SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

NCD, “I doveri della politica: credito agevolato e commissione d’inchiesta”

"Chiesto un Consiglio comunale per discutere circa le circostanze che hanno portato alla terribile alluvione"

Comì di Cucina
I consiglieri Alessandro Cicconi Massi a sinistra e Gabriele Cameruccio a destra

Il gruppo consiliare Nuovo Centro Destra del Comune di Senigallia ha chiesto la convocazione di un Consiglio Comunale straordinario ed eccezionale per aprire la discussione, che dovrà necessariamente coinvolgere tutta la città, circa le tragiche e probabilmente ingiustificabili circostanze che hanno portato alla terribile alluvione del 3 maggio scorso.

In primo luogo corre l’obbligo di esprimere la più stretta vicinanza alle famiglie che a causa dell’alluvione hanno perso i loro cari, tragicamente defunti in quell’orribile giornata: a loro va un sentimento di forte vicinanza e soprattutto il nostro impegno affinché sia fatta chiarezza e vengano individuate le cause ed i responsabili di tali eventi luttuosi.

Dopo la fase del duro lavoro, quello per ripulire le strade e le case dal fango e dai rifiuti, che in realtà fino a poco prima erano i beni di una vita, i cari ricordi, i mezzi indispensabili per il lavoro o per muoversi, oggi è giunto il momento di intraprendere due strade parallele e la politica cittadina deve impegnarsi su questi due fronti: la ricostruzione materiale della città e la ricostruzione della verità.

Per quanto riguarda la ricostruzione della città, l’amministrazione comunale dovrà lavorare con forza per attivare le procedure dello stato d’emergenza, assicurando i fondi necessari alla ripartenza di Senigallia. Rifondere tutti i danni subiti dalle famiglie e dalle imprese: arredi, autovetture e tutte le strumentazioni produttive, che sono state danneggiate e tutto ciò quanto prima, oltre alla sospensione ed il rinvio di tutte le scadenze fiscali nonché il pagamento delle utenze gas ed acqua, se non altro quelle legate a Prometeo e Multiservizi.

Nel frattempo, nel giro di pochissimi giorni il Sindaco dovrà convocare tutti gli istituti bancari presenti nella città ed in particolare quelli a carattere locale per siglare un accordo al fine di individuare linee di credito super agevolato per le famiglie e le imprese al fine di far fronte alle spese inderogabili i per poter riattivare la città. Alle famiglie ed imprese finanziamenti senza garanzie, a tassi ridottissimi e con piani di rientro pluriennali finanche a 20 o 30 anni, in modo tale che le rate, nelle more dei rimborsi statali, non sconvolgano i bilanci familiari, spesso già tanto precari a causa della crisi economica. Solo così potrà rinascere in tempi brevi la città.

Altro tema fondamentale è la ricostruzionedella verità. In attesa delle conclusioni delle indagini aperte dalla Procura della Repubblica, anche la politica cittadina dovrà aprire una fase conoscitiva e d’indagine per capire che cosa sia successo e quali sono stati gli errori commessi e da chi, nella sottovalutazione degli eventi atmosferici, che poi hanno portato al disastro del 3 maggio.

A partire dal Piano di Assetto Idrogeologico, che è risultato assolutamente inutile e sbagliato nelle sue previsioni e quindi inutile se non addirittura dannoso, per passare al sistema della prevenzione e dell’allarme assolutamente inesistente, per poi arrivare alla macchina dei soccorsi e dell’emergenza, che ha presentato alcune criticità, fortunatamente supplite dalla forza del volontariato dei nostri angeli del fango.
In questo senso formalizzeremo la richiesta di una Commissione d’Inchiesta, che nel giro di poco tempo, debba verificare tutti gli atti e tutte le vicende, aprendo una fase di audizione di tutti i responsabili della vicenda e che dia una ricostruzione il più possibile reale e dettagliata di quanto accaduto in questi ultimi dieci giorni.

da Gruppo Consiliare NCD

Gabriele Cameruccio
Alessandro Cicconi Massi

 

Commenti
Solo un commento
bonzino 2014-05-14 18:55:31
Dopo l'acrobatico salto della quaglia, tanto che nessuno sapeva dove eravate finiti, vi siete finalmente fatti vivi con buone intenzioni almeno a parole. Ora vediamo se siete in grado di fare anche i fatti o vi comporterete come dei paguri che al primo pericolo si rintanano nella conchiglia o sotto la sabbia. Il tempo sarà portatore di verità.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!