SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Ristorante Vecchio Ranch

Altezze degli alberghi a Senigallia, intervento dell’Assessore Ceresoni

"Nessun allarmismo strumentale, in tale modo terremo lontane le 'ombre della crisi' dalla città"

Simone Ceresoni

Si governa e si amministra a livello locale con un modello di città desiderabile verso cui tendere; non con la paura, nè con l’allarmismo strumentale a calamitare consenso “pro domo propria“, senza alcun reale e sostanziale contributo al bene della comunità.

E’ questo il caso dell’allarme lanciato sulle altezze degli alberghi e sulle ombre nella spiaggia.

In un momento di grave crisi strutturale economica e sociale del paese, la Giunta Comunale di Senigallia ha elaborato una proposta di Variante al PRG che, tra le altre azioni, cerca di potenziare la competitività del sistema turistico locale.
Competitività fondata sulla qualità.

Competitività volta ad attrarre turismo, competitività volta a convogliare nel nostro territorio una quota di finanziamenti dei fondi strutturali europei 2014-2020.

Il modello di turismo esperienziale o vocazionale (del tempo libero, degli eventi…) che ha portato la città ad essere leader nel panorama del turismo regionale, può essere supportato e potenziato anche migliorando il comfort dei servizi pubblici e privati.
Fra questi ultimi vanno ricomprese anche le strutture alberghiere.

Mentre in altre città della riviera adriatica, e non solo, si discute se trasformare gli alberghi in miniappartamenti, noi abbiamo proposto di mantenere e potenziare uno dei sistemi produttivi qualificati della nostra città, confermando la destinazione urbanistica turistico-alberghiera e promuovendo, per chi lo vorrà e lo potrà fare, un’azione di innovazione complessiva delle strutture.

Si potrà puntare sull’uso delle energie rinnovabili e su progetti di efficienza energetica, sul miglioramento del comfort alberghiero e sull’abbattimento delle barriere architettoniche per una città più accogliente e alla portata di tutti.

Per fare ciò occorre superare le vecchie ed obsolete previsioni del Piano delle deroghe turistiche-alberghiere, che non permettono nulla di tutto ciò.

Chi vorrà potrà avviare progetti di ristrutturazione, ampliamento, sopraelevazione o demolizione con ricostruzione attestandosi in modo obbligatorio al livello 2,5 del Protocollo Itaca Marche.

Quantità e progetti coniugati alla condicio sine qua non di grande qualità edilizia.

Il Protocollo Itaca Marche è il futuro…e noi abbiamo il dovere di guardare al futuro coniugando le trasformazioni urbanistiche alla qualità e alla rigenerazione urbana.

In questo campo il tema della qualità del paesaggio urbano è uno degli indicatori da mantenere e da promuovere.

A questo sta pensando la procedura in corso d’opera della Valutazione Ambientale Strategica (VAS), che per ognuna delle oltre 80 strutture alberghiere della nostra città sta definendo l’altezza massima su cui si potrà attestare.

L’altezza è un parametro che verrà valutato in riferimento al paesaggio di costa complessivo della città; in riferimento all’ambito omogeneo cittadino circostante in cui ogni albergo è calato; in riferimento alla intervisibilità (volta ad evitare il generarsi di una cortina edilizia compatta); in riferimento ai limiti della proprietà fondiaria e alle distanze ( 1,5 m dai confini e 10 m. dagli altri edifici circostanti); in riferimento alla proiezione del cono d’ombra, che gli edifici sviluppano sulla spiaggia cittadina.

In questo senso posso escludere che questa progettualità provocherà una diminuzione della qualità del paesaggio urbano e una minor esposizione al sole della nostra spiaggia.

La VAS conseguirà l’obiettivo di coordinare le nuove quantità edilizie con la necessaria qualità del paesaggio urbano.

Il percorso sarà ampio e partecipato con assemblee pubbliche e con la possibilità di formulare osservazioni volte a migliorare questo strumento urbanistico.

Usando la metafora delle ombre: teniamo dunque lontane le ombre non solo dall’arenile ma da tutta la città, affinchè si possa promuovere un “futuro solare” in termini economici e paesaggistici e mantenere alto il livello di vivibilità e di accoglienza turistica di Senigallia.

di Simone Ceresoni
Assessore all’urbanistica del Comune di Senigallia

Commenti
Ci sono 11 commenti
Gio 2013-02-16 18:22:59
=÷= ×+× /|□|
giulio 2013-02-16 18:45:02
Tante parole. bei propositi, tutto a norma di legge...così Senigallia è diventata quel che è adesso, la brutta copia di quella che era...
pie 2013-02-16 19:15:24
Ahahaha!!@#$/^&****)(+++++++)¡{,,,";}ahahaha Capito!!!
bonzino 2013-02-16 20:12:53
Troppo tardi, Certe decisioni vanno prese quando l'economia tira non ora. Certo di crescita lei conosce solo quella degli alberi. Con la sua politica di salvaguardia del suolo ha affossato questa città facendo crescere a dismisura il valore di quelle poche aree fabbricabili rimaste, che poi sono in mano a pochi. Gran visione e lungimiranza, complimenti. Continui su questa strada e la città non se ne scorderà alle prossime elezioni.
Marcello Liverani
Marcello Liverani 2013-02-16 22:06:36
"competitività volta a convogliare nel nostro territorio una quota di finanziamenti dei fondi strutturali europei 2014-2020." Ecco la chiave di tutti i paroloni scritti dall'Assessore Ceresoni, una volta appartenente ai verdi, quindi totalmente contro queste cementificazioni e oggi invece ha fatto la fine di un cocomero, verde fuori e rosso dentro. I soldi, i fondi....quindi odore di appalti da (...omissis...). Una mascherata da carnevale che vuole farci credere quello che non esiste, perchè il turismo non c'entra nulla, la crisi neanche, qui l'unica cosa vera è mettere mano ai fondi per (...omissis...). Tutto il resto sono chiacchiere e distintivo di un politico assai bravo nella favella, solo che non sono tutti tonti i lettori delle sue parole. Esiste anche chi conosce molto bene le furbate mascherate della politica! Di "futuro solare" non c'è proprio nulla se non l'ennesima variante a pillole per far contento qualcuno e scontenti tutti. Sembra quasi impossibile, ma questi vogliono creare una MIAMI a Senigallia, ergo, non conoscono più vergogna! Ben sapendo che sono alla fine del loro mandato, perchè tra due anni prenderanno una tale scoppola che se la ricorderanno per tutta la vita, cercano di cambiare quanto più possibile è nelle loro facoltà, non sapendo e non immaginando che chi verrà dopo farà un falò di tutte le loro assurdità e scempiaggini come queste, come il piano Cervellati e come il piano degli arenili! E fanno anche gli spiritosi quando scrivono che "terrano lontane le ombre dalla spiaggia e dalla città", ma qui l'unica cosa che tengono molto ben lontano è il lavorare per i cittadini! Follia pure questa loro idea, ma questa volta smuoveremo tutti i TAR e i TRIBUNALI d'Italia senza nessuna pietà, alla fine li manderemo in ginocchio, sui ceci, alla gogna pubblica! Che l'amministrazione si prepari ad una battaglia legale, senza esclusione di colpi e senza precedenti, e questa volta non basterà un avvocato di Ancona, dovranno smuovere tutti gli studi legali possibili del territorio italiano e forse anche europeo!
stefano 2013-02-16 22:09:24
Viste le citazioni latine si potrebbe dire che l'assessore interviene secondo "more solito", buttandola sull'"allarmismo strumentale" ogniqualvolta che c'è un intervento che non collima con il mainstream amministrativo. E questo è già un segno di paura e di non convinzione di quanto si propone alla città. Il Protocollo Itaca è il futuro è vero, ma non lo si può sbandierare con tanta superficialità e con così poca cognizione di causa. Il Protocollo Itaca Marche allo stato attuale valutà il livello di sostenibilità solamente per immobili residenziali e non per altre tipologie, tantomeno per quelle ricettive. Buttarla sul livello di punteggio 2,5 è solo un esercizio accademico, un acrobatico volteggio alla Lola Falana.
E poi, per dirla tutta, tale valore a quale benchmark farebbe riferimento? Dice che l'altezza è un parametro in riferimento al paesaggio. Beh!non c'è di che stare allegri visto il rapporto dell'altezza delle barriere fonoassorbenti della A14+ Complanare con "l'ambito cittadino circostante". Lì avete coperto le colline della città, qui avete intenzione di coprire il mare della città. In quanto alla proiezione dei coni d'ombra
avete superato la foresta umbra. L'Assessore dice che occorre superare "le vecchie ed obsolete previsioni delle deroghe". Bene,ma allora perchè si ostina ancora a trastullarsi con le Varianti? Perchè ha accantonato lo studio di un nuovo PRG che era alla base del suo programma elettorale? Se dovessimo utilizzare il Protocollo Itaca per valutare il livello del suo operato in Urbanistica , per il momento avremmo un indice prestazionale negativo. Speriamo in meglio per i prossimi due anni.
Un povero tra i poveri (di politica) 2013-02-16 23:50:01
"CHE BELLA IDEA"
PER RILANCIARE L'ECONOMIA DEI NOSTRI ALBERGATORI???? MA SE NEL 2012 NON HANNO MAI RIEMPITO GLI ALBERGHI, COSI' COME ERANO, DATA LA CRISI ECONOMICA CHE ATTANAGLIA TUTTI.
ALZARE I PIANI DEGLI ALBARGHI???? SIAMO IN ZONA SISMICA E NESSUNO DEGLI ALBERGHI E' ANTISISMICO. RIFARE GLI ALBERGHI E/O RISTRUTTURARLI OGGI???? DOVE SONO QUESTI ALBERGATORI PRONTI A SPENDERE TUTTI QUESTI SOLDI A SENIGALLIA. LE OMBRE DELLA CRISI???? MA SE SIAMO IN CRISI PIENA DA DUE ANNI.
"MA CHE BELLA IDEA" PER DIRE NULLA E TUTTO A NESS-UNO O SOLO AD-UNO INTANTO VARIAMO IL PRG.
CONSIGLIEREI A TUTTI QUELLI CHE HANNO PARTORITO QUESTA IDEA (PERCHE' NON SOLO UNO) CHE QUANDO GLI SCAPPA DI FARE UNA PUZZETTA LA LASCINO USCIRE DAL BUCO GIUSTO SENZA TRATTENERLA PERCHE' ALTRIMENTI ESCE DA ALTRE PARTI PIU IN ALTO COSI SI HANNO IDEE DI M.... CHE PUZZANO E NON POCO.
Virginio Villan i 2013-02-17 10:36:09
l'economia non è una variabile indipendente e il problema della qualità del paesaggio urbano e dei coni d'ombra è reale e invito l'assessore a valutarlo seriamente, perché, oltre alla qualità della vita, ha anche notevoli ricadute ecomnomiche.
Alberto Doiambra 2013-02-17 11:02:33
Nella ZONA PEEP MISA non abbiamo la preoccupazione del cono d'ombra ma in compenso la problematica dell'acqua e fango fino alle abitazioni,speriamo Ill.MO ASSESSORE ALL'URBANISTICA che finalmente Lei possa far ottemperare quanto previsto ed arbitrariamente ommesso, da anni,nel D.P.R Marche 7554. per risolvere la grave situazione.GRAZIE
andrea a. 2013-02-17 12:21:48
concordo con "bonzino" la città è sotto gli occhi di tutti...e se così piace alla maggioranza dei cittadini ok..ma per mè è molto difficile ascoltarLa e condividere qualsiasi idea da chi ha trasformato il "ponte di baracca" nella "piu' importante opera di Senigallia degli ultimi anni'(ponte Zavatti)....tralasciando il resto cordiali saluti
Alberto Diambra 2013-02-17 17:55:47
Concordo con Andrea un ponte di sifatta specie in una cittadina (che era armonica)come Senigallia il resto Andrea è che è a ridosso ,anzi sopra le abitazioni ,senza protezioni ,ora la complanare in mezzo ai campi ha dei panelli di protezione,senza prendere in esame che è posizionato in una zona dove ha ridotto l'area golenale,tanto chi già risiedeva non ha diritti!!Continuiamo cosi Sig. Amministratori!!!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura