SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Senigallia, sulla variazione di bilancio interviene la Fiamma Tricolore

De Amicis: "Si sono penalizzate le fasce più deboli della popolazione"

1.316 Letture
commenti
Soldi, euro, banconote, monete

Giovedì 29 marzo, durante l’ultimo consiglio comunale, è stata approvata la variazione di bilancio per l’anno in corso 2012 che introduce l’IMU, l’imposta municipale (Legge n.214/11 del 22 dicembre 2011) approvata in Parlamento con i voti di PD, PDL e Terzo Polo.

Evidenziamo gli aspetti più importanti:

a) La vera novità dell’IMU rispetto all’ICI è il concetto di abitazione principale. L’abitazione principale era stata totalmente esentata dall’ICI nel 2008 dall’allora Governo Berlusconi. Dal 2012, con l’IMU, l’abitazione principale torna ad essere oggetto d’imposta. Attenzione a non confondere abitazione principale con prima casa. Per abitazione principale si intende il fabbricato nel quale il possessore dimora abitualmente e risiede anagraficamente. Cioè ad esempio se un soggetto possiede una casa a Senigallia ove risiede, ma ad es. per motivi di lavoro, ha il suo domicilio in un’altra abitazione di proprietà in un altro comune, nessuna delle due unità immobiliari potrà essere considerata abitazione principale. Inoltre le aliquote previste per l’abitazione principale si estendono anche alle pertinenze: magazzini, locali di deposito, cantine, soffitte, garage, rimesse, tettoie, chiuse o aperte.

b) Per gli anni 2012 e 2013, c’è la possibilità di una maggiorazione sulla detrazione pari a 50 euro per ciascun figlio di età non superiore a ventisei anni, purché dimorante abitualmente e residente anagraficamente nell’unità immobiliare destinata ad abitazione principale fino ad un massimo di 400 euro (8 figli). Attenzione: la maggiorazione della detrazione per la presenza di figli non ha alcun rapporto con il concetto di figli a carico. La maggiorazione spetta comunque anche se il figlio lavora e ha redditi propri. L’importante è che il figlio dimori abitualmente e risieda anagraficamente nell’abitazione principale dei genitori.

c) La base imponibile sul quale viene applicata l’aliquota per la determinazione dell’imposta si ottiene moltiplicando la rendita catastale (o il reddito dominicale) con il moltiplicatore dato dalla categoria catastale, rivalutato del 5% se fabbricato (del 25% se terreno). I moltiplicatori sono:

–    160 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale A e nelle categorie catastali C/2, C/6 e C/7, con esclusione della categoria catastale A/10;
–    140 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale B e nelle categorie catastali C/3, C/4 e C/5;
–    80 per i fabbricati classificati nella categoria catastale A/10 e D/5;
–    60 per i fabbricati classificati nel gruppo catastale D (con esclusione della categoria D/5), tale moltiplicatore sarà elevato a 65 a decorrere dal 1º gennaio 2013;
–    55 per i fabbricati classificati nella categoria catastale C/1;
–    130 per i terreni. Per i coltivatori diretti iscritti alla previdenza agricola il moltiplicatore è ridotto a 110.

Quindi la formula per il calcolo della base imponibile per un immobile fornito di rendita catastale sarà dunque:
Rendita al 1° gennaio 2012 + Rivalutazione del 5% x moltiplicatore della categoria dell’immobile; (per un terreno agricolo :
Rendita al 1° gennaio 2012 + Rivalutazione del 25% x coefficiente 110 o 130).

d) La legge che istituisce l’IMU ha stabilito le seguenti aliquote d’imposta:

–    0,4% per l’abitazione principale, modificabile dello 0,2% in aumento o diminuzione;
–    0,2% per i fabbricati rurali (ad uso strumentale del coltivatore diretto), i comuni possono ridurla a 0,1%;
–    0,76% per i terreni che non producono reddito fondiario e per quelli concessi o affittati a terzi, modificabile fino a 0,4%;
–    0,76% per i restanti casi, modificabile da 0,46% a 1,06%.

e) Se il Comune non delibera aliquote diverse, si intendono vigenti le aliquote previste per legge.

f) Il gettito dell’IMU relativo alle abitazioni principali (e ai fabbricati strumentali all’attività agricola) va interamente ai Comuni, mentre è riservata allo Stato la metà   dell’imposta dovuta per tutti gli altri.

g)    Per l’anno 2012 Senigallia ha adottato queste aliquote:

–    abitazione principale 0,4%;
–    altro tipo di immobile che non risulti abitazione principale 1,06%;
–    immobile con locazione a canone concordato 0,4%;
–    immobile con altro tipo di locazione 0,86%;
–    pr gli immobili strumentali come il negozio per il commerciante o il laboratorio per l’artigiano 0,79%.

Con questo cosa accadrà? Si sono penalizzate le fasce più deboli della popolazione, i redditi bassi,  i piccoli commercianti e le attività legate all’agricoltura. Per le prime abitazioni si poteva applicare l’aliquota minima dello 0,2% al posto dello 0,4%. Non ci vuole una laurea in Economia per capire che l’IMU non fa distinzione tra un cittadino che guadagna poche migliaia di euro con un altro cittadino che ne guadagna 100 mila ed entrambi vivono in abitazioni che hanno la stessa rendita catastale: ambedue pagheranno lo stesso importo.

Quindi l’aliquota allo 0,4% metterà in serie difficoltà soprattutto i redditi bassi, le persone sole, le famiglie monoreddito, le giovani coppie ed i precari che ancora pagano il mutuo. Inoltre si poteva applicare lo 0,46% alle categorie che riguardano gli albergatori, i piccoli-imprenditori, i commercianti, gli artigiani che caratterizzano il vero tessuto economico della città sempre più a rischio chiusura.  Ulteriore scandalosa ed inaccettabile iniquità riguarderà gli agricoltori diretti, che da un potenziale 0,1% saranno costretti a pagare un vero salasso sui propri beni strumentali (0,79%). Ma non era stato proprio l’ultimo governo Prodi ad esentare l’ICI alle fasce più deboli e introducendo una tassazione progressiva legata al reddito sui terreni?

Grazie Mangialardi, che bella sorpresa che troveremo nell’uovo di Pasqua che scarteremo domenica prossima ! Un ringraziamento anche alle opposizioni inesistenti che hanno a cuore solo ed esclusivamente l’attività di famiglia e falsi problemi (tassa di soggiorno e manager turistico), e “alla destra invisibile” come sempre assente. Per questo noi della Fiamma Tricolore nei prossimi giorni ci attiveremo con una raccolta firma per chiedere  l’ abbassamento dell’aliquota sull’abitazione principale e sui beni strumentali che riguardano le categorie più colpite da una crisi voluta dalle banche a dai loro burattini.

Commenti
Ci sono 3 commenti
Marcello Liverani
Marcello Liverani 2012-04-02 20:30:15
E ora prepariamoci a sentire i componenti dell'amministrazione di Senigallia che diranno che facciamo populismo! Penso che sia palese per TUTTI che questa Amministrazione ha deciso di STANGARE i cittadini senigalliesi applicando aliquote alte o altissime in alcuni casi. Alla prima casa potevano applicare lo 0,2%, ed invece no, un bel 0,4%...agli imprenditori lo 0,46%, ed invece no, un bel 0,79%...agli agricoltori diretti si poteva applicare lo 0,1%..ed invece no, una GRAN BELLA STANGATA dello dello 0,79%.
Prepariamoci a sentire anche che il Comune ci "rimetterà" dei soldi, come mi è stato detto ieri da un Consigliere. Avete mai visto un Comune che ci rimette? Io francamente no, ho sempre visto i Comuni che non sanno gestire e che sanno invece sprecare benissimo il denaro pubblico non effettuando dei veri tagli alla spesa o indirizzando le risorse su quello che fa più comodo. Fateci caso, a Senigallia tanti lavori urbanistici di "grossa taglia" ma mica riasfaltano le decine e decine di strade che versano in condizione pietose...mica investono sulla sicurezza...è sempre la solita solfa, a parole piangono cassa, ma per quello che interessa i soldi li trovano sempre!
Prepariamoci anche a sentire che questo "povero" Comune non avrebbe potuto fare di meglio su queste aliquote...però mica dicono che ad ottobre nessuno sapeva di questi nuovi introiti. Ora i nuovi entroiti sono arrivati per una legge nazionale, e invece che AIUTARE I CITTADINI applicando le aliquote minime, si sono applicate ben altre aliquote che riempiranno le casse comunali, ma mai sapremo come poi verranno spesi questi soldi.
Riflettete gente, riflettete...perchè continuare a farsi prendere per i fondelli è veramente assurdo. Noi della Fiamma Tricolare ci attiveremo per raccogliere le firme per chiedere un riequilibrio di queste aliquote. Inutile dire che coinvolgeremo l'intera cittadina per raccogliere quante più firme possibile e portarle sul tavolo di questi fenomeni!!!
E' ora che il popolo incominci a far sentire la sua voce, non facciamoci mettere il guinzaglio!!!
A presto comunicheremo il giorno, il luogo e l'orario del banchetto che metteremo a disposizione dei cittadini TUTTI!
martin pescatore 2012-04-03 10:29:56
CON I SOLDI CHE INCASSERANNO LI INVESTIRANNO SICURAMENTE PER ALTRI " ORTI PER ANZIANI" PENSO CHE CON TUTTO IL LAVORO E I SOLDI CHE STANNO SPENDENDO PER QUESTI FAMOSI "ORTI", FACEVANO PRIMA E SICURAMENTE SPENDEVANO MENO A FARE UN CONTRATTO CON UN NEGOZIO DI FRUTTA E VERDURA E LA REGALAVANO AGLI ANZIANI CHE DOVRANNO ENTRARE IN POSSESSO DEGLI ORTI......
Marcello Liverani
Marcello Liverani 2012-04-03 13:46:28
Occhio agli "orti", pare che siano pieni di "cetrioli", e tutti destinati ai cittadini, gentilmente elargiti dall'attuale Giunta che ci amministra...ora capisco perchè Campanile, sul palco della festa di carnevale, lanciava alla folla caramelle a volontà...era un espediente per "addolcire" le "pillole" dell'Amministrazione.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS