SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

IMU, il segretario PD scrive al Sindaco di Senigallia, Maurizio Mangialardi

Allegrezza: "Ti chiedo a nome del PD di non portare la tassazione all'8,6 per mille"

2.502 Letture
commenti
Netservice - Web design, costruzione siti internet
Maurizio Mangialardi

Caro Sindaco,
scelgo questa inusuale lettera perché tengo a rendere pubblica una richiesta che ti rivolgo a nome del PD mentre la tua Amministrazione sta predisponendo la stesura della variazione al Bilancio.

Voglio ricordare a tutti che il Comune di Senigallia è l’unico grande comune della provincia e non solo che ha votato il bilancio a dicembre, nei tempi dovuti per legge.  Una scelta lungimirante oltre che corretta perché comunque vi ha messo da subito in grado di operare, pur nella difficoltà del momento.

Ecco la crisi, una crisi assai grave dalla quale il Paese stenta ad uscire,anche se, grazie al Governo Monti, i pericoli più seri sembrano allontanati.  Sono però stati necessari provvedimenti assai onerosi che con i decreto “salva Italia” abbiamo sostenuto con responsabilità.  Provvedimenti che pesano e peseranno sulle spalle dei cittadini, basti pensare alla riforma delle pensioni, alla prospettiva dell’IVA al 23%, alla reintroduzione della vecchia ICI sulla prima casa.

Ora questa tassa, detta IMU, sarà pagata ai comuni, quindi anche al nostro e ci sarà la possibilità per la nostra amministrazione di usare quei fondi per i senigalliesi, consentendo di non tagliare servizi essenziali.  Resta il fatto che, in questo momento di crisi, anche i cittadini di Senigallia sentiranno comunque il peso pure di questa tassa, che graverà faticosamente sul bilancio familiare.

So che questo è inevitabile purtroppo, ma almeno sui beni strumentali, cioè su negozi, capannoni, alberghi, uffici, luoghi quindi di lavoro, oggi spesso in difficoltà, ti chiedo a nome del PD di non portare la tassazione all’8,6 per mille, come oggi previsto.
Lo so che i Comuni stanno pagando i tagli peggiori e che è quindi difficilissimo, ma noi vorremmo poter dare un segnale di comprensione delle gravi difficoltà in cui versa il mondo del lavoro.

Caro sindaco mi auguro che tu, la tua giunta, il nostro gruppo, direi l’intero Consiglio Comunale, saprete fare le scelte più opportune, sapendo che la gente oggi vive grandi difficoltà e ha bisogno quindi di comprendere al meglio che state lavorando non per vessarli con nuovi balzelli, ma per far sì che tutti insieme si superi al meglio questo difficile momento.

Buon lavoro

Elisabetta Allegrezza
Segretario PD di Senigallia

Commenti
Ci sono 2 commenti
Un povero tra i poveri (di politica) 2012-03-18 15:52:17
"LA COMMEDIA DA BURATTINI"
La segretaria del PD chiede al Sindaco di non applicare la percentuale dell'8,6 per mille sui beni strumentali, cioè su negozi, capannoni, alberghi, uffici, luoghi di lavoro, come se il sindaco fosse di un altro partito, come se già non ne avessero discusso. Forse Mangialardi deve avere il ruolo, nella commedia, di colui che è purtroppo obbligato ad applicare certe percentuali IMU ed il PD nel ruolo, nella commedia, di quello che invece pensa per i commercianti, ma fosse in preda ad una crisi di astinenza da PDL. Ma siccome in tutte le commedie da BURATTINI qualcuno viene bastonato in questa chi sarà?
Guarda caso, i soliti poveracci, i cittadini di Senigallia. Lo spettacolo dei BURATTINI di solito li seguono i bambini per farli sorridere, ma questo non è un giochino per bambini l'IMU è per adulti e non fa sorridere anzi si piangere, almeno risparmiateci lo spettacolo da BURATTINI, anche se siete di legno, compresa la testa, come i burattini.
Marcello Liverani
Marcello Liverani 2012-03-18 15:55:32
Ottimo!!! Se il Segretario del PD chiede al Sindaco, anche egli del PD, scrivendogli una lettera aperta, questo vuole due cose sole in politica. O c'è un disaccordo interno e quindi si usa la "lettera aperta" per "convincere" usando la platea del pubblico, oppure è in atto il "gioco delle parti", che altro non sarebbe quello di far fare bella figura pubblicamente a qualcuno avendo però già deciso il tutto a tavolino prima di scrivere, quindi uno stratagemma politico ad effetto per la platea. Ora, quale delle due soluzioni sarà quella giusta? Al momento è difficile saperlo, ma il tempo è galantuomo e ce lo dirà.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS