SenigalliaNotizie.it
Versione ottimizzata per la stampa

Marche verso la zona arancione, Acquaroli: “Si tenga conto dell’economia”

"Potremo essere vincolati a queste restrizioni anche per lunghe settimane: questo deve essere fin da subito chiaro a tutti”

2.175 Letture
Un commento
Francesco Acquaroli

Le Marche verso la zona arancione. Ad annunciarlo sui social in maniera ufficiosa è stato il Presidente della Regione Marche Acquaroli: “Ho definitivamente appreso dalla conferenza Stato Regioni di questa mattina (ndr: 14 gennaio) che il criterio prevalente di valutazione per l’assegnazione del colore alle regioni non è più solo quello dell’indice RT, ma soprattutto quello della valutazione del “rischio”, e cioè in base allo stato di occupazione delle terapie intensive, delle strutture ospedaliere, alla stima dei focolai e altri fattori. Quindi non è bastato abbassare le soglie RT per l’assegnazione delle fasce, ma hanno ritenuto di andare anche oltre”.

Una nuova scala di valori che rischia di creare non pochi malumori: “Questi continui e repentini cambi dei metodi di valutazione creano disorientamento. Dunque, di fatto, se anche le Marche domani avranno l’indice RT sotto ad 1, rischiano seriamente di finire in fascia arancione. Queste osservazioni le ho poste stamattina nell’incontro con le Regioni e i Ministri competenti, e ho chiesto ancora una volta un confronto su scelte così impattanti per tutti noi. Anche perché, alla luce del voto favorevole in Parlamento avvenuto ieri dopo l’informativa del Ministro Speranza, potremo essere vincolati a queste restrizioni per lunghe settimane. Questo deve essere fin da subito chiaro a tutti”.

Il governatore non vuole comunque sottovalutare l’impatto e la pericolosità della pandemia: “Deve anche essere chiaro che sono preoccupato per l’evolversi della pandemia e non voglio essere superficiale, per questo chiedo da settimane un confronto che non si basi solo sulla mera lettura dei numeri, che dicono tanto ma non raccontano tutto. Oltre a questa preoccupazione, c’è anche la consapevolezza dell’esasperazione e della difficoltà di tenuta del sistema socio-economico, già sottoposto ad una pressione prolungata. La salute e la sicurezza sono imprescindibili ma esse sono anche legate alle esigenze concrete della quotidianità. Spero che il Governo tenga conto di quanto richiesto, ora restiamo in attesa delle decisioni definitive”.

Commenti
Solo un commento
fredvargas
fredvargas 2021-01-14 19:14:42
Non solo è superficiale, ma dà proprio l'idea di aver sentito odore di elezioni e quindi di cominciare a dare spallate, a fare proclami generici tanto per attirare l'attenzione.
ATTENZIONE!
Per poter commentare l'articolo occorre essere registrati su Senigallia Notizie e autenticarsi con Nome utente e Password

Già registrato?
... oppure Registrati!
Scarica l'app di Senigallia Notizie per AndroidScarica l'app di Senigallia Notizie per iOS





Cronaca
Politica
Cultura e Spettacoli
Sport
Economia
Associazioni
Fuori dalle Mura