SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Caffespresso

Legambiente su alluvione nelle Marche: “basta proclami”

"La messa in sicurezza del territorio è la vera priorità, necessario attivarsi in tempo"

Un tratto di SS Adriatica parallela al lungomare Dante Alighieri

Uscire dall’emergenza e programmare la messa in sicurezza del territorio: sono questi gli obiettivi urgenti per il nostro territorio che amministratori, cittadini e forze sociali devono raggiungere insieme“. Così Luigino Quarchioni e Francesca Pulcini, rispettivamente presidente e vice presidente di Legambiente Marche, commentano l’ennesima emergenza maltempo che in questi giorni ha toccato la Regione.

Nonostante questi eventi siano sempre più frequenti – continua Legambiente –, al momento di decidere dove e come investire le principali risorse per questa Regione, vincono sempre le grandi infrastrutture che invece di rendere più sicuro, forte e competitivo il nostro territorio, lo indeboliscono e lo rendono più fragile allontanando sempre la vera grande opera di cui le Marche hanno bisogno, cioè la messa in sicurezza“.

Secondo i dati del Ministero dell’Ambiente sono 236 i Comuni marchigiani classificati a rischio idrogeologico di cui 124 a rischio frana, 1 a rischio alluvione e 111 a rischio frana e alluvione. Secondo lo studio sul consumo di sullo nella costa marchigiana realizzato da Legambiente, il paesaggio costiero marchigiano ha conosciuto negli ultimi decenni una forte urbanizzazione che oggi vede circa il 60% della fascia litoranea scomparsa sotto il cemento.

“È necessario e urgente cambiare passo nella gestione e governo del territorio – concludono Quarchioni e Pulcini -, fermando il consumo di suolo e pianificando interventi strutturali per la messa in sicurezza delle nostre città e delle aree più a rischio. Accanto a questo è necessario rimettere al centro il ruolo strategico dell’agricoltura e della manutenzione dei corsi d’acqua e lavorare con i cittadini e le forze sociali affinché la corretta gestione del territorio e l’attività di prevenzione dal rischio siano l’obiettivo di tutta la comunità“.

Commenti
Ci sono 4 commenti
Franco Giannini
Franco Giannini 2014-05-05 12:57:01
A quanto pare abbiamo la memoria corta :
http://www.senigallianotizie.it/1291728322/rapporto-di-legambiente-sul-rischio-idrogeologico-promossa-solo-senigallia
e qui si può trovare i meriti per l'assegnazione della bandiera a pag. 8 :
http://www.senigallianotizie.it/articoli/file/20101207-ecosistema-rischio-2010.pdf
bonzino 2014-05-05 19:41:33
Carissimo Franco, Lei ha perfettamente ragione, ma ora, senza rifarsi al passato, occorre chiederci perché nessuno delle autorità proposte non ha dato l'allarme in tempo utile?
Solo il passaparola tra i cittadini, i parenti e gli amici ha permesso in parte di contenere i danni materiali e umani. Bastava il buon senso per capire che la marea di acqua e di fango, dopo aver allagato il Vallone, Borgo Bicchia e altre località limitrofe, già di prima mattina, sarebbe arrivata nella parte sud di Senigallia in una zona densamente abitata. La dichiarazione di Renzi, che poteva farla anche stando a Roma, mi è sembrata solo di circostanza. Lui il "rottamatore" ha preferito disinteressarsi e sorvolare sulle cause e sulle responsabilità di questa sciagura. Speriamo che il Sindaco, appena finita l'emergenza, ci faccia conoscere tutta la verità e non smarcarsi additando all'interruzione delle linee telefoniche l'impossibilità di allertare in tempo utile la cittadinanza. Alla mattina tutto funzionava perfettamente. Ora occorre capire e mettere in campo tutte quelle iniziative che possano evitare, o almeno limitare, il ripetersi di un simile disastro. Da noi l'alluvione è abbastanza ciclica e non ci dovrebbe prendere impreparati.
maria garbini 2014-05-06 09:29:43
Dimissioni no assolutamente? Il rio destino e le telecomunicazioni stitiche dopo le 9 di sabato, sono i colpevoli solitari! .......suddito-610
maria garbini 2014-05-07 15:08:33
Indovina chi continua a opacizzare? Intanto il XIV mobile era in azione stamane nelle zone alluvionate, grazie a loro.........suddito-610
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno