SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Optovolante - Ottica a Senigallia

Sei furti in abitazione in un solo giorno a Senigallia e dintorni

Bande diverse hanno colpito di pomeriggio nelle campagne della valmisa: rubati anche fucili e oro

2.598 Letture
commenti
Auto ed elicottero dei Carabinieri di Senigallia e Falconara Marittima

Sei furti in abitazione nella sola giornata di mercoledì 14 novembre. E’ questo il grave bilancio stilato dai Carabinieri di Senigallia che nell’intera giurisdizione (comprendente altri dieci comuni della Valmisa) hanno avuto a che fare con diversi colpi, alcuni probabilmente effettuati dalla stessa banda di malviventi.

In tre casi però il valore o la tipologia della merce trafugata ha maggiormente allarmato i vertici della compagnia senigalliese: a Scapezzano di Senigallia sono stati asportati monili in oro per un alto valore commerciale (per cui poi verranno estese le indagini anche alle attività di Compro-Vendo oro della città, come già successo in casi analoghi); sempre a Senigallia inoltre, in via U. Giordano, durante un furto all’interno di un’auto, è stata asportata la borsa di un medico contenente bollettari ed apparecchiature mediche per un valore di 1.500 euro; a Castelleone di Suasa invece sono stati asportati 4 fucili da caccia regolarmente denunciati e detenuti.

Negli altri casi si sono registrati ammanchi per valori modesti come 10 euro, ma resta chiaramente grave il fenomeno dell’intrusione in abitazioni purtroppo ancora non adeguatamente custodite o protette: come segnala il Capitano della Compagnia dei Carabinieri di Senigallia, Lorenzo Marinaccio, in molti episodi i ladri sono entrati da una porta/finestra non serrata o da varchi privi di barre antintrusione.

Tutti gli episodi hanno un fattore comune: sono stati perpetrati appena inizia a fare buio, dalla metà pomeriggio, e ai danni di persone che vivono in campagna. In questo modo è più difficile essere notati e con tutta probabilità i padroni di casa sono ancora assenti prima di rientrare per cena.
Finora per questi sei episodi, non è stato possibile repertare alcuna impronta digitale né indizio utile che possa permettere un’identificazione. Resta da segnalare solo il fatto che, per alcuni colpi, i responsabili siano gli stessi, mentre altri, per via del luogo e dell’orario, registrano diversi “autori”.

Carlo Leone
Pubblicato Giovedì 15 novembre, 2012 
alle ore 17:34
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ci sono 5 commenti
Michele 2012-11-15 22:12:43
Aaaah ecco, le abitazioni non adeguatamente custodite o protette ecco perchè i delinquenti continuano a razziare città e dintorni, invece di chiuderli dentro ci chiudiamo dentro noi, ottima idea!
marco 2012-11-16 00:15:21
L'ho scritto già diverso tempo fa: "con l'aria che tira peggio verrà". Se non si danno pene esemplari a chi viene sorpreso a rubare in casa altrui, come faremo a toglierci questa piaga? A noi con le leggi di oggi, se li sorprendiamo in casa, non ci resta che farli accomodare e dargli anche la cena oltre che lasciarli portare via la refurtiva se non vogliamo essere noi i denunciati.
renzo 2012-11-16 11:16:59
l'unica soluzione è (...omissis...) a chiunque entri in casa. Se aspettiamo l'aiuto delle istituzioni stiamo freschi...
renzo 2012-11-16 13:42:43
E si ricomincia con gli omissis. Perchè avete paura di pubblicare cose semplicissime che tutti pensano?
Iride (iris) 2012-11-20 20:55:29
Io direi invece di usare i soldi pubblici in maniera più adeguata facendo sentire i cittadini sicuri anche se residenti in zone limitrofe. E non come si fa di solito che la vigilanza inizia quando ci scappa il morto.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno