SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
Luca Bonvini - Officina impianti GPL e metano - Senigallia

“Lasciate in pace i fiumi”

La coalizione di centro sinistra commenta l'evento promosso a Senigallia da GIS e Caritas con Mario Tozzi

1.433 Letture
commenti
Alveo del fiume Misa dopo interventi di ripulitura

Il convegno di venerdì 10 maggio, svoltosi al “Gabbiano” e promosso dal Gruppo Imprenditori Senigalliesi e dalla Fondazione Caritas con forte partecipazione di cittadini e di imprese sul tema complesso “Rischi Imprese Prevenzione Sviluppo” è stato importante, anzi, secondo noi, molto importante.

La presenza e l’intervento di Mario Tozzi, geologo, Primo ricercatore CNR e divulgatore scientifico molto apprezzato, hanno portato finalmente anche qui da noi ossigeno culturale europeo e nazionale, certamente raro.

Lo scenario è presto detto: saluto istituzionale del Sindaco Olivetti, che comunica di doversi assentare brevemente per i soliti “improrogabili impegni ufficiali”. Invece non si è più visto! Un assessore o almeno un consigliere della maggioranza erano in sala? Forse che sì forse che no; faranno sapere: nel caso, si tratta comunque di inopportunità grave, secondo noi.

Segue l’ing. Babini, Regione Marche, il vero Commissario straordinario per il post-alluvione. Dopo parole in libertà su opere ciclopiche, che neanche i Faraoni d’Egitto avrebbero pensato, vengono descritti i procedimenti in atto, da cui possiamo estrarre per brevità una sola nuova informazione importante: il 16 maggio in Regione due Università e la Fondazione CIMA (soggetti tecnico-scientifici) illustreranno indagini e studi ed un sistema di proposte per la riduzione del rischio. Non è chiaro: idee – un piano organico – programmi – progetti o cosa? Comunque ci segniamo in agenda la data e chiederemo-valuteremo la documentazione finalmente in arrivo sul tavolo del Commissario. Per il resto, non una parola sui ponti a Senigallia e in tutta la valle, né sul cantiere quasi fermo della vasca di Bettolelle-Brugnetto!

Poi Mario Tozzi. “Lasciate in pace i fiumi” questo il principio generale, scientificamente documentato, da cui partire per ridurre il rischio idrogeologico in zone molto e male urbanizzate come sono valli e versanti italiani; la valle del Misa-Nevola non fa eccezione, pur non arrivando agli estremi della pianura padana o di certe isole molto turistiche. Le vittime ed i danni anche recenti lo dimostrano, purtroppo.

Qui, dopo oltre dieci milioni di euro spesi per interventi in “somma urgenza”, (se continua così , finirà chissà quando!) e grazie agli “scienziati da tastiera”, ma soprattutto al populismo senza freni di Regione Marche, Commissario Straordinario e Comune di Senigallia dobbiamo purtroppo dire che la sicurezza del territorio è diminuita, non aumentata! Di fumo negli occhi della gente per stupire e “far vedere di fare” ne è stato prodotto tanto. L’esito, per ora, è il seguente: alvei larghi e canalizzati, sfregio della biodiversità e dei paesaggi fluviali, sabbie e limi depositati come capita (vedi casello A14), aumento della velocità e della quantità delle acque di piena in arrivo in città, dove la capacità di deflusso è di circa 300mc/s a fronte di una portata massima di 590 mc/s nell’alluvione del 2014. Se poi disgraziatamente la crisi climatica recasse un’altra tempesta simile a quella del settembre 2022, la situazione sarebbe ancora più grave.

Che non accada mai più è un’umana speranza di tutti noi, ma non basta.

Si dovrebbero quindi “rinaturalizzare i fiumi”, studiare e riprodurre gli esempi molto concreti e ben più complessi già realizzati in Germania, Francia e altrove. Si dovrebbero realizzare in pochi mesi – un anno le prime vasche di espansione; non “i cinque anni per dormire sonni tranquilli” di una famosa incredibile dichiarazione dell’ing. Babini di qualche mese fa. Ripetiamo ancora una volta che il ponte San Giorgio di Genova è stato realizzato in 15 mesi, tutto compreso! Ogni riferimento non è affatto casuale.

Partito Democratico
Diritti al Futuro
Vivi Senigallia
Vola Senigallia

Commenti
Ci sono 5 commenti
frulla_48
frulla_48 2024-05-14 06:59:56
vedo la Caritas a fianco della miniìoranza
giorgiobecci 2024-05-14 10:45:52
è tutto vero, purtroppo
barrett 2024-05-14 15:48:26
Purtroppo il fatto che il Sig. Sindaco se ne sia andato subito dopo il saluto iniziale e che non ci fosse la presenza di nessun esponente della sua maggioranza, dimostra come non sappiano dare risposte a fronte di argomentazioni precise e specifiche. È molto facile gettare fumo negli occhi deI semplice cittadino che non conosce a fondo tutti gli aspetti del problema.
barrett 2024-05-14 15:53:08
Poi via a celebrare 50 metri di asfaltatura in via Chiostergi come fosse un'opera di ingegneria paragonabile alla costituzione delle Piramidi. Intanto dei ponti da rifare o da ristrutturare nen c'è traccia......
miguel2 2024-05-14 21:33:22
Vergognoso, mi domando ma c'è ne uno capace di fare qualcosa in questo paese?
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura