannini, contro la privatizzazione delle scuole. Sono questi i motivi della protesta scesa in piazza a Senigallia e, contemporaneamente, in decine di città italiane.

A manifestare gli studenti che hanno mostrato la loro opposizione al decreto Giannini, “all’ennesimo tentativo di affossare la scuola pubblica; all’ennesimo tentativo di ridurre la componente culturale dell’istruzione; all’ennesimo tentativo di creare scuole di serie A e scuole di serie B; all’ennesimo tentativo di far perdere potere agli studenti in favore dei privati all’interno della scuola“, come scrivono i ragazzi del Collettivo studentesco e dell’Arvultùra.

Il corteo degli studenti a Senigallia sulla scuola pubblicaIl corteo degli studenti a Senigallia contro le prove invalsiIl corteo degli studenti a Senigallia sulla scuola pubblica

Un corteo di oltre 300 persone è partito dal campus alle 8:30 dietro lo striscione “Se questa è la buona scuola noi saremo cattivi studenti!” e ha raggiunto il liceo scientifico gridando la sua solidarietà a Kobane e a ogni partigiano; qui è partita l’analisi e la critica al Decreto Giannini, contro il quale gli studenti italiani da ormai un mese scendono in piazza. La manifestazione ha attraversato il centro storico della città affermando l’opposizione degli studenti senigalliesi al sistema di austerity e ai test invalsi e la loro indignazione per il taglio all’assistenza ai disabili e la violenza dimostrata dalla polizia nella giornata antifascista di sabato scorso e contro gli studenti medi palermitani. In piazza Roma il corteo ha mostrato tutta la sua forza e determinazione “conquistando” il Comune di Senigallia nonostante l’opposizione delle forze dell’ordine e appendendo da una finestra uno striscione con scritto “her yer kobane, ovunque è resistenza“. Dopo vari interventi nell’assemblea pubblica conclusiva in piazza Roma, il corteo si è sciolto.

foto di Matilde Mazzaferri

Commenti
Ci sono 3 commenti
Rex
Rex 2014-10-24 19:58:29
Per saltare la scuola tutto è buono...arvultura in prima linea come sempre, tanto sono mantenuti dai genitori...peccato che le forze dell'ordine non li abbiano dispersi per bene...andè a lavurà debosciati!
Giovanni Gregoretti
Giovanni Gregoretti 2014-10-24 23:47:38
mi viene voglia di insultare colui/lei che si definisce "tutto da ridere"... inutile spiegargli/le il perchè.... non capirebbe.
Ghertrida Sadovski 2014-10-25 18:47:41
x TUTTO DA RIDERE ..... x come la vedi te c'è solo da piangere ...
leggendo il tuo commento credo che tu sia quello mantenuto dai tuoi genitori. dovremmo solo ringraziare che ci siano giovani che vogliano cambiare qualcosa ed un'Italia migliore !!!!!!!!!!!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Emergenza Coronavirus

Coronavirus: tutte le notizie
Scarica nuova autocertificazione




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura