SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Da Auto Blu ad Auto Bianche, risolto così il problema tagli all’Asur senigalliese?

... non vorrei che fosse la verniciatura a fare il "Monaco"...

Auto dell'Asur Area Vasta n2

Il lunedì di Pasqua mi trovavo sul sagrato della chiesetta dell’Ospedale Civile per una cerimonia funebre di un’amica di famiglia, quando gli occhi mi sono caduti su sei vetture ben schierate e parcheggiate sul lato sinistro, guardando la chiesa, della piazzetta.

Tutte nuove di zecca. Tutte con la targa iniziale “E“. Quattro di queste, risalendo sempre alla loro doppia sigla “E” ed numero di targa quasi consecutivo, credo ritirate proprio da pochissimi giorni dal concessionario.

Or dunque. Da mesi si parla, a livello nazionale e non solo, di tagli. Tagli ai vitalizi di coloro che si ritengono potenti, tagli ai loro stipendi, tagli ai loro benefit, taglio alle auto blu. Appunto, se ne parla, forse anche troppo, anche se poi non si va tanto più in là.

Ora a queste “chiacchiere salottiere” si sono aggiunte anche le discussioni, i dibattiti, le trasmissioni televisive, su quelle che vengono chiamatedistrazioni” di denaro all’interno dei partiti politici. Fuori le si chiamerebbero rapine, furti, appropriazioni indebite. Invece dentro la “Casta”, che poi tanto casta non è, forse per il solo fatto che alcuni di costoro sono parlamentari, per salvaguardare il loro perbenismo vengono definiti, capitali distratti.

Ma tra i “distratti“, nel senso reale della parola, ci sono anche i capi bastone, che preferiscono fare meglio la parte degli ingenui, degli sprovveduti, dei fessi, pur di non confessarsi corresponsabili con i loro tesorieri che avrebbero dovuto controllare. Un premier politico, dovrebbe essere come un generale. Dovrebbe risponde sempre di tutto e di tutti, anche del suo ultimo soldato semplice. E come qualsiasi militare che si rispetti, il suo obbligo morale è affrontare le difficoltà de visu e non girando le spalle ed incolpando gli altri.

Ecco che allora, come semplice cittadino, vedendo quelle macchine che facevano bella mostra, mi sono posto delle domande a cui gradirei che qualcuno, gentilmente, potesse darmi delle risposte. Dal momento che sono uno di quelli che pagano, vorrei conoscere, vorrei sapere, non vorrei fare la parte di colui che mette la teste sotto la sabbia. Insomma, se c’è da brontolare lo vorrei fare a ragion veduta.

Premetto subito che non lo faccio per indagare, temendo chissà quali sotterfugi o pensando a chissà quali “distrazioni“. Ma solo per avere alcune informazioni in merito, poiché anche nei confronti della Sanità, si parla e si legge sulla stampa, quasi quotidianamente di tagli, di riorganizzazioni, di Area Vasta, di ridimensionamento, di delocalizzazione del personale, ed il tutto per contenere i costi. E solitamente quello che non mancano sono le “Rassicurazioni“. Io a queste preferisco dei dati concreti per potermi fare poi una “mia idea” personale.

Allora, onde non fare la figura, come dicevo, del “Cittadino distratto“, nel senso più appropriato della parola (al più farò quella del malfidato o quella del fesso), gradirei sapere il perché di questo parco macchine rinnovato, quando le auto blu (e credo che anche queste dovrebbero rientrare nella statistica nazionale) dovrebbe essere ridotto. Gradirei conoscerne il costo totale di questa operazione, da che organo è partita l’idea ed il perché della scelta temporale in questi momenti di crisi.

Inoltre il tipo di alimentazione di queste vetture (benzina, gasolio, metano, GPL), il numero esatto del parco autovetture e quante di esse siano state recentemente sostituite. Infatti, sei erano lì, ma solitamente vengono utilizzati anche altri parcheggi, quali quello del Poliambulatorio al Campo Boario.

Chiedo inoltre se sia stata presa in esame la possibilità di acquisto di auto solo elettriche e non ibride (se non dà il buon esempio il pubblico e chi lo deve dare?), viste le percorrenze che voglio credere dovrebbero essere cittadine. E se si, la motivazione per cui si sia preferito optare allora per quelle tradizionali.

Ultima domanda: perché non sono tutte di un unico modello con cilindrata minima, ma abbiamo anche motorizzazioni maggiori? Una specie di ammiraglia? Che compito svolge e da chi viene solitamente usata?

Un “grazie” anticipato e sincero a chi potrà e – in principal modo – vorrà, fornirmi le risposte.

Commenti
Ci sono 3 commenti
gino s. 2012-04-14 14:01:57
la tassa fissa sul ticket di 10 euri, inventata da berlusconio e accolta a braccia aperte da spacca (PD) mentre umbria e toscana si sono rifiutate di applicarla ha servito a qualcosa...
gino s. 2012-04-14 14:37:18
le macchine almeno posso essere spostate! se tra un paio di anni chiudesse l'ospedale di senigallia potrebbero essere trasferite a fabriano, così sarebbero di servizio magari anche a gubbio e gualdo tadino!! la struttura ospedaliera invece è un "immobile" e non avrebbe alternative se non quella della "riqualificazione" a residence con 400 mini-appartamenti turistici. Basterebbe una seduta di consiglio comunale col tema all'ultimo punto dell'ordine del giorno, senza alcuna discussione preliminare e con voto rapido alle 4 di mattina. Così si saprebbe sulla stampa il giorno dopo in tutta sorpresa e a cosa fatta.
Claudio 2012-04-15 14:38:05
Anche se può centrare poco sull'argomento, anch'io avrei una protesta da fare. Come queste auto sono uno spreco di soldi, al distaccamento ospedaliero di (...omissis...), abbiamo un addetto allo sportello incapace, incompetente, e non ha voglia di lavorare. Quindi anche lo stipendio di questo signore è uno spreco di soldi, dei NOSTRI soldi.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!




Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura