SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Suora indagata per abusi sessuali su una minorenne che poi si è uccisa

La 52enne ora dirige un centro di formazione, sarà curata perché affetta da disturbi della personalità

Netservice - Realizzazione e promozione siti web
Auto della Polizia a Senigallia. Foto di Carlo Leone

Presunte violenze e abusi sessuali da parte di una suora tra il 1997 e il 1998 sarebbero tra i motivi che avrebbero spinto una ragazza di Busto Arsizio al suicidio, nel 2011. E’ questa la tesi per cui il Gip ha disposto la custodia cautelare in una casa di cura per una suora 52enne, ritenuta responsabile di quelle violenze private e di quegli atti persecutori che avrebbero causato nella vittima una profonda crisi psicologica tanto da spingerla al suicidio.

La vicenda è nata nell’oratorio di una parrocchia di Busto Arsizio dove la suora prestava servizio: lì la giovane, allora minorenne, con qualche difficoltà relazionale, è stata approcciata dalla religiosa fino a far sfociare la relazione in una serie di incontri esplicitamente sessuali, con minacce e abusi andati avanti negli anni, fino al 2011 quando la giovane, divenuta 26enne, ha deciso di farla finita.

Da scritti, diari, materiali fotografici e video della giovane è stata ricostruita la vicenda. Attualmente la suora dirige un centro di formazione professionale in provincia di Milano, dove risiede. Dalle perizie tecniche sembra sia risultata socialmente pericolosa e con disturbi alla personalità che la renderebbero a tratti incapace di intendere e volere.
Da qui la richiesta della misura di sicurezza del ricovero in una casa di cura per la 52enne.

Commenti
Ci sono 4 commenti
O. Manni
Paul Manoni 2012-11-14 13:09:13
Un pò come le suore degli istituti/lavanderie irlandesi "Magdalene"...Dal 1998 al 2011. 13 anni di abusi e violenze private ai danni della ragazza. Non fatico molto a capire il perchè questa si sia poi suicidata. Nel farattempo, la suora si occupava di...FORMAZIONE! Un bel esempio, insomma.
Michele 2012-11-14 22:52:16
Senza parole. "Dalle perizie tecniche sembra sia risultata socialmente pericolosa e con disturbi alla personalità che la renderebbero a tratti incapace di intendere e volere" nessuno si è accorto prima?
O. Manni
Paul Manoni 2012-11-15 03:51:21
@Michele, sapessi quanti sono i casi in cui queste cose sono arcinote, conosciute ed evidenti, e non si fa nulla di nulla per arginarle o per assicurare questi soggetti alla giustizia...! Sistematicamente quando emergono porcherie simili, si prendono i soggetti, li si allontanono per fa calmare le acque e non far scoppiare "scandali", li si affida con lo stesso identico impiego, ad altre realtà identiche, ma altrove. Guarda ciò che accadde al Provolo di Verona. Quasi 40 anni di violenze ed abusi sessuali ai danni di persone sordo mute, perpetrate da 25 dei 26 insegnanti religiosi dell’epoca. Uno di questi insegnanti, oltre ad essere stato "il pupillo di Paolo VI", è pure in odore di beatificazione (!!!).
Davide 2012-11-20 14:54:35
Sono un alunno di quella scuola.. Sinceramente non ho mai notato fatti o parole che potessero condurre a un comportamento socialmente instabile. In questa settimana molte persone si sono chieste dove realmente fosse finita visto che nessuno si è degnato di dirci nulla. Abbiamo scoperto per caso questa notizia. Pensare le volte in cui tutti siamo andati nel suo ufficio, anche solo per giustificare un' assenza, rimanendo anche soli con lei. Sono senza parole!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!