SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Le borse si spaventano per l’ebola: in “rosso” i principali mercati azionari

Male anche l'Italia: la produzione industriale scende ai livelli del 1986

1.763 Letture
commenti
Corsi di ballo 2014 del Summer Jamboree
Ripresa economica, sviluppo, crescita, mercato, economia

Troppe preoccupazioni nel panorama internazionale. Le borse non reggono. Il 9 ottobre 2014 le principali “piazze” internazionali chiudono con segno negativo. Male le europee: Francoforte perde il 2%. Male anche le asiatiche con Tokyo che perde l’1,15%. Ma la peggiore performance riguarda la borsa americana che perde il 1,97% e segna il peggior risultato dell’anno.

Ma come mai tutto ciò?  La causa è da attribuirsi, oltre agli attuali conflitti in corso, all’Ebola e ai dati trimestrali delle aziende USA che stanno per essere pubblicati.
Per quanto riguarda il virus (che ha già tristemente mietuto le sue vittime e che sta facendo parlare di sé) la preoccupazione dei mercati riguarda un possibile calo delle importazioni e delle esportazioni a livello mondiale come anche un calo dell’economia dei paesi colpiti. Preoccupano i dati trimestrali delle aziende americane perché si teme un ribasso rispetto le aspettative.
Bene non va l’Italia. Da segnalare, oltre all’aumento dello spread tra BTp e Bund, è la stagnazione della produzione industriale italiana che è ai livelli del 1986. Analizzando i dati ISTAT si può inoltre vedere come il PIL (che nel 2001 era superiore del 19% alla media europea) nel 2013 è sceso dell’1% rispetto alla media europea.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!