SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, Pagamento Tari: verificare la correttezza dei dati riportati negli F24

La prima rata della tassa sui rifiuti scade il prossimo 16 ottobre

4.422 Letture
commenti
TASI

In questi giorni sono stati recapitati ai contribuenti senigalliesi gli avvisi di pagamento della tassa sui rifiuti, da versare in due rate con scadenza il prossimo 16 ottobre e 16 dicembre.

L’ufficio tributi comunale invita tutti i cittadini contribuenti a verificare la correttezza dei dati riportati nei modelli di pagamento F24e nel caso fosse necessario a richiederne la ristampa utilizzando i riferimenti dello sportello informazioni dell’Ufficio tributi (tramite posta elettronica all’indirizzo info.tributi@comune.senigallia.an.it o telefonicamente allo 071 6629370 il martedì dalle 9 alle 13,30 e il giovedì dalle 9 alle 13,30 e dalle 15,15 alle 17,15).

Questo si rende necessario dal momento che in alcuni casi i modelli F24 allegati all’avviso non sono corretti in quanto riportano i dati e gli importi di altri soggetti.

Si precisa che la responsabilità dell’errore e del relativo disservizio è della ditta alla quale il Comune ha affidato il servizio di stampa, e spedizione.

Per quanto riguarda invece la possibilità di accedere al nuovo portale dell’Ufficio tributi e canoni e richiedere l’invio dei prossimi avvisi di pagamento via posta elettronica si comunica che il portale per problemi tecnici incorsi nell’ultimo periodo è ancora in fase di allestimento, ma tra qualche settimana sarà accessibile. Tutte le istruzioni saranno disponibili dal sito internet comunale all’indirizzo www.comune.senigallia.an.it.

Si ricorda inoltre a tutti i contribuenti che il prossimo 16 ottobre scade anche la prima rata della TASI e che il prossimo 16 dicembre scadono anche il saldo dell’IMU e la seconda rata della TASI. Tutte le informazioni ed il programma per eseguire il calcolo con le aliquote deliberate dal Comune di Senigallia sono disponibili sul sito internet comunale all’indirizzo www.comune.senigallia.an.it selezionando le voci “CALCOLO IUC 2014” e “Sportello tributi per il cittadino”.

Dal Comune di Senigallia
Pubblicato Venerdì 26 settembre, 2014 
alle ore 3:00
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ci sono 4 commenti
giulio 2014-09-26 12:20:31
Approfitto di questo spazio per evidenziare quanto segue: le aliquote sono sempre massime (Tasi 3,3). Altri comuni limitrofi non le applicano in questa misura. Inoltre, vi ricordate la mini-IMU dell'anno scorso? Era evitabilissima, ma tant'è..
Mi piacerebbe trovare un provvedimento che faccia pensare che l'amministrazione di Senigallia provi in tutti i modi a far pagare meno i suoi cittadini. Che, in fondo, sono i suoi elettori. Proprio non me ne viene in mente nessuno. Un saluto a tutti i lettori di Senigallia notizie.
BlackCat
BlackCat 2014-09-26 14:01:29
Scusate... ma voi scegliete una ditta (vorrei vedere la gara d'appalto) che stampa e spedisce queste buste poi è il cittadino che deve controllare che tutto sia in ordine? Ma siete impazziti? Ma che serietà è questa? Annullate e rispedite tutto corretto! Io non faccio nessuna fila per rimediare alla vostra incompetenza. Sciopero Fiscale!
giorg 2014-09-26 18:05:17
ma siamo pazzi!!!
la responsabilità è della ditta??????
guarda caso la responsabilità non è mai del comune !!!!
Ma poi chi ha fornito i dati alla ditta???
e guarda caso , come mai ancora il portale è in allestimento??
Franco Giannini
Franco Giannini 2014-09-26 18:37:52
La colpa come sempre è degli altri... ma ci sarà stato qualcuno che aveva il compito-dovere di controllare che la ditta operasse come doveva, o meglio avrebbe dovuto. E costui chi è? Immagino uno dei tanti costruttori dell'impero delle "Eccellenze" e sicuramente non un semplice impiegato, ma con qualche grado in più. Comunque sia, sappia costui che chi si scusa (si fa per dire, meglio nel caso "si scarica") si accusa. Quello che mi fa strano è che non vi sia venuto in mente di OBBLIGARE la ditta in questione (Anonima a quanto pare??? e perchè ??? Ahh immagino!!! La Privacy!!)di rivedersi tutti i moduli o meglio ancora di annullarli e rimandarli debitamente corretti. Ma sapete voi quanti anziani e non non leggeranno il vostro comunicato incorrendo magari in involontarie sanzioni? E con questi come vi comporterete? Ma già, lo stile è quello del 730 governativo che verrà inviato ai conytribuenti che se lo dovranno controllare e correggere... del resto siamo o non siamo tutti economisti!! Applicando la legge volgare e sempre attuale dell'Equilmenga ... , prima paghi e poi discutiamo, chiariamo e se ci siamo sbagliati noi, tra 10 anni ti rimborsiamo, se hai sbagliato tu, invece, paghi e con gli interessi. Ma nella chiusura del comunicato si rasenta (o forse lo si tocca e di brutto!) il ridicolo: Non delle scuse agli utenti, bensì si ricorda a costoro le date delle future scadenze. Va bene voler essere comici, ma qui vi siete superati! da Guinness.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura