SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

L’Archeoclub di Senigallia presenta a scuola la preistoria

Per le scuole "Pascoli" e "Puccini" una riproduzione di strumenti dell'epoca

Lavorazione pietra nella preistoria

L’Archeoclub di Italia-Sede di Senigallia, nel centenario della nascita dell’indimenticabile fondatrice Luigina Pieroni e nell’ambito della Settimana della Cultura appena conclusa, ha offerto agli alunni delle terze classi delle Scuole primarie Pascoli e Puccini l’allestimento “in situ” di un laboratorio didattico finalizzato alla riproduzione di strumenti preistorici, all’accensione del fuoco e all’uso di arco e frecce nelle battute di caccia.Dopo una breve presentazione dell’iniziativa a cura di Mariella Bonvini Triani e di Mario Mencarelli, rappresentanti il Direttivo dell’Associazione, protagonisti dell’incontro sono stati l’archeotecnico Carlo Pagani, perito meccanico, collaboratore del “Museo della Preistoria” di San Lazzaro di Savena e da anni animatore di laboratori di Archeologia Sperimentale in Musei, Scuole e Convegni, il quale ha materialmente realizzato, in tempo reale, primitivi strumenti litici quali chopper, amigdale, raschiatoi, punte di freccia ed altro, nonchè il dottor Paolo Negri, laureato in Archeologia e profondo conoscitore della Preistoria che ha illustrato con rigorosa competenza, ma con linguaggio semplice e facile, le varie fasi delle attività.

I ragazzi, attenti e partecipi, hanno con entusiasmo applaudito lo sprigionarsi di vivaci fiammelle da un piccolo cumulo di foglie secche nonché la simulazione della caccia ad un cervo sagomato in polistirolo a grandezza naturale.

Le insegnanti, da parte loro, hanno apprezzato la puntuale attinenza ai programmi ministeriali dell’attuale offerta didattica dell’Archeoclub che da oltre trent’anni gratuitamente mette le sue risorse al servizio della Scuola, offrendo agli alunni occasioni per meglio comprendere contenuti talora di difficile assimilazione.

Ancora una volta il Club conferma la volontà di seguire la strada aperta dalla maestra Luigina Pieroni della quale custodisce un piccolo, ma prezioso campionario ad uso didattico di frammenti ceramici dell’insediamento piceno di Montedoro, classificati in Soprintendenza e affidati a Lei che con i suoi piccoli alunni li aveva raccolti, custoditi e segnalati.

Consapevole di questo impegno, pertanto il Club continuerà a mettere a disposizione delle Scuole materiali didattici accumulati negli anni, proposte di itinerari di interesse archeologico nell’ambito del centro storico, nonché competenze professionali finalizzate all’apprendimento ludico della Lingua latina.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno