SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa
SenigalliaNotizie.it - Metti il tuo banner

Maiali uccisi a martellate in un allevamento a Senigallia: a processo titolare e operai

L'associazione Essere Animali, che documentò le violenze e i maltrattamenti agli animali, è stata riconosciuta parte civile

2.529 Letture
commenti
Maiali maltrattati a Senigallia - Dal video di Essere Animali

È iniziato lunedì 15 gennaio, presso il Tribunale di Ancona, il processo a carico del titolare e di due operai di un allevamento di maiali situato a Senigallia dove, nel 2018, l’organizzazione per la tutela degli animali Essere Animali aveva documentato, con un video shock, l’uccisione di una scrofa malata a martellate e altri episodi di violenze nei confronti degli animali allevati.

L’associazione è stata riconosciuta come parte civile nel processo a carico del titolare dell’allevamento e del capo operaio che impartiva gli ordini, mentre il secondo operaio è stato ammesso dal giudice alla misura della messa alla prova. Nel rinvio a giudizio si legge che i tre sono imputati, in concorso fra loro: “del reato di uccisione di animale (544 bis c.p.), per la morte di suini non commerciabili, perché non deambulanti, procurata attraverso ripetuti colpi di mazza al cranio, e del reato di maltrattamento di animale (544 ter c.p.), poiché procuravano maltrattamenti agli animali allevati nell’azienda, sottoposti a sevizie, per crudeltà e senza necessità, nella specie consistite nell’utilizzo ingiustificato di bastoni in metallo o altri strumenti con cui venivano violentemente colpite anche scrofe incinta o suinetti di pochi giorni”.

Maiali maltrattati a Senigallia - Dal video di Essere AnimaliIl video è stato realizzato con una telecamera nascosta da un investigatore sotto copertura, assunto a lavorare all’interno dell’allevamento, appartenente al circuito DOP. Dopo la denuncia di Essere Animali alla procura di Ancona, il Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale Carabinieri di Ancona aveva effettuato un’ispezione nell’allevamento sequestrando un pungolo elettrico e le attrezzature per la castrazione dei suinetti, che sarebbero stati utilizzati al di fuori delle disposizioni consentite dalla legge, nonché la mazza di ferro con cui venivano colpiti i maiali malati. Una brutale procedura che sarebbe stata adottata invece di ricorrere all’abbattimento di emergenza che prevede lo stordimento efficace degli animali.

Il caso ha avuto una notevole rilevanza a livello nazionale, e nei giorni successivi alla diffusione delle immagini delle violenze sugli animali da parte dei telegiornali, la città di Senigallia si è riversata in piazza per chiedere la chiusura di quello che è stato ribattezzato ‘allevamento degli orrori‘. Chiusura che è avvenuta nei mesi successivi per scelta dell’azienda, al cui esterno vi era oramai un presidio fisso di protesta.

“Con una campagna pubblica abbiamo chiuso un allevamento dove venivano commesse violenze sugli animali di inaudita gravità. Ora il nostro impegno continuerà sul piano legale per chiedere la condanna penale nei confronti degli autori di questi comportamenti, i quali  non potevano non avere piena consapevolezza di commettere un atto illegale che provoca dolore e sofferenza prolungata agli animali.n particolare, il titolare ha rivestito il ruolo di mandante di quei comportamenti o comunque non ha vigilato su quanto accadeva all’interno della struttura”, commenta Simone Montuschi, presidente di Essere Animali.

da Associazione Essere Animali

Allegati

Video di Essere Animali su YouTube documenta maltrattamenti e uccisione degli animali
(Attenzione: contiene immagini forti, che potrebbero turbare la vostra sensibilità)

Commenti
Ci sono 3 commenti
romolo
romolo 2024-01-17 17:07:46
Speriamo che ci sia una condanna esemplare per persone di siffatta risma, delinquenti comuni.
miguel2 2024-01-17 19:03:20
Troppe violenze su questi poveri animali.
Non sono vegano ma un conto e far vivere una vita dignitosa ad un essere vivente un conto e trattarlo in questo modo o peggio come abbiamo visto in questi giorni sui giornali dove cani e gatti sono stati uccisi per gioco.
Non posso scrivere quello che gli farei io a queste persone perchè nella nostra cara finta democrazia sarei io quello da biasimare, vorrei poter confidare nella legge come romolo ma sappiamo già tutti che sarà l'ennesima sentenza inadeguata.
Glauco G. 2024-01-19 11:40:33
Gente malata...non posso pensare altro che ..gente malata. Io faccio parte della categoria che mangia carne e mangerà carne ma le cose devono cambiare...basta allevamenti intensivi...se manca un po di pollo al supermercato amen..mangeremo altro quel giorno..preferico che manchi invece di sapere che molti kg vengono buttati via...basta allevamento disumano in "celle" da 1m x1 m e tutto il giorno a mangiare robaccia in box terribili..basta maltrattamenti..basta anabolizzanti..basta spostamenti disumani su rimorchi disumani...basta torture....so che è un discorso banale e populista ma basta...davvero! preferisco veder sparire offerte dove si pagano 330g di pollo a 3,84 euro (preso da penny a casa)...paghiamo di più mangiamo di meno e iniziamo a trattare come meritano questi animali. E' un grido a vuoto lo so...ma trobppe bestie gestiscono allevamenti di animali.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!


Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS

Partecipa a Una Foto al Giorno