SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Corinaldo: tentano di rubare in chiesa, arrestati in flagranza di reato

Due pregiudicati senza fissa dimora provano la fuga ma vengono raggiunti lunedì 17 giugno

La Chiesa di San Francesco a Corinaldo

Lunedì 17 giugno a Corinaldo i Carabinieri della locale stazione – dipendente da quella di Senigallia – hanno sorpreso in flagranza di reato ed arrestato due uomini che stavano rubando nella chiesa di San Francesco.


Si tratta di Antonio Morana, classe 1969, dall’ottobre 2012 sottoposto a foglio di via obbligatorio con divieto di ritorno nel Comune di Senigallia per tre anni, e di Raffaele Di Bari, classe 1964: entrambi sono pregiudicati e senza fissa dimora.

I fatti: alle ore 12:20, con una telefonata al 112, il Vice Parroco della Chiesa di San Francesco di Corinaldo, comunicava che due malviventi stavano compiendo un furto nel luogo sacro. L’intervento della pattuglia al lavoro nella zona – coadiuvata da un militare in servizio alla medesima stazione Carabinieri ma in quel momento in abiti civili – permetteva l’arresto dei due uomini, che stavano rubando il contenuto della cassetta delle offerte. Inutile il tentativo di Morana e Di Bari di darsi alla fuga, scappando lungo le strade adiacenti e nascondendosi all’interno di una farmacia posta nelle immediate vicinanze.

Raffaele Di Bari (a sinistra) e Antonio Morana (a destra)Successivamente, i Carabinieri – grazie pure al contributo della stazione di Ostra –  individuavano nei due arrestati gli autori di un altro furto (di entità non quantificata) avvenuto il 15 giugno nella cassetta delle offerte del convento “dei Cappuccini” di Corinaldo.

Per i due accusati, processo per rito direttissimo al Tribunale di Ancona già martedì 18 giugno.

Al Vice Parroco della Chiesa di San Francesco di Corinaldo (AN) la refurtiva è stata restituita.

Nella chiesa di San Francesco vi sono numerosi dipinti di valore dell’artista Claudio Ridolfi. “Pertanto – spiegano i Carabinieri – è plausibile ritenere che se i malviventi non fossero stati sorpresi in flagranza di reato avrebbero potuto assestare alla Chiesa un colpo davvero notevole“.

Commenti
Solo un commento
lb 2013-06-18 12:05:31
mettetevi una parrucca e andate ad abbassarvi i pantaloni verso rocca priora schifosi
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura