SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Concessioni balneari, SIB Confcommercio: “Non vogliamo delegittimare nessuno”

La replica: "La priorità è uscire dalla direttiva europea, non servono i miraggi di OASI Confartigianato"

2.553 Letture
commenti
Teatro Portone - spettacolo 19 febbraio 2012
I rappresentanti di SIB-Confcommercio: Ciccolini, Monachesi, Pasquini

Il comunicato stampa emesso dal segretario della Confartigianato Giacomo Cicconi Massi, aldilà di affermazioni particolarmente dure nei confronti del SIB-Confcommercio, accusato di operare una completa mistificazione della realtà con l’obiettivo di delegittimare l’avversario, in realtà non contesta nulla di quanto affermato da questo sindacato.
Il documento Oasi-Confartigianato al quale si fa riferimento, lo abbiamo letto anche attentamente e oltre le 3 pagine di principi anche da noi condivise, per le restanti 8 pagine, è tutto dedicato ai criteri da adottare nelle aste ad “evidenza pubblica” con “paletti” a favore degli attuali concessionari. Criteri peraltro soggetti ad eventuali ricorsi.

La volontà di SIB-Confcommercio non è quella di delegittimare nessuno, l’unico scopo è di informare sullo stato dei fatti e di riaffermare la decisa volontà di impegnare il Governo e le Regioni ad operare in modo unitario con le organizzazioni sindacali per un unico obiettivo. USCIRE DALLA DIRETTIVA SERVIZI DELLA COMUNITA’ EUROPEA.

In questa battaglia, SIB-Confcommercio non è sola, in quanto il documento nel quale si riconosce è firmato e sostenuto da FIBA-Confesercenti, CNA-Balneatori e Asso balneari-Confindustria. Se poi si va su internet e su facebook si può scoprire come all’interno di OASI esiste un profondo e diffuso malcontento, basta leggere come esempio tra i tanti quanto scrive Marco Pardi dell’OASI-Confartigianato Toscana, che prende le distanze dal documento del Presidente Nazionale Mussoni, denuncia la poca democrazia interna nella stesura del documento e lancia una raccolta di firme destinata ai numerosi scontenti iscritti all’OASI, firme che verranno inviate al Ministro.

Ricordiamo che il Presidente Nazionale dell’OASI Mussoni è “proprietario” insieme a circa 30 concessionari del riminese del proprio stabilimento e quindi estraneo al problema delle aste.

Inoltre gradiremo sapere quale è il metro di misura adottato dal sig. Cicconi Massi nella sua dichiarazione dove afferma di rappresentare “più importanti stabilimenti della città“.

Sib-Confcommercio ha sempre rappresentato gli interessi di tutti i concessionari senza fare figli e figliastri.
Poi “l’ufficio disinformazione Confcommercio” è comunque a disposizione di tutti per i necessari chiarimenti per raggiungere l’obiettivo e non “i miraggi” dell’Oasi-Confartigianato.

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura