SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Estate senigalliese:

Quando gli 'indigeni' fanno la differenza.

1.306 Letture
commenti

Dopo i fuochi: simpatico e alquanto ironico modo di dire alla “senigalliese” che sta a significare più o meno arrivare a cose fatte e comunque troppo tardi. Il riferimento, evidente, è ai fuochi pirotecnici che tradizionalmente concludono a fine agosto l’estate senigalliese, soprattutto da un punto di vista turistico. E proprio “dopo i fuochi” è utile fare qualche considerazione sulla stagione turistica appena terminata. In particolare sugli eventi musicali, culturali ed aggregativi che hanno reso ancor più appetibile il soggiorno sulla Spiaggia di Velluto. L’Amministrazione comunale aveva anticipato, alla vigilia dell’estate, che nel redigere il calendario delle manifestazioni si sarebbe anzitutto utilizzato il criterio del minor costo possibile, vista l’esiguità delle risorse di bilancio. E così è stato. Alle manifestazioni dagli ‘effetti speciali’ (ad es. il Teatro Urbano) si sono preferiti eventi più circoscritti, modesti, ma in molti casi più efficaci ed interessanti. L’unico ‘fuoco d’artificio’, giusto per restare in tema, è stato il “Tim tour”, nei primi giorni di luglio. Il lungo ed ingombrante carrozzone che ha fatto sosta a Senigallia e che ha proposto artisti più o meno noti al grande pubblico soprattutto giovanile. Qualcosa di artificiale, appunto, costruito a tavolino per qualsiasi piazza d’Italia. E proprio il mettere a confronto iniziative come il “Tim tour”, o andando allo scorso anno, “Le veline” con produzioni nostrane, sollecita più di una riflessione. Quando Senigallia è meta di grandi eventi mediatici, legati soprattutto a spettacoli ingeriti dalle masse grazie alla televisione, di sicuro l’effetto promozionale è notevole. Basti un semplice esempio. Passeggiando tranquillamente in Val di Fiemme, durante una vacanza montanara, un gruppo di senigalliesi si è imbattuto in altri scarpinatori. Alla domanda ‘da dove venite’, la relativa risposta ‘Senigallia’ ha suscitato immediatamente una reazione inattesa: ‘Ah, le Veline!’. Qualche attimo di esitazione e dubbio, poi tutto si è fatto chiaro. La trasmissione più seguita dell’estate 2002 era partita proprio dalla nostra città, così come in altra estate il famigerato ‘squalo bianco’ aveva fatto rimbalzare la Spiaggia di Velluto agli onori della cronaca. Resta ben poco, comunque, di questi ‘polveroni’. Ciò che invece crea cultura, smuove le acque, mette in circolo energie e talenti locali provoca ricadute decisamente più positive. La “Festa della Musica”, “Zona Cesarmi”, “Summer Jamboree”, “Baracche e burattini”, il “Festival Organistico internazionale”, “Libri in piazza” ed altre tante piccole/grandi manifestazioni, pur con linguaggi, approcci ed interessi diversi, hanno in comune qualcosa di importante: la voglia di proporre alla città, al territorio, ai turisti momenti di svago, cultura ed aggregazione che partono da un vissuto, che parlano alla città dalla città, da chi in essa abita, vive e lavora. Pensando ai promotori di questi eventi, senza eccessivi romanticismi, ci piace immaginarli come persone profondamente legate alla loro città alla quale hanno voluto regalare qualcosa della propria professione, interesse o passione. Con l’unico obiettivo di renderla più accogliente, capace di compagnia, di serenità, di divertimento. Alla fine, a nostro avviso, le fatiche di questi appassionati sono state ripagate, perché le pagine più interessanti della nostra estate sono state firmate proprio da loro. Cosa che dovrebbe far pensare tutti, amministratori, operatori turistici, cittadini. È bello puntare in alto, allargare gli orizzonti ed osare coraggiosamente, ma sapere che anche tra le proprie case, nella quotidianità di una piccola città c’è chi ha nostalgia di cose più vere, che parlano anche della nostra storia fa davvero bene.
di Laura Mandolini

La Voce Misena
Pubblicato Giovedì 18 settembre, 2003 
alle ore 9:57
Come ti senti dopo aver letto questo articolo?
Arrabbiato
In disaccordo
Indifferente
Felice
D'accordo

Commenti
Ancora nessun commento. Diventa il primo!
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno